Skin ADV
Sabato 27 Febbraio 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



13 Giugno 2012, 11.15

Scienza

Dall'Africa l'allarme per la scomparsa degli anfibi

di Museo delle Scienze di Trento
Cause non ancora identificate provocano la scomparsa di queste specie presenti da 320 milioni di anni sulla Terra, creando un allarme per tutta la biodiversit. Questi gli esiti di un convegno tenutosi al Museo di Scienze di Trento, unico museo italiano presente in Africa
 
Confermata durante lo “African Amphibian Assesment di IUCN la tendenza di alcuni anfibi africani a scomparire per cause non direttamente legate alla pressione antropica.
 
Un risultato che è un campanello di allarme per tutta la biodiversità. Nel 1989, in una remota regione montuosa del Costarica, veniva avvistato per l’ultima volta il rospo dorato (Bufo periglenes).
 
Da quel momento, una specie apparentemente comune, scompariva per sempre e senza alcuna spiegazione “evidente”. La specie del rospo dorato, classificata come estinta dallo UCN nel 2004, diveniva quindi una “specie simbolo” dell’influenza delle modificazioni ambientali su scala globale sulla biodiversità del pianeta.
 
Studi successivi hanno infatti ipotizzato che, alla base dell’estinzione del Bufo periglenes, non fosse un’azione diretta dell’uomo ma fossero invece cause di ordine globale come i cambiamenti climatici, la diffusione di nuove patologie, l’alterazioni nell'azione di schermatura dei raggi UV da parte dell'atmosfera.
 
Particolarmente sensibili, gli anfibi vengono spesso utilizzati come ‘sensori’ dello stato generale di salute dell’ambiente e il loro stato di conservazione è il più critico tra tutti i vertebrati con oltre il 30% delle specie in declino, 165 specie già estinte e 500 specie la cui situazione è vicina al punto di non ritorno.
 
Nelle ultime due decadi, gli anfibi - presenti sul pianeta da oltre 320 milioni di anni - hanno conosciuto un momento particolarmente critico, le cui cause non sono ancora completamente note.
 
Proprio di questa situazione e delle recenti “misteriose scomparse” di anfibi africani, si è parlato nel corso dell’African Amphibian Assessment di IUCN, da poco conclusosi al Museo delle Scienze di Trento con la partecipazione di più di ottanta scienziati provenienti da oltre 16 paesi del mondo.
 
Durante il meeting sono stati definiti i livelli di minaccia delle specie dell’Eastern Afromontane, il vasto sistema montuoso che va dall’Etiopia al Mozambico.  Ciò che è emerso e che suona come un vero campanello di allarme, è che anche nel continente africano, in zone con una bassissima pressione antropica e un sostanziale mantenimento dell’habitat originario, gli anfibi continuano a scomparire.
 
Tra questi, alcune specie che vivono a quote variabili tra i 1500 e i 4000 metri, appartenenti al genere Nectophrynoides (si tratta di piccoli rospi vivipari – una delle specie scomparse è stata scoperta nel 2003 dal personale del Museo delle Scienze) e Spinophrynoides. Un risultato significativo in quanto ulteriore, concreta testimonianza, della rilevanza delle modificazioni ambientali a livello globale sulla biodiversità del pianeta.
 
L’aggiornamento del livello di minaccia delle specie - condotto con sistematicità da IUCN in riunioni quali l’Assessment del Museo delle Scienze di Trento - porta alla definizione delle cosiddette “red list” ed è un elemento di fondamentale importanza nel processo di definizione dei piani di conservazione e di pianificazione dell’uso del territorio da parte dei governi.  
 
L’Assessment di IUCN è stato preceduto dal 15° meeting dell’African Amphibian Working Group, un evento scientifico internazionale nato a Parigi oltre 40 anni fa. La presenza di un elevato numero di esperti provenienti da zone differenti del pianeta ha fornito l’occasione per aggiornare efficacemente lo stato di conservazione di oltre 200 specie di anfibi africani.
 
Ulteriore elemento qualificante del convegno è stata la massiccia partecipazione alle giornate di studio da parte di giovani ricercatori africani, provenienti da Kenya, Etiopia, Tanzania, Congo e Zimbabwe, che hanno avuto per la possibilità di partecipare al meeting grazie all’organizzazione del Museo delle Scienze - unico museo italiano ad avere una sede territoriale permanente nel continente africano (in Tanzania) - e  a un fondo messo a disposizione dal Mohamed Bin Zayed Conservation Fund.
 
Una presenza importante, in particolare per la possibilità offerta a questi studiosi di partecipare alla definizione delle priorità di conservazione del proprio patrimonio biologico. La produzione scientifica, realizzata grazie alla collaborazione tra scienziati già affermati nel settore e “giovani leve”, africane e non, confluirà negli atti del convegno che andranno a formare un numero monografico dell’African Journal of Herpetology.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
06/08/2012 09:59
La biodiversità minacciata nelle foreste tropicali africane Anche il Museo delle Scienze di Trento ha partecipato allo studio sulla biodiversit che in grave pericolo nelle aree naturali e in quelle protette dell'Africa pubblicato lo scorso 26 luglio dall'autorevole rivista americana "Nature"

23/09/2012 09:00
In mostra a Trento il lungo cammino di «Homo Sapiens» Si aperta venerd l'esposizione interattiva al Museo di scienze di Trento: un allestimento curato dal genetista Luigi Cavalli Sforza e visitabile fino al prossimo 13 gennaio 2013. Un lungo percorso alle origini dell'uomo

04/03/2012 09:00
Il Museo delle Scienze di Trento protagonista in Grecia Nella trasferta a Patrasso che si chiude oggi il museo trentino stato fulcro di un progetto futuro che vedr collaborare in sinergia i centri scientifici presenti nel sud-est europeo

15/11/2012 11:00
Telescopi e biodiversità con «La scienza per tutti» Da oggi fino al 21 novembre sono come di consueto numerosi gli appuntamenti con la rassegna scientifica a cura dell'Unione astrofili bresciani messa in opera tra il Castello di Brescia, il Museo di Scienze naturali e il monte Maniva in Valtrompia

21/11/2013 09:00
Manolo in arrampicata libera dentro il Muse di Trento Lo scorso 15 novembre Maurizio Zanolla in arte "Manolo", l'arrampicatore pi famoso del mondo si esibito in alcune originali scalate all'interno e all'esterno del Museo di scienze naturali inaugurato l'anno scorso su progetto di Reno Piano



Notizie da Animali
13/12/2019

Unesco, la transumanza è Patrimonio dell'umanità

L'antica pratica della pastorizia che consiste nella migrazione stagionale del bestiame lungo le rotte migratorie nel Mediterraneo e nelle Alpi è stata proclamata Patrimonio culturale immateriale dell'umanità

09/05/2015

Rodeo folle col pic-up

Entra in un campo col fuoristrada e prende ad inseguire capre, pecore, care e pastore, che per non essere investito si rifugia in un fosso. E' accaduto nel pomeriggio di mercoledì a Polpenazze


05/05/2015

E c'è anche l'uovo... muto

La fotografia ci è stata inviata al lettore Pablo Soardi: «Visto che le uova riscuotono un certo interesse eccone uno che potremmo definire "marziano"» ci ha scritto


17/04/2015

Animalista o ecoterrorista?

Da un paio d’anni a questa parte stiamo assistendo ad un fenomeno piuttosto preoccupante, destinato a segnare una profonda spaccatura tra il mondo delle “città” e il mondo della “campagna”

20/02/2015

Il misterioso canto notturno dei pettirossi

Un ricercatore ha evidenziato le ragioni di questo strano fenomeno

13/01/2015

La fabbrica del miele

Prenderà il via dal 27 gennaio a Brescia un corso di Apicoltura presso la sede dell’Associazione Apicoltori della provincia di Brescia

10/11/2014

Miao miao

Sono nati l'11 settembre e cercano casa e coccole, i tre micetti ritratti nelle due fotografie inviate oggi in redazione


22/10/2014

Capre sbranate: lupi, orsi o cani selvatici?

Tre capre uccise e una ferita da un non meglio precisato predatore hanno messo in allerta la Polizia provinciale per un sopraluogo nelle zone fra Collio e Bagolino


09/10/2014

In bocca al lupo sì, ma non fatelo crepare

«In bocca al lupo». E' tra le frasi più gettonate quando si spera che vada tutto liscio. E lo si dice augurando a qualcuno che un certo evento vada per il meglio. E ogni volta ci si sente rispondere «crepi»

04/10/2014

La Giornata degli Animali

Anche Enpa Brescia sarà presente quest'oggi in piazza, in occasione della festa di San Francesco, protettore di tutti gli animali

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier