Skin ADV
Giovedì 27 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





21 Gennaio 2013, 09.00

I racconti del lunedì

Dieci giorni nella terra delle aquile - tre

di Ezio Gamberini
Terza puntata - venerdì 14 agosto. Questa mattina non possiamo esagerare, abbiamo fretta, così le partite a biliardino con Paolo saranno soltanto quattro o cinque...
 
...(e quando abbiamo premura arriviamo non al dieci, ma al meglio dei cinque).
Dopo avere attraversato Burrel e proseguito per una mezz’oretta, dal lago saliamo a destra per raggiungere Ulz, che avevo già visitato sette anni fa. Prima di entrare in paese si può ammirare la diga in tutta la sua maestosità.
Finalmente potrò ammirare la chiesa di S. Marco terminata, perchè a suo tempo c’era ancora la “sala culturale”, utilizzata negli ultimi anni come cinema, che domina la piazza e le case sottostanti del paese, che è proprio grazioso.
 
Paolo è il sindaco, amico di don Gianfranco e della missione, e pure di Ezio, Pierenzo, Mario, Alberto e tanti altri vobarnesi conosciuti nei loro precedenti viaggi in Albania.
Ci offre un caffè al bar del paese, dal cui terrazzo si può godere un panorama incantevole del lago.
Paolo è un personaggio davvero straordinario, primo cittadino di Ulz da poco tempo, che ha vissuto alcuni anni in Italia.
 
A suo modo è un sindaco rivoluzionario, perchè per la prima volta è riuscito a far pagare delle imposte comunali ai suoi concittadini, ma facendo loro capire che l’esborso è a beneficio del bene comune.
Che l’aria è cambiata l’ha capito, ad esempio, quando alcuni cittadini hanno cominciato a lamentarsi dei ritardi nella raccolta dei rifiuti (che purtroppo, in Albania, sono destinati ad essere ammonticchiati, ed ogni tanto bruciati; attraversando le vallate sono innumerevoli i pennacchi di fumo che n’attestano l’esistenza e, d’altra parte, anche nella missione avviene altrettanto).
 
Senza parlare della costruzione delle fognature, appena iniziata da Paolo, che in paese non sono mai esistite!
Certamente vi è anche il rovescio della medaglia, perchè all’inizio non era molto amato, e ritengo che la custodia che pende dalla sua cintura, stranamente vuota, non sia esattamente un porta telefono...
Il primo cittadino c’illustra queste cose con vera passione, ed all’improvviso qualcuno di noi urla “Viva il sindaco!” e parte un applauso fragoroso e spontaneo, che lo coglie meravigliato e commosso.
 
Gli chiediamo di poter visitare la centrale idroelettrica; sarebbe un bel colpo vedere la diga dall’interno.
Fa una telefonata: si può! Ci accolgono le maestranze, in testa il direttore, un giovane ingegnere, che ci guideranno nell’esplorazione.
Dapprima scendiamo, scalino dopo scalino, per alcune decine di metri, fino a quando scorgiamo delle turbine enormi.
Serafino è iper-agitato, chiede e s’informa meticolosamente.
La centrale è stata costruita dai russi nel 1957 e fino al 1975 ha fornito energia elettrica a tutta l’Albania (bisogna però tener conto che per ogni casa c’era una lampadina...).
In questo momento produce 100 milioni di KW/ora l’anno, ma il suo potenziale è di 150 milioni ed i dipendenti sono una sessantina.
 
Risaliamo le scale ed entriamo finalmente nella “sala comandi”: sembra di essere in un film di 007 anni ’60; una miriade di indicatori e comandi, pannelli, cartelli, tutti rigorosamente originali ed in carattere cirillico. Ve n’è uno, però, in particolare, che attira la nostra attenzione, in lingua albanese; lo facciamo tradurre.
Il cartello, scritto in grassetto, ammonisce: “Attenzione! E sempre attenzione, CHE CON LA TENSIONE SI SBAGLIA UNA VOLTA SOLA!”
 
Poco prima di uscire sostiamo un attimo sul piazzale dove fa bella mostra di sè un bunker di forma semisferica il cui diametro misura un paio di metri, rudere superstite dei settecentomila che il dittatore Enver Hoxha fece costruire per “difendersi” dal “pericolo occidentale”.
Viaggiando per l’Albania, se ne incontrano di svariate misure, sia in pianura sia in montagna. “Qui c’era anche una statua di Marx - ci rivela qualcuno che in quella centrale vi lavorava già allora, indicando un piedistallo accanto al bunker - Nel 1990 la facemmo volare nel fiume, che scorre una trentina di metri più in basso”.
 
Dopo i saluti ci dirigiamo verso Baz, che dista circa un quarto d’ora di macchina.
Quassù vi hanno lavorato i vobarnesi, a più riprese, ed il risultato degli sforzi è davvero notevole: una bella casetta costituita da una cucina accogliente e spaziosa, un elegante studio, due camere, ed al piano terra una grande stanza in cui pranzeremo. Ad una decina di metri c’è la chiesa, bella e spaziosa, che solo fino a qualche anno fa si presentava come un rudere, senza tetto, e tutto attorno, disseminate entro il diametro di quattro-cinquecento metri alcune tombe, singole o riunite in gruppi, che provocano un effetto particolare, non sgradevole ma insolito e misterioso; neppure a Washington, nel cimitero di Arlington, che ho visitato nel 2004, dove ci sono migliaia di lapidi e croci, ho provato simili sensazioni.
 
Voglio andare a visitarle.
Scopro la seconda “fissazione” degli albanesi, dopo quella dei matrimoni.
Queste tombe sono bellissime, contornate di marmi pregiati e fregi preziosi, chissà quanto sono costate! M’informo, ed apprendo che dopo il matrimonio, il funerale è tra le cause principali di indebitamento per queste genti.
Ed il rapporto col defunto è vissuto intensamente: non di rado le famiglie nei giorni di festa si recano sulle tombe dei loro cari sostando per pranzare, ed ho visto appoggiate su alcuni marmi caramelle, o sigarette, oppure bigliettini contenenti dei messaggi, quasi ad emulare l’antico Egitto e le arcaiche tradizioni funerarie.
 
A sera ceniamo in un ristorante alle porte di Burrel: antipasti di verdure cotte e alla piastra, formaggi di capra, una prima portata di carne, una di pesce e poi ancora una di agnello, con birra a volontà.
Il prezzo? Otto euro a testa!

Tratto dal volume “Ai cinquanta ci sono arrivato” – Ed. Liberedizioni
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/02/2013 08:30:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - cinque Quinta puntata - Domenica 16 agosto. Anche questa notte Rataplan ha abbaiato come un forsennato per ore...

14/01/2013 09:30:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - due Seconda puntata - Giovedì 13 agosto. Dopo la colazione, e la consueta dose mattutina di partite a pincanello con Paolo, si parte per lo "shopping" alla vicina città di Burrel

28/01/2013 09:30:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - quattro Quarta puntata - sabato 15 agosto. Il matrimonio. Oggi è il grande giorno: alle 16 saranno celebrate le nozze di Alessandro ed Elsa!

04/03/2013 08:30:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - nove Venerdì 21 agosto - Nel nome di Paolo. Il volo che ci riporterà a Verona parte alla 12 e 50, ma poco dopo le dieci raggiungiamo l'aeroporto. Nona e ultima puntata

11/02/2013 09:00:00
Dieci giorni nella terra delle aquile - sei Sesta puntata, lunedì 17 agosto. L'intenzione era quella di iniziare il viaggio alle otto, ma ieri abbiamo deciso di posticipare la partenza per Saranda di un'ora...



Notizie da I racconti del lunedi
22/06/2015

Ortensie blu

Pensavo fosse una battuta, invece Grazia riesce sempre a stupirmi. In giardino abbiamo una pianta di ortensie, il cui colore oscilla tra il bianco e il rosa...

08/06/2015

Mai sgurlì 'na pianta de s'ciafù

Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

25/05/2015

Una storia che non può funzionare

Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

20/04/2015

La botta

Alle sette e mezza mattutine, in una gradevole giornata di primavera ormai inoltrata, giacca e camicia per intenderci, basta maglioni, cappotti e giacconi, dopo aver estratto l’autovettura dal garage, attendo Grazia davanti alla cancellata...

06/04/2015

Il perdono

Arturo Pani conduceva con i genitori un piccolo bar, proprio a ridosso della grande fabbrica che dava lavoro a centinaia di persone...

30/03/2015

Sei eliminata!

Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

16/03/2015

La bicicletta

Chiara, la nostra ultimogenita, da gennaio si trova in Olanda per il progetto Erasmus, dopo essersi laureata nel luglio scorso in Psicologia, e fino a giugno frequenterà la specialistica all’università di Groningen

23/02/2015

E alura si dei brocc

La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella

09/02/2015

Il segreto per vivere a lungo

Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.

26/01/2015

Se questo è un uomo

Dal 1996 al 2010 ho compiuto per lavoro numerosissimi viaggi all’estero. L’avvenimento curioso e singolare che voglio narrare oggi è avvenuto la sera del 16 marzo 1998 nella sala d’ingresso dell’Hotel Bucuresti, a Bucarest

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier