Skin ADV
Giovedì 15 Aprile 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





07 Dicembre 2012, 10.15

Psicologia - Genitori/1

I segnali del disagio nei nostri figli

di Gianpiero Rossi
Gianpiero Rossi affronta in questo primo di due articoli sul disagio tre comportamenti che si manifestano nei bambini e nei ragazzi: irrequietezza, timidezza e rabbia. E per ciascuno qualche consiglio per i genitori su come aiutare i propri figli
 
Ho spesso genitori che si rivolgono per problematiche dei figli, ma non sempre è possibile motivare il figlio a fare un percorso psicologico su di sé
 
In questo caso non posso che aiutare il genitore a risolvere direttamente la situazione. In alcuni casi è anche la soluzione migliore per ridare fiducia al genitore nelle sue capacità di educazione dei figli.
 
Vediamo alcuni dei problemi tipici in cui il disagio si manifesta e come gestirlo.
 
L'irrequietezza
E’ chiamata anche iperattività. E’ agitato, non solo di giorno ma anche di notte. Instancabile, sempre in movimento ed incapace di soffermare il proprio interesse ed attenzione nel tempo. Si distrae quindi rapidamente, cambiando gioco o attività. A scuola non riesce a stare nel banco. La difficoltà a concentrarsi lo limita nel rendimento e apprendimento. Anche nel rapporto con gli altri può essere disturbante, nervoso nei suoi interventi, interrompendo i discorsi degli altri e ponendo domande a volte fuori luogo.
 
Chi gli sta intorno s’innervosisce a sua volta. Le punizioni non ottengono nulla: si calma per un po’ e poi riprende da capo anche più di prima. I genitori, a fronte di questo problema d’ansia rischiano di peggiorare la situazione irritandosi e portando altra tensione fino a farlo sentire travolto dalle sue paure ed incompreso. Il bambino nel suo disagio in continuo movimento comunica la sua angoscia e cerca così di placarla scaricando la tensione, come fanno anche molti adulti agitati.
 
Come aiutarlo?
Comprendere questo bisogno sottostante al comportamento di disturbo, facendolo esprimere all’interno di un dialogo fatto d’attenzione, sostegno e ascolto attivo. Ha bisogno di un appoggio stabile nei genitori che trasmetta quella calma e sicurezza che ancora non ha. Così come ha bisogno di qualcuno che nell’attesa di questa evoluzione sia in grado di tollerare la sua ansia ed offrire un modello di riferimento a cui ispirarsi.
 
Purtroppo nell'assurda frenesia che ci circonda è difficile non ricadere noi stessi in un continuo e veloce susseguirsi di attività dove più corriamo, più siamo perennemente insoddisfatti, stressati e angosciati da altri impegni che ancora vorremmo fare. Diamo noi prima l’esempio di fermarci quando è necessario e soffermarci con la giusta qualità e ritmo che meriterebbe il nostro stile di vita.
 
 
La timidezza
Può costituire un vero e proprio disturbo psicologico se compromette il normale rapporto con la realtà e se altera il rapporto con gli altri. Può risolversi acquisendo sicurezza e fiducia in sé e negli altri.
 
E’ normale che dopo i tre anni, quando si apre alla relazione, sia impacciato ed insicuro. E’ un disagio quando la preoccupazione e l’ansia per ciò che pensano gli altri sono tali da bloccare il suo comportamento fino a rinchiudersi in sé e isolarsi.
 
Riconosciamo i segnali di un silenzio eccessivo, se si isola dal gruppo, non partecipando al gioco collettivo o rifiutando di interagire con i compagni. Evita di fare domande nel timore di risposte negative e preferisce ritirarsi.
 
A volte ha problemi di linguaggio, fino alla balbuzie. In altri casi evita tutte quelle situazioni difficoltose dichiarandosi subito incapace.
 
Come aiutarlo?
Evitare un rapporto eccessivamente protettivo spesso caratteristico delle madri, che non lo aiuta di certo ad acquisire autonomia ed indipendenza.
 
I padri dovrebbero lasciare andare l’autoritarietà ed esigenza sui tempi di espressione o su abilità eccessive. Di fronte agli inevitabili sbagli o insuccessi risparmiare rimproveri, giudizi negativi e critiche persistenti, in modo da contenere gli effetti par lui dannosi delle frustrazioni. Devono essere rassicurati, confermati, gratificati da conferme positive.
 
 
La rabbia
Può esplodere o essere repressa: in quest’ultimo caso si trasforma in frustrazione ed insoddisfazione, oppure senso di colpa e paura della propria aggressività. La funzione della rabbia è un meccanismo di protezione dalle minacce, dall’ingiustizia, sopraffazione, violenza. Consente al piccolo di difendere i propri diritti.
 
Ma la rabbia è difficile da accettare, specie se espressa male. Ci spaventa e la reprimiamo sul nascere; la liquidiamo dicendole che sono capricci. Mentre dentro di sé può pensare: “perché non stai con me e non mi ascolti”? “Perché non mi domandi cosa è successo prima di punirmi?” “Perché te la prendi sempre con me per il solo fatto si essere più grande di mio fratello?
 
Come aiutarlo?
Permettendogli di esprimere i suoi sentimenti, anche quelli più imbarazzanti, invece di reprimerli. Contenere la rabbia in forme adeguate di espressione ma non reprimerla. La rabbia repressa può trasformarsi in risentimento e aggressività distruttiva. Rispettare le emozioni in atto significa aiutare a gestirle, contenerle e permettere opportunità accettabili di comunicazione.
 
Nella seconda parte di questo articolo verranno descritti i disagi che si nascondono dietro le bugie, i furti, i disturbi alimentari.
 
Gianpiero Rossi
c/o Studio di Medicina Clinica via Pasubio 6, Lumezzane. 030.826409

 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/12/2012 10:15
Bugie, disturbi alimentari e furti dei nostri figli In questo secondo articolo sul disagio dei bambini lo psicologo lumezzanese prende in esame altri tre comportamenti che si possono manifestare, fornendo preziosi consigli ai genitori su come venirne a capo grazie ad esempio all'ascolto attivo

06/05/2015 14:41
Mala Educaciòn Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

31/07/2014 08:15
In vacanza coi figli Il tempo della vacanza è il tempo in cui cambiano i ritmi quotidiani e andare in vacanza con i figli richiede programmazione e preparazione

15/11/2014 08:00
Separazione: come ragiscono i figli? La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

17/03/2013 10:10
Per ogni mago ci vogliono tanti stolti Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi prende spunto dall'ultimo episodio di un mago-truffatore arrestato in questi giorni in provincia di Modena per riflettere sulla stoltezza di molti nel lasciarsi abbindolare da pochi furbi, senza sapersi assumere la responsabilit del proprio disagio



Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier