Skin ADV
Lunedì 04 Luglio 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




18 Novembre 2018, 08.00

Blog - Genitori e figli

Madri che uccidono

di Giuseppe Maiolo
Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

Allora scomodiamo la follia improvvisa e il raptus perché non crediamo possa esserci altra spiegazione se non la pazzia esplosiva, quella che non si annuncia con gesti e parole disturbate. Ma non è così. Mai. O quasi.

Marisa Charrère di Aosta,
ha ucciso i suoi due figli e si è uccisa narrando, seppur con poche, pochissime parole, la sua infelicità, denunciando il suo dolore e quell’incapacità di vivere che le ha tolto la forza lasciandole la disperazione.

Ha posto fine alla sua esistenza con una sorta di “lucida follia”, quella che appartiene alla sofferenza spesso non detta o inascoltata e dove il silenzio ha sostituito le parole per un tempo infinito. Perché ogni volta, la cronaca che raccoglie quei frammenti di vita attraverso le sfilacciate testimonianze dei vicini, ti sorprende per l’assenza di un pur minimo sospetto di disagio. Nessuno mai se lo sarebbe aspettato, nessuno avrebbe potuto dire in anticipo un tormento del pensiero o un dolore reso manifesto da una qualche parola dolente.

Tutto prima è silenzio, è vita normale, in apparenza quotidiana e comune. Ma spesso è assenza di comunicazione o vuoto di emozioni da condividere perché restano interne, nascoste nelle pieghe dell’anima in quanto non sanno e non possono essere pronunciate o rese comuni.

Eppure in questo genere di fatti spaventosi, quando le donne uccidono e le madri sopprimono i loro figli, c’è di solito un progetto lungo, pensato, meditato, consapevole. Il mito di Medea ci insegna che il figlicidio non è un atto casuale e improvviso. Ha dentro di sé razionalità e passione, rabbia, vendetta ma paradossalmente, anche amore. Quello che illusoriamente la madre omicida ritiene possa servire per salvare i figli dalle brutture della vita. Una sorta di spaventoso e devastante masochismo che nello stesso tempo è affermazione di una dignità femminile offesa e lacerata.

Non so e non sapremo mai nulla di quello che è veramente accaduto dentro l’anima di questa donna, ma chiediamoci se quel dolore profondo che ha guidato quei gesti estremi, precisi e definitivi, per noi  incomprensibili, non sia il segno di una indicibile sofferenza che non ha potuto prendere forma visibile ed è rimasto silenzioso e taciuto in quanto stiamo abitando un mondo troppo rumoroso e vociante che non sa ascoltare e dove regna sovrana l’indifferenza e la distanza delle parole che possono aiutare e salvare.

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia dello sviluppo – Università di Trento
www.officina-benessere.it
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/02/2020 11:00
Per un'educazione digitale Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


19/07/2021 10:52
Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere C' da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

22/01/2022 07:42
Povertà educativa e cultura della violenza La violenza sulle donne da parte dei maschi purtroppo una realt quanto mai ricorrente, ma le riflessioni sul maschilismo che la alimenta continuano ad incontrare inaccettabili resistenze

26/06/2021 08:00
L'estate della ripresa e i progetti per il benessere familiare Dopo il lungo tempo dell'allarme, sembra arrivare un po' di leggerezza. Ci prepariamo ad una nuova estate che speriamo serva a noi e ai figli per recuperare benessere psicologico e ridurre gli effetti dello stress

03/01/2022 09:26
Il Capodanno nella psiche e l'arte del cambiamento Si dice che il Capodanno sia una sorta di compleanno collettivo e i festeggiamenti rappresentino per tutti, nel bene e nel male, la consapevolezza di un anno in pi. Ne deriva che le reazioni a questa ricorrenza siano diverse



Notizie da Genitori e Figli
17/06/2022

Tempo di esami e tempo dell'ansia

Con gli esami in arrivo l'aria che si respira in famiglia e tra i ragazzi, carica di tensione

22/01/2022

Povertà educativa e cultura della violenza

La violenza sulle donne da parte dei maschi purtroppo una realt quanto mai ricorrente, ma le riflessioni sul maschilismo che la alimenta continuano ad incontrare inaccettabili resistenze

03/01/2022

Il Capodanno nella psiche e l'arte del cambiamento

Si dice che il Capodanno sia una sorta di compleanno collettivo e i festeggiamenti rappresentino per tutti, nel bene e nel male, la consapevolezza di un anno in pi. Ne deriva che le reazioni a questa ricorrenza siano diverse

31/12/2021

Coltivare la speranza

Se c' una parola che nei giorni natalizi e di fine d'anno ricorre pi di frequente, questa la "speranza".

15/12/2021

L'albero di Natale, ancora metafora della nostra esistenza

Nei preparativi per il Natale ancora oggi, oltre al Presepe come narrazione della cristianit, c' l'albero da adornare all'esterno o in casa


13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il "Gioco del calamaro" la serie TV coreana che sta spopolando


14/09/2021

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile


04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversit e in particolare quelle riguardanti la sessualit

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da pi parti e da tempo, ormai, si dice che nell'educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese


19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C' da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier