Skin ADV
Mercoledì 23 Agosto 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






17 Aprile 2015, 07.35

Lettere

Animalista o ecoterrorista?

di Filippo Grumi
Da un paio d’anni a questa parte stiamo assistendo ad un fenomeno piuttosto preoccupante, destinato a segnare una profonda spaccatura tra il mondo delle “città” e il mondo della “campagna”

Molto spesso la visione del mondo, dell’ambiente e della natura un po’ cartonata e astratta dalla realtà, portata avanti da un certo mondo ambientalista, si è scontrata con una visione più terra terra legata al mondo contadino e alle sue regole, ai suoi ritmi.

Con essa anche la visione del mondo animale, della sua tutela e della sua conservazione è cambiata radicalmente e, se da un lato non si può certo che essere favorevoli ad un livello di attenzione anche al benessere dei nostri compagni a quattro zampe e perché no, anche agli animali dall’allevamento e da lavoro, alcuni comportamenti lasciano veramente sbalorditi e portano ad una visione così diversa di ciò che viene definito “natura” che sembra ormai sempre più inconciliabile.

Non ci soffermiamo a commentare le affermazioni sempre più folkloristiche dell’onorevole Brambilla che, dopo aver proposto di non mangiare più il cavallo adesso propone anche di considerare animale “d’affezione” (come il cane e il gatto per intenderci) il coniglio e quindi ne vuole impedire la macellazione ed il consumo con pene che prevedono anche la reclusione per 2 anni, sparate forse più destinate alla sua piccola nicchia di voti da mantenere costi quello che costi, anche a discapito del buon senso.

Quello che emerge in modo sempre più preoccupante è un certo ambientalismo estremo, quello non istituzionalizzato nelle solite sigle (WWF, LAC, LIPU, LEGAMBIENTE, ecc.) che hanno sempre difeso l’ambiente in modi “civili” e istituzionali che però ora non sembra più sufficiente per arginare una deriva piuttosto pericolosa, almeno a mio avviso.

Non è di molto tempo fa la notizia di un raid che in provincia di Ravenna ha portato alla “liberazione” di 800 visoni da un allevamento nelle campagne circostanti creando il panico tra gli abitanti della zona perché i visoni in casi analoghi hanno poi attaccato per fame gli animali domestici e da cortile.
Che danno ambientale e che fine abbiano fatto poi gli 800 visoni da allevamento liberati non credo sia difficile immaginarlo.

Che dire anche del blitz animalista che a Macerata ha portato alla liberazione di tutti gli animali di un circo e a causa del quale un ippopotamo è finito in tangenziale provocando un incidente in cui sono rimasti feriti gravemente i due occupanti della macchina e l’ippopotamo è morto.

Oggetto del contendere non poteva non essere quindi anche la caccia (ora anche la pesca), ma soprattutto chi pratica queste attività.
Probabilmente le sigle di cui sopra si sono accorte con il tempo che il vero problema ambientale non sono i cacciatori (o per lo meno non sono il più preoccupante, ma potrebbero persino essere una risorsa), ma lo sono le varie Terre dei Fuochi, Ilva, ecc.. e su queste stanno concentrando la loro azione, questo ha lasciato spazio ad una fronda di animalisti, o per dirla come alcuni “animalari”, che hanno deciso di passare all’azione in modo diretto e senza intermediari.

Se prima si limitavano a far casino con pentole e trombette per disturbare i cacciatori ultimamente sono passati all’aggressione verbale molto violenta, all’insulto gratuito e allo scontro sempre più duro, se non credete alle mie parole vi invito ad andare a vedere cosa combinano quelli dell’Animal Liberation Front, del gruppo 100% Animalisti, del Fronte Animalista, ecc. ecc.

Queste persone, che qualcuno comincia a definire “ecoterroristi”, sanno benissimo che il cacciatore non può reagire perchè in caso di denuncia, anche se ha ragione, gli verrebbe sospesa la licenza di caccia e in alcuni casi anche ritirate le armi fino alla fine del processo e quindi al cacciatore non resta che cercare di non reagire e scappare mentre gli “animalari” si vantano del loro successo postando i loro video su FB o su you tube.

La cosa però deve aver preso anche pieghe un po’ più spiacevoli
se in Parlamento è approdata una legge che introduce il reato di disturbo all’attività venatoria che, occorre ricordarlo, è un’attività tutelata dalla legge.

Con l'avvento delle leggi moderne sulla caccia, negli anni 90' la selvaggina ha acquisito lo status di patrimonio indisponibile dello Stato. Essendo la fauna selvatica patrimonio indisponibile, solo chi esercita la caccia con regolare licenza di porto di fucile, nel rispetto della Legge 11 febbraio 1992, n. 157, in materia di "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio" e leggi regionali in materia venatoria e dei rispettivi regolamenti provinciali può prelevare, mediante l'abbattimento con i mezzi, nei luoghi e nei tempi indicati dalla legge, i capi di fauna selvatica cacciabile nel numero consentito e ne diventa legittimo proprietario. Qualsiasi altra forma di abbattimento o cattura di fauna selvatica è considerata bracconaggio e pertanto perseguibile penalmente.

Non si discute se sia giusto o meno essere pro o contro la caccia,
ed il diritto di protesta nei modi consentiti dalla legge, ma se sia giusto nel nome della propria idea (estremamente minoritaria) andare a ledere la libertà di chi esercita un diritto legittimamente riconosciuto.

Se poi chi si arroga il diritto di voler imporre la sua idea
è gente che si esprime (perché ci crede) come nel caso delle fotografie di cui sopra (le più decenti e rispettose dei lettori tra quelle che si vedono in giro) allora sono molto preoccupato, sia come cacciatore sia come cittadino.


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/08/2013 10:45:00
Forestale e animalisti per le oche di Polaveno Non solo il gruppo "100% animalisti", ma anche il Corpo forestale dello Stato è intervenuto alla 27° edizione del "Palio delle Oca" di Polaveno per accertarsi delle condizioni degli animali usati per la tradizionale festa e identificare i conduttori delle oche della corsa

25/11/2013 08:45:00
Il ConArmi e dati positivi sulla caccia in Italia Una buona notizia, una volta tanto, che riguarda la pratica venatoria in Italia. Secondo la Commissione ambientale europea, la caccia rispetta tutte le norme comunitarie ed è assolutamente regolare, così come lo sono i vari calendari venatori regionali

07/11/2012 10:00:00
Animali in mostra a Villa Carcina Stasera alle ore 20 l'inaugurazione dell'inedita mostra ornitologica e faunistica a cura della locale sezione di Federcaccia, con l'esposizione di animali rari e la creazione di un bosco tipico di alta montagna con fiori e frutti di sottobosco

14/06/2013 08:40:00
Fido a bordo. Consigli per un comodo viaggio Con le vacanze e l'estate che forse ormai non solo più n miraggio, i possessori di cani devono cominciare a pensare anche alla logistica del trasporto animali. La comodità è solo uno dei problemi, anche le leggi e il codice della strada vanno rispettati

24/08/2012 07:28:00
Un piccolo antipasto di caccia Al via il prossimo 2 settembre la stagione della caccia e già si ripropongono le discussioni aperte e interminabili sulla deroga ed altre questioni. L'avvio generale, poi, è fissato al 13 settembre



Notizie da Lettere al direttore
19/06/2015

Giorinox e il concordato

Ci scrive Alessandro Franzini, affermando di una "manovra" della storica azienda, per levarsi da parecchi guai che la stanno assillando, con la complicità di una legge che "non sarebbe proprio uguale per tutti". Pubblicheremo volentieri eventuali posizioni diverse


24/05/2015

Quanto è importante lo screening

Caro direttore, alcuni giorni fa mi sono recato presso gli Spedali Civili di Brescia per effettuare il periodico controllo semestrale (follow-up in termine medico) che eseguo dal 2011 anno in cui mi operarono per un tumore al retto...

30/03/2015

Quella settimana corta

Egr. Direttore, Le trasmetto una lettera che Le chiedo di pubblicare in merito ad un tema parecchio dibattuto in questi giorni: la eventualità di introdurre la settimana corta nelle scuole superiori bresciane a partire dal prossimo anno scolastico



06/03/2015

Anonimi? Basta!

Caro Direttore, devo confidarti che non sono mai riuscito ad entrare in sintonia con la novità dell'anonimato...

21/02/2015

«Serve l'arbitrato internazionale»

Un lettore di Bovezzo di invia questa "lettera aperta al Presidente della Repubblica" in nome del Movimento Famiglie Italiane, in merito alla vicenda dei due marò fatti prigionieri in India


15/02/2015

Doppia violazione a Tindouf

Ci scrive Sara Baresi, presidente di Protea, associazione che si occupa di diritti umani e che ci segnala delle incongruenze in merito all'utilizzo degli aiuti umanitari destinati al popolo saharawi, argomento che abbiamo qui più volte trattato


06/01/2015

Pino Daniele, tra Napoli e il Blues

Caro direttore, data la sua scomparsa, ho sentito il bisogno di scrivere queste righe su Pino Daniele, musicista che ho amato senza mezze misure. Me le pubblica?


07/10/2014

Quale «onore» per un prestito?

Il "Prestito d'onore", come ci segnala questo lettore, proposta per incentivare l'iniziativa privata, ha prestato il fianco a persone che senza troppi scrupoli ne hanno e ne stanno ancora approfittando


07/09/2014

Attenti a quei rimborsi

Una lettrice ci informa che le modalità per chiedere il rimborso della tariffa di depurazione non dovuta in alcuni casi sono poco chiare


28/08/2014

Il barometro di Bongi

Esimio signor direttore, durante una delle mie escursioni nella ridente plaga del Savallo, mi sono imbattuto nel minuscolo laghetto di Bongi - Comune di Mura -, invaso artificiale che alimenta una sottostante centrale elettrica

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier