Skin ADV
Venerdì 22 Gennaio 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



13 Novembre 2012, 08.00

Pillole di psicologia

Gli adolescenti ancora sorridono

di Mariella Bombardieri
L'adolescenza una malattia? Chiedono spesso i genitori in occasione di proposte formative rivolte a loro. Ci risponde Mariella Bombaridieri.
 
Leggendo articoli sui giornali, ascoltando  trasmissioni televisive spesso si ha la sensazione che l’adolescenza venga vista spesso  in un’ottica problematica e patologica e questo crea ansia ed accentua paure non sempre realistiche.
Addirittura vi sono genitori che si preoccupano se il figlio è tranquillo e non entra in conflitto con loro.
 
”Adolescenza”, sul dizionario è scritto: “fase della crescita dell’essere umano collocabile tra i 12- 14 anni ed i 18-20 anni caratterizzata da una serie di modifiche fisiche e psicologiche che introducono all’età adulta”. 
 
La definizione non mi soddisfa del tutto.
Troppo fredda e riduttiva.
Provo cosi’ a pensare agli adolescenti veri che conosco e a quanto i genitori dicono di loro.
Lucia una mamma mi racconta.”Com’è cambiato mio figlio basta vedere la sua  camera per capirlo: c’è piu’ disordine o forse un ordine piu’ personale in cui egli puo’ trovare comunque le sue cose. Sono spariti i pupazzi di “peluche” e le foto di quando era piccolo; li ho ritrovati chiusi in un cassetto. Sulle pareti sono apparsi poster colorati di personaggi che conosco a malapena ma che lui ama molto. La sua stanza  cambiata mi fa pensare a com’è cambiato lui e non solo fisicamente”.
 
Del resto la parola adolescenza deriva dal latino “adolescere”:  che vuol dire  crescere.
E quando si cambia si fa i conti con la novità, con emozioni prima sconosciute, con la ricerca di tempi e spazi nuovi, con l’attrazione verso nuove direzioni.
 
Manuel è un papà e ad un gruppo racconta: ”Ieri guardando fuori dalla finestra ho visto un grande albero ed ho pensato a noi genitori ed  a mia figlia che abbiamo accudita, sostenuta, magari non  accolta in tutti i suoi bisogni ma di certo amata con quello che eravamo in grado di fare. Quando  faccio capolino dalla porta della sua camera e la guardo mentre sta studiando, o è sul letto..o al computer…vedo questi cambiamenti  e quasi li sento”.
 
La  stanza in cui spesso l’adolescente  “si rintana” è un po’ il suo mondo dove a volte sta bene e a volte meno…ma che comunque è un posto per lui.
Non è strano che cerchi  un proprio spazio fisico e mentale. Il nostro compito di adulti è di accogliere, cogliere le loro idee ed emozioni senza riempire i loro vuoti delle nostre certezze.
 
Non è strano per l’adolescente piacersi un po’ di meno, non averne piu’ abbastanza della mamma che ti fa i complimenti, trasgredire a scuola non studiando o usando un linguaggio non sempre elegante magari per sembrare piu’ grande. 
Non lo è neppure se nostro figlio si sgancia un po’ da noi e comincia a dare attenzione a cio’ che sta fuori casa, se fatica a ritrovarsi in un corpo che cambia, se sente di essere attratto da persone dell’altro sesso.
 
Certo questi  segni di cambiamento rompono i nostri  schemi e ci confondono.
Dov’è finito il bambino che conoscevamo, che ci saltava in braccio e ci chiedeva le coccole? Perché fatichiamo a capirlo quasi usasse una lingua a noi sconosciuta?.
Non riusciamo a trovarlo perché lui è partito per un viaggio che lo porterà alla scoperta di un nuovo sé.
Non è un tradimento tutto questo. Non è il segno che noi non gli serviamo piu’.
Egli tornerà dai suoi viaggi e ci chiederà di ascoltarlo e di sostenerlo.
Ci chiederà la fiducia che lo aiuterà a superare le prove. Nel suo cercare porterà dentro la nostra immagine, il nostro esempio anche i nostri limiti che lo aiuteranno ad accettare i suoi.
 
Non sarà malato se in certi momenti smetterà di parlare, se sceglierà un abbigliamento che a noi non piace, se a volte avrà bisogno di attaccarci per stare meglio.
In questo periodo lo vedremo avanzare e indietreggiare e dovremo essere capaci di non ferirlo per le sue incongruenze che non vorrà dire non esprimergli il nostro pensiero ma solo farlo in un modo rispettoso.
Non dovremo arrabbiarci se a volte conterà piu’ il parere di un amico che il nostro, starà solo provando a farcela da solo…e un amico in questi casi puo’ essere davvero utile.
 
Vorrei concludere con le parole di una grande psicoterapeuta dell’adolescenza, F. Dolto.
Quando i gamberi cambiano guscio, per prima cosa perdono quello vecchio restando senza difesa durante il tempo necessario per fabbricarne uno nuovo. Per gli adolescenti è un po’ la stessa cosa. L’adolescenza è consumare le briciole dell’infanzia cercando le trame di un nuovo romanzo di sé e questo non accade solo al figlio accade anche al genitore che gli sta accanto”.
 
Mariella Bombardieri
 

Mariella Bombardieri, psicopedagogista, conduce colloqui individuali o a coppie, corsi di formazione dedicati a genitori, insegnati ed educatori, assistenti sociali e pedagogisti.
Lo fa a Gavardo, nel Centro di Psicologia Clinica e Formazione (Cfp) di via Fornaci, 4.
Per chi fosse interessato è previsto un colloquio di conoscenza ed analisi del bisogno formativo senza alcun impegno all'iscrizione successiva.
Per prenotare chiamare il 339.1238951 oppure lo 0365.373594.

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/11/2012 09:00
Con ali di farfalla Un libro della dottoressa Mariella Bombardieri, psicopedagogista che da tempo si occupa di resilienza e degli effetti del dolore sulle nostre vite.

18/10/2012 09:00
Se i figli hanno qualcosa da dire Quando due genitori si separano per i figli inizia un periodo critico, difficile che crea insicurezza, fragilit. Una condizione alla quale si pu trovare rimedio, basta sapere come fare

22/10/2014 07:00
Adolescenza e dintorni L’adolescenza è la fase della vita in cui forse avvengono le maggiori trasformazioni. Cambia il corpo, la psiche. Muta il pensiero che diviene capace di astrazioni.

30/11/2013 12:00
Rifiuto delle regole e condotte a rischio L'adolescenza un periodo critico, di difficolt personale e con il mondo esterno. Riguarda: identit, ruolo e posto nel mondo, desideri e spinte d'autonomia

13/05/2013 08:11
Come faccio ad essere un bravo genitore? Un altro appuntamento per il ciclo "Genitori in forma-zione". Questo luned 13 maggio alle 20.45 presso la sala consiliare di Villanuova sul Clisi la dottoressa Mariella Bombardieri , pedagogista e formatrice, interverr affrontando il tema "Come faccio ad essere un bravo genitore?"



Notizie da Pillole di psicologia
22/11/2020

Bambini ancora senza diritti e infanzia inascoltata

“Non riesco a immaginarmi come sarò da grande”. “Ci stanno mettendo paura. Ma tutti hanno paura del futuro”... E non sono i bambini del Covid


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

27/03/2015

Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet

Oggi l’accesso alla rete è sempre più facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


20/02/2015

Gli uomini pensano solo al sesso? E' colpa dell'evoluzione

A spiegare perché è uno studio che arriva dalla Norvegia

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


09/11/2014

Il Potere Metabolico dell'Integratore C - Consapevolezza

La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


28/10/2014

No alla coppia «sfogatoio»

Evita di riversare sul partner tutti i tuoi problemi di lavoro e proteggi la coppia dai fatti che non la riguardano, o la magia della relazione verrà meno

18/09/2014

La donna in menopausa

La menopausa indica il termine della fertilità e della capacità di concepire, è associata generalmente a cambiamenti importanti del fisico e del benessere psicologico, che possono alterare la routine della vita quotidiana

28/08/2014

Dai spazio alle intuizioni: «illuminano» il cervello

Le intuizioni sono "doni" del cervello che spesso vengono ignorati; se ascoltate possono migliorare la qualità della nostra vita



17/08/2014

La depressione

La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier