Skin ADV
Venerdì 04 Dicembre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





15 Novembre 2014, 08.00

Pillole di psicologia

Separazione: come ragiscono i figli?

di Annalisa Croci
La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

La separazione comporta una ristrutturazione individuale e familiare, le relazioni fra le persone devono quindi essere riorganizzate pur mantenendo il ruolo genitoriale.
È un processo che richiede agli adulti di rivedere e modificare la relazione di coppia, sciogliere il legame, ma mantenere il progetto genitoriale sul minore.

Si tratta di differenziare il progetto coniugale da quello genitoriale, processo non semplice, che spesso incontra liti e forti divergenze.
Infatti la coppia che decide di lasciarsi deve andare verso la chiusura, mentre il rapporto fra padre e figlio o madre e figlio deve restare intatto.

Spesso l’adulto può avere molte difficoltà ad affrontare tale periodo, chiedendo spesso supporto al figlio o rendendolo partecipe in modo troppo diretto di ciò che accade; chiedendo anche di tenere la parte a sé, schierandosi contro l’altro genitore.

La separazione di per sé non è traumatica, lo diviene se non si riesce a mantenere un costante riferimento affettivo ed educativo, se il genitore non è più quell’immagine rassicurante e base sicura.
È un evento emotivo forte, che può assumere carattere di traumaticità se viene fatto sperimentare al bambino in tal modo.

Infatti la conflittualità fra genitori produce effetti negativi sul benessere dei minori; più il bambino è piccolo sperimenta emozioni ancor più forti e spesso pensa, erroneamente, che si modifichino i legami che i genitori hanno con lui.
I bambini si trovano a dover elaborare una perdita e spesso provano sentimenti di colpa, pensando di essere la causa di tutti i cambiamenti e dei litigi fra mamma e papà.

La separazione dunque porta a sperimentare molte emozioni con elevata intensità, ad esempio: abbandono, rabbia, impotenza e frustrazione, o ancora dolore, solitudine, isolamento; potrebbe non sentirsi più protetto o amato dalle figure genitoriali.

La relazione fra coniugi o compagni può finire,
importante dunque è preservare il figlio dalle liti, dai conflitti accesi e spiegare cosa sta accadendo in modo comprensibile; è importante inoltre accogliere la rabbia e le reazioni dei bambini/adolescenti, essere ancor genitori attenti e affettuosi per i propri figli.

Dott.ssa Annalisa Croci
PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA
CEL. 334.2357696
Via della Ferrovia 13, GAVARDO
Piazza del Comune 15, PREVALLE

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/08/2014 07:43
La depressione La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare

15/06/2012 11:00
Lo sconosciuto che abita in noi Ci sono delle domande che ci terranno impegnati per un po' di tempo: cosa ci porta a prendere una strada piuttosto che un'altra? Cosa ci sostiene nella scelta? Quali sono le nostre radici?

31/05/2013 09:00
Coppia in tuta...addio eros Se nella coppia lui e lei si abbandonano a comode routine, aprono le porte alla trascuratezza e rischiano di mettere in crisi il loro rapporto; perch accade e come evitarlo

06/09/2011 07:00
Nuovo amore? Vivilo così... Chi vive un nuovo rapporto d’amore con la costante paura di perderlo, mette in campo involontariamente comportamenti controproducenti: come evitarli

26/12/2012 09:00
Un regalo che vale Si avvicinano le feste e i negozi sono pieni di belle cose da regalare; oggetti con tanti lustrini e carte colorate ci invogliano ad entrare e ad acquistare qualcosa per i nostri cari.



Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

12/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/1

La prima parte di un articolo dello psicoterapeuta Gianpiero Rossi con alcuni pratici consigli lungo la strada del recupero dal male della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier