Skin ADV
Giovedì 04 Marzo 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





08 Agosto 2013, 09.10

L'angolo del filosofo

La fiducia è nel dettaglio

di Alberto Cartella
Nel post il giovane filosofo Alberto Cartella scandaglia il concetto di 'fiducia', punto cardine che sa mettere in crisi la coerenza grazie a un positivo meccanismo di sospensione tipico del gioco
 
Non mi fido di te perché non mi dici tutto! Davvero la fiducia passa attraverso il dirsi tutto? Si può dire tutto?
 
La fiducia o si ha o non si ha. La fiducia è ciò che mette in crisi la coerenza e si lega alla consapevolezza che costitutiva della soggettività è la sua trasformazione. La fedeltà a se stessi, la quale riguarda un prendere posizione che non abolisce le regole ma le usa, mette in discussione la presunta virtù della coerenza.
 
«Una stupida coerenza è l'ossessione di piccole menti, adorata da piccoli uomini politici [...]. Con la coerenza una grande anima non ha, semplicemente, nulla a che fare» (R. W. Emerson).
 
La rincorsa alla coerenza riguarda l'inganno di credere che il passato sia riducibile alla sua realizzazione e ricostruzione, ma il passato non passa mai proprio per la sua irriducibilità alla nostre realizzazioni.
 
Chi è coerente non cambia mai, è sempre uguale a se stesso e vive nell'inganno che si possa dire tutto risolvendo ciò che non è riducibile alle nostre concettualizzazioni, il non realizzato.
 
La coerenza riguarda la credenza nell'assoluta separazione tra temporaneo e permanente, come se ciò che è permanente non fosse ciò che viene temporaneamente usato. La coerenza porta a tentare di risolversi nella venerazione di qualcosa o qualcuno.
 
Ciò che mette in discussione la coerenza è il gioco, il quale viene considerato da chi rincorre la coerenza qualcosa di infantile e da sbrigare in fretta. Il gioco è un punto di crisi in cui ciò che è permanente e ciò che è temporaneo stanno insieme senza confondersi. Cambiamento e responsabilità stanno insieme quando si tiene presente che non sempre cambiare è un bene.
 
Cambiare quando è preso sul serio entra dentro un forma di sospensione, non ha risposte immediate, facili. É proprio nell'attesa, nella sospensione che possiamo trovare la fiducia, qualcosa che sta aspettando di poter tornare a farsi, a cambiare.
 
La rilettura, la ripetizione, la passione sono ciò che mantiene la tensione tra cambiamento e responsabilità, i quali non hanno destini separati dove l'uno è la negazione dell'altro. La fiducia è nel dettaglio.
 
C'è qualcosa che essendo nel suo insieme non ci appartiene e travalica la volontà. Ciò riguarda una restituzione all'incanto dell'infanzia dello sguardo che sta insieme alla conoscenza ma che non è riducibile in essa. Si tratta di cogliere visivamente il cambiamento.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/05/2013 10:00
La filosofia non è un sapere umanistico Una riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella per scardinare l'unilateralit del pensiero in favore di due modi guardare alla filosofia come si legge Aristotele: comprendendo ci che pensava e ponendo problemi politici in rapporto al presente

23/04/2013 09:30
L'esercizio della stanchezza La riflessione che ci porta questa settimana il filosofo Alberto Cartella riguarda la rappresentazione come riflesso delle nostre paure: un impulso subitaneo a rispondere alle aspettative che la filosofia pu curare con la pazienza di far venire le cose a s

29/01/2014 09:28
Divenire e realtà L'analisi di ci che divenire, di quell'inquietudine che nasce dall'esperienza e produce coscienza ne post del giovane filosofo Alberto Cartella, pronto a rispondere ai dubbi e alle domande dei lettori appassionati di filosofia

13/04/2013 09:00
Le implicazioni politiche di metodologie differenti Nella riflessione del giovane filosofo la sottolineatura di come ci sia qualcosa che sfugge nel discorso, che non appartiene all'essere parlante, non l'essere parlante. Poich le cose non coincidono con ci che noi pensiamo sulle cose

13/10/2013 09:00
Dove caso e necessità s'incontrano in un'immagine Una riflessione del giovane filosofo saretino sulla fragilit costitutiva della nostra soggettivit e sullo sguardo come qualcosa che assorbe di pi di ci che si ha coscienza di vedere



Notizie da Filosofia
23/03/2020

La quiete dopo la tempesta

Non avrei mai capito veramente cosa sia essere agli «arresti domiciliari», senza la crisi del Covid-19

17/08/2014

Nave, arrivano gli speed check

Verranno posati lungo il tratto di Provinciale che da Nave raggiunge la Mitria. Una decisione che registra anche qualche dissenso

31/05/2014

La seria comicità del rispetto

L’opinione suppone che la gelosia sia la triste conseguenza dell’amore. Ma la gelosia è una finalità, una meta e, se bisogna amare, è per poter essere gelosi

05/05/2014

La competizione degli amanti

Un'acuta riflessione di Alberto Cartella attorno alla muta latente violenza che in ogni rapporto s'insinua e che tutti gli uomini celano con la menzogna del linguaggio

17/04/2014

Il troppo diventa tossico

Alberto Cartella prende in considerazione quel "troppo" che quando diventa squilibrio estremo mette in crisi ogni aspetto della nostra vita

12/03/2014

La difficoltà della leggerezza dell'emozione

Il giovane filosofo Alberto Cartella conduce una profonda riflessione sul nostro quotidiano confronto emozionale, sia esso amicizia o amore. Eppure troppo spesso cristallizzato nel 'non detto'

01/03/2014

Vita e pensiero

Una profonda riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella sulla vita come creazione e su quel "granello di follia" che contraddistingue il cammino di ciascuno di noi

29/01/2014

Divenire e realtà

L'analisi di ci che divenire, di quell'inquietudine che nasce dall'esperienza e produce coscienza ne post del giovane filosofo Alberto Cartella, pronto a rispondere ai dubbi e alle domande dei lettori appassionati di filosofia

28/12/2013

Educazione e masochismo

Una riflessione sul contratto masochista come espressione non soltanto della necessit del consenso della vittima, ma anche del dono della persuasione, la spinta pedagogica e giuridica mediante la quale la vittima educa il proprio carnefice

23/11/2013

Il gioco dell'amore e altre sciocchezze

Una riflessione che parte dal gioco del fare l'amore per parlare della leggerezza e della distrazione come inestricabilmente legate in un vincolo di opposizione alla pesantezza della vita quotidiana e usate come strumento protettivo

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier