Skin ADV
Sabato 27 Novembre 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




14 Settembre 2021, 09.14

Blog - Genitori e figli

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

di Giuseppe Maiolo
Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile

La guardavano e ridevano con una spavalderia tagliente.
In fondo l’hanno sempre derisa per quel suo corpo informe, troppo grosso e incontenibile. A lungo l’hanno ferita dentro con le lame affilate della derisione e delle ingiurie che non lasciano tracce visibili, ma solchi profondi e dolenti nell’anima.  

Vale, come la chiamano da sempre, porta con sé da anni parole cattive e insulti che le ruotano in testa e da cui non riesce a staccarsi. Ha un corpo ferito dalle prepotenze quotidiane. Ha cicatrici come testimoni degli incubi notturni e angosce fatte di parole odiose scritte col fuoco sulla pelle, ma abilmente nascoste ai grandi.

Ha la certezza di essere sbagliata, inutile e colpevole. Nessuno saprà mai aiutarla.

“Vale sei un maiale” e giù grugniti e ghiande. Come quel giorno al bagno, prigioniera dei
maschi della sua classe, costretta a mangiare da un sacchetto di plastica puzzolente ghiande e sale in un misto di giaculatorie spudorate e difficili da capire.

Lei, accerchiata dal branco come un piccolo animale in trappola, ricorda lo sguardo spietato delle femmine, complici silenziose della sua tortura, e conserva nelle orecchie i versi mostruosi di chi mimava il suo corpo di bambina obesa da deridere e colpire.

Alla fine se ne andarono, le belve, sghignazzando, ma non prima di averla coperta di rabbia e insulti che nessuna delle maestre raccolse.
Ma poi la storia è continuata e Valentina ha imparato a tenere tutto per sé. Sempre. Ora sa
nascondere il pianto e la disperazione che non dice a nessuno.
Ripete a se stessa un monotono mantra: “Meglio le botte”, “Meglio prenderle e provare dolore sulla pelle che mostrare i tagli dentro”.

Così nel tempo l’hanno ferita fuori con precisa determinazione e violenza. O per divertimento. Il branco l’ha rincorsa ovunque e catturata sempre, mentre lei, con testardaggine, ha sperato fino all’ultimo giorno che qualcosa potesse cambiare e con la fine della scuola primaria potesse finire il suo inferno. Ma non è stato così.

È questo il tragitto abituale della vittima, di ogni vittima di violenza. È una storia che ho sentito mille volte da chi ha subito abusi e da quei minori che hanno vissuto le prepotenze e le offese dei bulli. L’ho voluta narrare questa sofferenza più che descriverla come si fa con i casi, perché il dolore se lo racconti ti muove qualcosa perché lo ascolti. E allora ti avvicini, lo fai tuo e lo condividi.  

Del bullismo se ne parla tanto ma ancora troppo poco si ascolta il silenzio di chi lo subisce. Perché il male, come quello di Valentina, spesso rimane taciuto e nascosto dalla vittima che lo tiene per sé. Prima di tutto per vergogna e poi perché se parlasse non verrebbe creduta. Infine perché si affida alla speranza o all’illusione che gli aguzzini alla fine possano cambiare registro e prendere coscienza del male che producono. Servirebbe invece ascoltare il silenzio piuttosto che dire “Non hai voglia di far niente” o liquidare la sofferenza con un lapidario “Non si impegna e non partecipa”.

Giuseppe Maiolo
Docente di Psicologia delle età della vita
Università di Trento
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/11/2018 08:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/02/2020 11:00
Per un'educazione digitale Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


19/07/2021 10:52
Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere C'è da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

26/06/2021 08:00
L'estate della ripresa e i progetti per il benessere familiare Dopo il lungo tempo dell'allarme, sembra arrivare un po' di leggerezza. Ci prepariamo ad una nuova estate che speriamo serva a noi e ai figli per recuperare benessere psicologico e ridurre gli effetti dello stress

18/06/2021 09:08
Trovare risposte urgenti al disagio giovanile "Sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti" scriveva così Seid Visin, il ragazzo 20enne di Nocera Inferiore che si è suicidato pochi giorni fa



Notizie da Genitori e Figli
13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il "Gioco del calamaro" la serie TV coreana che sta spopolando


04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversità e in particolare quelle riguardanti la sessualità

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da più parti e da tempo, ormai, si dice che nell'educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese


19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C'è da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

10/07/2021

In vacanza da soli. Adolescenti alla ricerca dell'autonomia

L'estate è già iniziata e le vacanze pure. Per la generazione del lockdown, oltre alla sensazione di una libertà riconquistata data dall'allentamento delle restrizioni, c'è anche un appuntamento importante per la crescita: la vacanza da soli

05/07/2021

Sfide e sport estremi, cosa ci sta dietro questi comportamenti

La notizia del ragazzo trovato morto la settimana scorsa alla stazione di Merano impressiona e sconvolge

26/06/2021

L'estate della ripresa e i progetti per il benessere familiare

Dopo il lungo tempo dell'allarme, sembra arrivare un po' di leggerezza. Ci prepariamo ad una nuova estate che speriamo serva a noi e ai figli per recuperare benessere psicologico e ridurre gli effetti dello stress

18/06/2021

Trovare risposte urgenti al disagio giovanile

"Sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti" scriveva così Seid Visin, il ragazzo 20enne di Nocera Inferiore che si è suicidato pochi giorni fa

15/06/2021

Le parole di odio in rete. Una forma di violenza da conoscere e arginare

"Vai a lavorare cretino!" e "Sei un escremento di rinoceronte" sono solo alcuni dei messaggi offensivi che il professor Roberto Burioni, virologo di fama, ha ricevuto nelle settimane scorse sui social

28/04/2021

Sassi dal cavalcavia, malessere e rabbia giovanile

Ci eravamo dimenticati dei ragazzi che negli anni novanta lanciavano i sassi dal cavalcavia. Invece i recenti episodi che hanno visto nuovamente protagonisti alcuni ragazzini di Gavardo al di sotto dei 14 anni, ci confermano che quel "gioco" perverso e mortifero è ancora presente

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier