Skin ADV
Lunedì 23 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



05 Gennaio 2013, 10.00

Psicologia - Cibo/4

Come far durare la perdita di peso dopo la dieta

di Gianpiero Rossi
Nell'articolo settimanale lo psicologo lumezzanese Gianpiero Rossi passa in rassegna uno studio americano realizzato su un campione di donne e sui comportamenti da tenere per riuscire a mantenere il peso forma anche dopo aver concluso la dieta
 
La perdita di peso graduale ha migliori risultati a lungo termine rispetto alle perdite consistenti e improvvise. Riuscire a mantenere il peso è la chiave per far tesoro della dieta.
 
C’è tanta offerta su come dimagrire ma non su come porre fine all’effetto “yo-yo” che fa recuperare il peso dopo una dieta, anche efficace. Vediamo cosa si può fare al riguardo.
 
In uno studio su 267 donne di mezza età in sovrappeso o obese (con un Indice di Massa Corporea tra 27-40), è stato dimostrato che le donne sottoposte ad una formazione per otto settimane in tecniche per stabilizzare il proprio peso prima di entrare in un vasto programma di dimagrimento hanno mantenuto il peso raggiunto rispetto alle donne che iniziavano direttamente la dieta. Tutte le donne hanno ritrovato un po’ di peso, ma è stato circa la metà di quelli trattati con la formazione. L'obiettivo dello studio era quello di evitare le variazioni di peso dopo la dieta.
 
I ricercatori evidenziano che molti interventi di perdita di peso con successo a breve termine, lasciano irrisolto il problema di mantenere il peso a lungo termine. Tipicamente, una parte o tutto il peso ritorna dopo la dieta, portando al cosiddetto effetto "yo-yo”.
 
Nello studio hanno suddiviso le donne in due gruppi: nel primo le donne ricevevano subito un programma di 20 settimane di dimagrimento, seguito da uno di otto settimane di “problem-solving” con moduli di formazione in cui sono stati dati consigli sui modi per mantenere la perdita di peso.
 
Nel secondo gruppo le donne hanno avuto la formazione delle cosiddette "competenze di stabilità" otto settimane prima di entrare nel programma di perdita del peso.
 
Le competenze insegnate erano volte a ottimizzare giorno per giorno la soddisfazione nel loro stile di vita e a insegnare l’autoregolamentazione nelle abitudini per mantenere il loro peso. Ad es. apprendevano i principi di bilancio energetico, le dimensioni delle porzioni adeguate e di essere fisicamente attive senza sentirsi private ​​o insoddisfatte. In altre parole è salvaguardato il principio del piacere Vs. privazione che ho sempre affermato come fondamentale nei precedenti articoli.
 
Nel controllo del peso per monitorare le fluttuazioni, le donne erano aiutate su come non sentirsi in colpa o preoccupate. Erano suggerite abitudini di vita facili e veloci da attuare, piccole regolazioni facili con il minimo sforzo e come superare inevitabili battute d'arresto con fiducia.
 
Entrambi i gruppi hanno perso quantità simili di peso durante le diete identiche di 20 settimane - circa il 9% del loro peso corporeo -, ma le donne che hanno avuto la formazione delle "competenze di stabilità" erano più in grado di mantenere il loro nuovo peso rispetto alle altre che hanno riacquistato il 43% del peso perso.
 
Questo tipo di programma è utilizzato dai club dimagranti d’avanguardia. Gli interventi hanno avuto una durata complessiva di sei mesi, dopo di che i partecipanti sono stati seguiti per altri dodici mesi per valutare il loro peso. Non ci fu alcun contatto personale durante il follow-up, quindi lasciate a se stesse per imitare reali condizioni in cui una donna vuole proseguire autonomamente dopo una dieta.
 
Lo studio è stato condotto da ricercatori della Stanford University School of Medicine e della University of Florida ed è stato finanziato dal National Institutes of Health americano. (1)
 
Essi hanno concluso che l'apprendimento delle competenze prima di perdere peso è riuscito ad aiutare le donne a mantenere la perdita di peso senza intervento del personale di contatto durante il follow-up. Essi suggeriscono che quest’approccio potrebbe aiutare il disegno di futuri interventi di dimagrimento.
 
Lo studio è rimbalzato recentemente su vari media internazionali. Il Daily Mail lo intitola come "Ritarda la dieta per due mesi mentre fai pratica”.
 
A cura di Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica, Lumezzane
Tel 030.826409, e-mail gprossi@intelligenza.it
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/05/2015 07:00:00
La presenza mentale, non solo col cibo La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

01/01/2015 12:02:00
Che cosa fare se hai esagerato? E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014 07:03:00
Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

17/02/2015 08:57:00
Alla ricerca della dieta perfetta Moltissime persone interessate alla nutrizione e salute si convincono che deve esistere una dieta perfetta. Cioè il modo di mangiare perfetto, il sistema nutrizionale ottimale, quel modo di consumare il cibo che supera tutti gli altri approcci

22/12/2013 09:37:00
Perché non possiamo controllare la fame emotiva Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi evidenzia alcune idee sbagliate che circondano spesso l'argomento del mangiare sotto la spinta di emozioni: l'effetto della dieta, l'insistere con più forza di volontà, la lotta con il cibo



Notizie da Pillole di psicologia
27/03/2015

Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet

Oggi l’accesso alla rete è sempre più facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


20/02/2015

Gli uomini pensano solo al sesso? E' colpa dell'evoluzione

A spiegare perché è uno studio che arriva dalla Norvegia

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


09/11/2014

Il Potere Metabolico dell'Integratore C - Consapevolezza

La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


28/10/2014

No alla coppia «sfogatoio»

Evita di riversare sul partner tutti i tuoi problemi di lavoro e proteggi la coppia dai fatti che non la riguardano, o la magia della relazione verrà meno

18/09/2014

La donna in menopausa

La menopausa indica il termine della fertilità e della capacità di concepire, è associata generalmente a cambiamenti importanti del fisico e del benessere psicologico, che possono alterare la routine della vita quotidiana

28/08/2014

Dai spazio alle intuizioni: «illuminano» il cervello

Le intuizioni sono "doni" del cervello che spesso vengono ignorati; se ascoltate possono migliorare la qualità della nostra vita



17/08/2014

La depressione

La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare

02/08/2014

Come aiutare i nostri ragazzi a fare i compiti

Lo studio e i compiti a casa dei nostri figli rappresentano spesso un problema per noi genitori, tanto che a volte diventano perfino un fertile territorio di scontro. Quali gli atteggimenti da adottare


11/06/2014

Ordinati o disordinati?

L’essere ordinati e prediligere ambienti precisi è sempre stato visto come qualcosa di positivo, che stimola e accentua caratteristiche psicologiche altruistiche, e l’accordo è unanime in letteratura; ma anche il disordine può esserlo?

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier