Skin ADV
Giovedì 04 Marzo 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



18 Ottobre 2012, 09.00

Pillole di psicologia

Se i figli hanno qualcosa da dire

di Mariella Bombardieri
Quando due genitori si separano per i figli inizia un periodo critico, difficile che crea insicurezza, fragilit. Una condizione alla quale si pu trovare rimedio, basta sapere come fare
 
Di fronte alle immagini della pubblicità nelle quali si vedono famiglie felici il figlio che vede i propri genitori lasciarsi si sente diverso, sbagliato.
La colpa però non è dei figli anche se alcuni arrivano a crederlo.
La separazione è dolorosa, per questo è importante prima di arrivare a questa scelta mettere in campo tutte le risorse affinché la coppia possa cercare di uscire dalla crisi, recuperare le relazioni perse, ritrovare il senso del legame familiare.

Quando però si arriva alla separazione allora i genitori devono impegnarsi per rendere questa transizione il meno dolorosa possibile.
I figli vivono comunque un disagio a causa di questo grande cambiamento che arriva nella loro vita ma non necessariamente svilupperanno patologie psicologiche.
Dipende molto dalla personalità di figli e genitori, dal contesto familiare e dal modo di affrontare questo evento.
 
Dipende dall’avere delle reti familiari e comunitarie capaci di sostenere e supportare piccoli e grandi.
In questa logica rientra l’esperienza dei gruppi di parola nati in Canada ed in Francia  che si sono poi sviluppati anche in Italia grazie all’impegno di mediatori familiari che fanno capo all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Brescia.
 
Ma cosa sono i gruppi di parola?
Sono una esperienza vissuta tra coetanei e con la presenza di un  mediatore, facilitatore  preparato che conduce il gruppo, tutela i bambini, li protegge e li aiuta ad esprimersi.
Stare insieme a cerchio con altri che hanno vissuto la stessa esperienza permette di abbattere il muro dell’isolamento favorendo un contatto ed uno scambio, dando voce alle proprie emozioni.
 
In gruppo è possibile trovare anche soluzioni che permettano al bambino di farsi ascoltare dai genitori che presi dal proprio conflitto rischiano di dimenticarsi di chi hanno di fronte.
Nel gruppo ci si trova per quattro incontri e nell’ultimo si invitano anche i genitori per permettere ai figli di esprimere loro un pensiero, un messaggio.
 
Il gruppo affronta temi seri ma siccome è rivolto a bambini ed adolescenti utilizza strumenti capaci di coinvolgerli: disegno, giochi di ruolo, la musica, il momento della merenda.
Stando insieme i figli accomunati dall’esperienza della separazione possono rielaborare un po’ il loro dolore.
Non vi è nulla di più negativo per un bambino che il doversi tener dentro la sofferenza o la rabbia. Parlare stempera le emozioni, permette di guardarle dal di fuori avendo un sostegno dai compagni del gruppo e da un adulto preparato.
 
I bambini sanno dire cose grandi che possono aiutare gli adulti a capirli meglio e a sostenerli.
Come Laura di 14 anni che in gruppo dice: ”Soffro molto del divorzio dei miei genitori. Ho male nella mia testa e nel mio cuore, darei qualsiasi cosa per tornare come prima”.
 
Come Giulia di 13 anni: ”Vado da mio padre ogni quindici giorni ma vorrei andarci più spesso e magari quando ne ho voglia”, o come Carlo: ”Quando vado da mio padre c’è sempre la sua fidanzata e lui non parla mai con me”. 
 
C’è una canzone che dice: ”Metti delle parole suoi tuoi mali, scrivili, gridali disegnali, cantali.. perchè possano come un falco volare molto alto. Delle parole di rabbia per aver troppo taciuto, delle parole tuonanti piene di mistero di una notte sfortunata in cui ti perdi, delle parole di tenerezza…. delle parole da lanciare alla cieca perché non ti si possa abbandonare, delle parole di speranza per meglio vederti e infine credere alla tua storia”.
 
Quando i bambini possono dire i loro pensieri e quando gli adulti pur nel dolore della separazione provano a starli a sentire allora la ferita si fa meno pesante ed apre alla possibilità di essere più sereni.
 
Mariella Bombardieri
 
Bibliografia: a cura di Costanza Marzotto “I gruppi di parola per i figli di genitori separati” Vita e Pensiero Milano 2010

 
La ds.ssa Mariella Bombardieri conduce colloqui individuali o a coppie, corsi di formazione dedicati a genitori, insegnati ed educatori, assistenti sociali e pedagogisti.
Lo fa a Gavardo, nel Centro di Psicologia Clinica e Formazione (Cfp) di via Fornaci, 4.
Per chi fosse interessato è previsto un colloquio di conoscenza ed analisi del bisogno formativo senza alcun impegno all'iscrizione successiva.
Per prenotare chiamare il 339.1238951 oppure lo 0365.373594.

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/11/2012 08:00
Gli adolescenti ancora sorridono L'adolescenza una malattia? Chiedono spesso i genitori in occasione di proposte formative rivolte a loro. Ci risponde Mariella Bombaridieri.

18/11/2012 09:00
Con ali di farfalla Un libro della dottoressa Mariella Bombardieri, psicopedagogista che da tempo si occupa di resilienza e degli effetti del dolore sulle nostre vite.

13/05/2013 08:11
Come faccio ad essere un bravo genitore? Un altro appuntamento per il ciclo "Genitori in forma-zione". Questo luned 13 maggio alle 20.45 presso la sala consiliare di Villanuova sul Clisi la dottoressa Mariella Bombardieri , pedagogista e formatrice, interverr affrontando il tema "Come faccio ad essere un bravo genitore?"

21/04/2015 09:55
L’elogio del dubbio 2 È ripartito anche  quest’anno il ciclo di incontri di Educativa Familiare denominato GENITORI IN FORMAzione. Il primo incontro di questo percorso si è tenuto martedì scorso a Villanuova sul Clisi e il secondo avrà luogo a Barghe questa sera


14/07/2012 09:50
A Gardone l'arte colpisce davvero Un'installazione unica, quella di Stefano Bombardieri che, nel cortile della Biblioteca Comunale "Villa Muti Bernardelli" riprende in chiave moderna il mito di Icaro



Notizie da Pillole di psicologia
17/02/2021

Dipendenza da caffè

Nel manuale diagnostico dei disturbi mentali, tra i disturbi legati alle dipendenze, è inserita la dipendenza da caffeina. Ma di cosa si tratta e come poterla gestire?

22/11/2020

Bambini ancora senza diritti e infanzia inascoltata

"Non riesco a immaginarmi come sar da grande". "Ci stanno mettendo paura. Ma tutti hanno paura del futuro"... E non sono i bambini del Covid


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

27/03/2015

Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet

Oggi l’accesso alla rete è sempre più facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


20/02/2015

Gli uomini pensano solo al sesso? E' colpa dell'evoluzione

A spiegare perché è uno studio che arriva dalla Norvegia

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


09/11/2014

Il Potere Metabolico dell'Integratore C - Consapevolezza

La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


28/10/2014

No alla coppia «sfogatoio»

Evita di riversare sul partner tutti i tuoi problemi di lavoro e proteggi la coppia dai fatti che non la riguardano, o la magia della relazione verrà meno

18/09/2014

La donna in menopausa

La menopausa indica il termine della fertilità e della capacità di concepire, è associata generalmente a cambiamenti importanti del fisico e del benessere psicologico, che possono alterare la routine della vita quotidiana

28/08/2014

Dai spazio alle intuizioni: «illuminano» il cervello

Le intuizioni sono "doni" del cervello che spesso vengono ignorati; se ascoltate possono migliorare la qualità della nostra vita



  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier