Skin ADV
Lunedì 23 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





01 Gennaio 2015, 12.02

Psicologia & Benessere

Che cosa fare se hai esagerato?

di Gianpiero Rossi
E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo

Ho scritto nei giorni scorsi come prevenire l'eccesso di cibo durante le vacanze, fra cui il Pdf gratuito: 11 trucchi salva peso & no-dieta per superare indenni le gozzoviglie di fine anno e l’articolo Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno.

Che cosa fare se qualcuno ha comunque mangiato troppo nei giorni scorsi?

Chiunque mangia troppo, a volte; questo è normale.
La differenza è che per alcuni, un episodio di eccesso di cibo scatena una reazione a catena: "Ho già rovinato tutto; Potrei anche continuare a mangiare”.
Oppure: “Rinvio la mia dieta domani (o all’inizio del nuovo mese). Questo è il ciclo ripetitivo esagerazione-pentimento-privazione-nuova esagerazione.

Le persone che non lottano con il cibo mangiano troppo solo occasionalmente.
La differenza è che se anche possono sentirsi dispiaciute, non si sentono in colpa e non si puniscono. 
Sentono solo il disagio e saltano semplicemente il prossimo spuntino o rinviano il pasto successivo o hanno voglia di mangiare di meno, e/o volere fare una passeggiata. Non puniscono se stesse.
Ascoltano la saggezza del loro corpo in modo da compensare naturalmente l'eccesso di cibo occasionale.
Il mangiare consapevole può aiutare a tornare a questo stato naturale.

Come aiuta la consapevolezza.

La consapevolezza è semplicemente l’attenzione nel momento presente.
Mangiare consapevole consente di concentrarsi sugli effetti immediati del mangiare più di quanto necessario, piuttosto che condannarti per le conseguenze che avrai. Ti permette di realizzare aggiustamenti e imparare dall'esperienza.

Un piccolo esempio:
Siediti in silenzio per qualche istante e diventa completamente consapevole del tuo corpo. Nota come ti senti. Concentrati sulle sensazioni che riconoscerai la prossima volta che ti capita di mangiare troppo.
Il tuo stomaco si sente pieno, disteso o gonfio?
C'è qualche disagio o dolore?
I tuoi vestiti si sentono stretti?
C'è qualche nausea o bruciore?
Ti senti a corto di fiato?
Com’è il tuo livello di energia?
Ti senti assonnata, pigra, stanca?
Hai meno probabilità di ripetere l'errore, se ti ricordi come ci si sente a mangiare troppo (toglie ogni piacere fittizio, vero?).

Non condannarti.
Mangiare troppo è semplicemente mangiare più di ciò che il tuo corpo ha bisogno in quel momento.
Troppo non significa che eri "cattiva". Significa solo che hai fatto un errore, in modo da non perdere la lezione!
Trasforma il tuo errore in un’esperienza di apprendimento.

Ci sono un sacco di motivi per cui la gente mangia oltre il punto di soddisfazione: abitudini, comportamenti appresi, diete privanti e mangiare insensatamente.
Chiediti: "Perché è successo" e "Che cosa potrei fare diversamente la prossima volta?".
"E 'stata un'occasione speciale."
È molto più probabile mangiare troppo se ti concedi il permesso di cibi piacevoli in occasioni speciali. Non hai però bisogno di una scusa per avere un meraviglioso pasto, quindi perché usare un'occasione speciale come una scusa per mangiare troppo? Tu decidi quanto e quando, non l’occasione.

Aspetta quando ti senti di nuovo affamata. Piuttosto che continuare a mangiare con l'orologio, ascolta il tuo corpo.
Potresti non essere affamata al tuo solito spuntino o persino il tuo prossimo pasto.
Quando arriva di nuovo la fame, nota ciò che hai voglia di mangiare. Potresti notare che sei affamata di qualcosa di piccolo o di leggero, forse un piatto di minestra o di cereali, un pezzo di frutta o un'insalata.

A poco a poco impara ad avere fiducia e rispettare ciò che il tuo corpo ti dice.
Come diventi più consapevole, cercherai naturalmente equilibrio, varietà e moderazione.

Ultimo, non utilizzare l’esercizio per punire te stessa per eccesso di cibo.
Il movimento deve rientrare nel piacere energetico, non nella punizione. Invece, sii fisicamente attiva in modo consistente e utilizza il carburante per vivere una vita piena e soddisfacente.

Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica
Lumezzane - tel. 030 82 64 09
Body Mind Center, Salò - tel. 0365 21 318
gprossi@intelligenza.it
www.magrapersempre.it


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/12/2014 08:39:00
Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione? Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


25/05/2015 07:00:00
La presenza mentale, non solo col cibo La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

19/12/2014 07:03:00
Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

05/01/2013 10:00:00
Come far durare la perdita di peso dopo la dieta Nell'articolo settimanale lo psicologo lumezzanese Gianpiero Rossi passa in rassegna uno studio americano realizzato su un campione di donne e sui comportamenti da tenere per riuscire a mantenere il peso forma anche dopo aver concluso la dieta

19/05/2013 09:10:00
Voglie dispersive e associative In questo secondo articolo lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi passa in rassegna voglie che drenano la salute e diminuiscono l'energia e voglie associative con le quali scopriamo qualcosa di più profondo



Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

12/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/1

La prima parte di un articolo dello psicoterapeuta Gianpiero Rossi con alcuni pratici consigli lungo la strada del recupero dal male della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier