Skin ADV
Domenica 05 Dicembre 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




13 Maggio 2013, 08.11

L'intervista

Come faccio ad essere un bravo genitore?

di Giuseppe Maiolo
Un altro appuntamento per il ciclo "Genitori in forma-zione". Questo luned 13 maggio alle 20.45 presso la sala consiliare di Villanuova sul Clisi la dottoressa Mariella Bombardieri , pedagogista e formatrice, interverr affrontando il tema "Come faccio ad essere un bravo genitore?"

Vista la domanda accattivante, ma anche provocatoria, abbiamo chiesto alla relatrice di anticiparci alcuni punti del suo intervento.

Dott.ssa Bombardieri, come mai questo titolo e cosa vuol dire essere un bravo genitore?


Il titolo è un po' provocatorio. Parto dal fatto che molti genitori in consulenza mi pongono questa domanda a cui non c’è una risposta precisa. Come dico nel sottotitolo, io sostengo che essere un bravo genitore vuol dire avere il coraggio e l’umiltà far tesoro delle esperienze e sapere che è importante rifuggire dalle ricette già pronte.
La strada fondamentale per me è quella dell’interrogarsi. Non tanto sul fatto se sono un bravo genitore quanto piuttosto che bisogni ha mio figlio, che tipo di relazioni intrattiene a scuola o altrove.
Poi lascerei la domanda aperta in modo tale da non rinunciare a chiedermi anche chi siamo noi come genitori.

Perché, secondo lei, molti genitori si pongono il problema di essere bravi genitori o addirittura genitori perfetti?

Oggi i genitori hanno la fortuna di avere molte possibilità: si interrogano di più e hanno contemporaneamente molte fonti di informazione. Si corre però anche il rischio di un eccessivo psicologismo e vi è la tendenza ad aspettarsi dall'esperto una risposta.
Ci sono genitori ad esempio che hanno letto molti libri sulla genitorialità. Ma nello stesso tempo credo che ci siano molte famiglie fragili dove manca l’ autorevolezza. Molti genitori faticano a gestire i rapporti educativi e aumenta l'aspettativa che dall'esterno ci sia una ricetta pronta per essere bravi genitori.
Questo credo che sia anche dettato dal fatto che molti genitori oggi sono soli. E penso non solo ai genitori di altre culture ma anche quei genitori che non hanno attorno nessuna rete. Famiglie piccole, con legami ridotti. Aggiungerei poi un eccesso di insicurezza e la fragilità di noi adulti di fronte alle difficoltà.
Infine non dimenticherei il fatto che viviamo un tempo in cui c’è una esaltazione eccessiva del bambino che spesso non fa capire chi è il genitore e chi è il figlio, così di frequente assistiamo ad un’invesione di ruoli.

Secondo lei a questo punto qual è la sfida più importante che si dovrà affrontare sul piano educativo?

Io credo che una delle sfide più importanti sia quella di uscire dalla solitudine e tornare a creare legami sul territorio in modo da non lasciare soli i genitori e aiutarli confrontarsi con altri. La mia esperienza mi fa dire che il confronto con i pari ci aiuta a sentirci meno sbagliarti.
Poi non dimentichiamo che bisogna investire in termini di servizi alla famiglia e non solo servizi di cura del disagio ma soprattutto di prevenzione. Oggi purtroppo la grave crisi di risorse spinge a tagliare proprio questa.
Un'altra sfida è certamente quella di realizzare delle buone prassi educative che esistono perché ci sono molte belle esperienze fatte sul territorio che non vengono messe in circolo.
Una delle cose che mi appassiona di più è il tema della resilienza. Vengo da altre esperienze formative in zone di guerra, come il Ruanda e la Palestina, dove la resilienza è una forza che auita e serve. Oggi, dunque, la sfida è proprio quella aver fiducia nelle proprie risorse e coltivare la speranza: si può passare in mezzo a molte fatiche ma da queste si può uscirne più ricchi e forti, senza peraltro togliere nulla a quello che abbiamo sofferto. In questo senso la sfida è quella di non rinunciare perchè questo significa rinunciare al futuro della società.
Per finire direi di ricordare un’ultima sfida: quella che l'adulto sia adulto, cioè capace di prendersi delle responsabilità. E qui estenderei il discorso anche alla scuola e al mondo dello sport, quindi agli insegnanti, agli allenatori. Dobbiamo metterci tutti insieme per far crescere i figli perché, ad esempio, ci sono età particolari come l’adolescenza, dove Il genitore da solo non è sufficiente.

Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/06/2014 07:07
Le paure dei bambini e quelle dei genitori Stasera a Villanuova un altro incontro per il ciclo GENITORI IN FORMA-zione. Alle 20,30 nella sala consiliare del Comune, con la dottoressa Giuliana Beghini Franchini, psicologa e psicoterapeuta infantile. Le abbiamo chiesto di anticipare qualcosa sul tema

28/04/2013 13:35
La scuola secondo don Mazzi Questo luned 29 aprile alle 20.45, al teatro Corallo di Villanuova, don Antonio Mazzi, pedagogista e scrittore, interverr nel ciclo "Genitori in formazione" sul tema "La scuola che educa"

21/04/2015 09:55
L’elogio del dubbio 2 È ripartito anche  quest’anno il ciclo di incontri di Educativa Familiare denominato GENITORI IN FORMAzione. Il primo incontro di questo percorso si è tenuto martedì scorso a Villanuova sul Clisi e il secondo avrà luogo a Barghe questa sera


09/06/2013 15:00
Diamo le cose vere ai nostri ragazzi Nell'intervista a Ezio Aceti vengono anticipati i temi dell'ultimo incontro della rassegna "Genitori in forma-zione" in programma questo luned sera a Villanuova

15/01/2013 08:45
Adolescenti e genitori Spesso l'adolescente sembra fuggente, distante, silenzioso, non ha parole per il genitore: si nega al dialogo. Il genitore si sente allo stesso modo distante da lui, sente di non avere un linguaggio comune



Notizie da Genitori e Figli
13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il "Gioco del calamaro" la serie TV coreana che sta spopolando


14/09/2021

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile


04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversit e in particolare quelle riguardanti la sessualit

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da pi parti e da tempo, ormai, si dice che nell'educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese


19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C' da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

10/07/2021

In vacanza da soli. Adolescenti alla ricerca dell'autonomia

L'estate gi iniziata e le vacanze pure. Per la generazione del lockdown, oltre alla sensazione di una libert riconquistata data dall'allentamento delle restrizioni, c' anche un appuntamento importante per la crescita: la vacanza da soli

05/07/2021

Sfide e sport estremi, cosa ci sta dietro questi comportamenti

La notizia del ragazzo trovato morto la settimana scorsa alla stazione di Merano impressiona e sconvolge

26/06/2021

L'estate della ripresa e i progetti per il benessere familiare

Dopo il lungo tempo dell'allarme, sembra arrivare un po' di leggerezza. Ci prepariamo ad una nuova estate che speriamo serva a noi e ai figli per recuperare benessere psicologico e ridurre gli effetti dello stress

18/06/2021

Trovare risposte urgenti al disagio giovanile

"Sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti" scriveva cos Seid Visin, il ragazzo 20enne di Nocera Inferiore che si suicidato pochi giorni fa

15/06/2021

Le parole di odio in rete. Una forma di violenza da conoscere e arginare

"Vai a lavorare cretino!" e "Sei un escremento di rinoceronte" sono solo alcuni dei messaggi offensivi che il professor Roberto Burioni, virologo di fama, ha ricevuto nelle settimane scorse sui social

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier