Skin ADV
Lunedì 08 Marzo 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





01 Marzo 2014, 09.56

BLOG. L'angolo del filosofo

Vita e pensiero

di Alberto Cartella
Una profonda riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella sulla vita come creazione e su quel "granello di follia" che contraddistingue il cammino di ciascuno di noi

Il divenire non è l’andare e venire delle cose dal nulla, ma è un incremento creativo della novità. Questa frase (presente nell’articolo precedente “Divenire e realtà”) cadendo nell'inganno dell'immediatezza potrebbe sembrare molto astratta, ma tentando di sottrarsi ad esso ciò ci rimanda al divenire come creazione.

La creazione non è l'andare e venire delle cose dal nulla ma è il movimento del pensiero; il pensiero diviene. Vita e pensiero, sono in due. Noi siamo là dove non pensiamo. Non c'è cosa fatta, non c'è via preparata, non c'è modo o lavoro finito per il quale si possa giungere alla vita, non ci sono parole che possano dare la vita: perché la vita è proprio nella creazione, nel non adattarsi a nessuna via: la lingua non c'è ma bisogna crearla, bisogna creare il modo. Nell'oscurità crearsi da sé la vita.

Il suddetto rischio di cadere nell'inganno dell'immediatezza riguarda l'ignoranza totale di ogni presupposto. La coscienza presuppone l'esperienza e ogni esperienza non può che essere soggettiva. Non c'è esperienza oggettiva, altrimenti si ignorerebbe il processo costruttivo della mente.

La vita è creatrice di forme. La convergenza delle forme materiali del mondo fisico di cui fa parte l'organismo e delle forme atemporali costruite dal soggetto sembra in linea di principio comprensibile. Ciò che è incomprensibile è quel granello di follia che è fonte di fascino. Non vedendo quel po' di demenza non c'è incontro. Il fascino è legato al perdere un po' la testa.

Quando diciamo a qualcuno “sei fuori di testa” forse è proprio lì che c'è del fascino. Si tratta di sapere a quali condizioni si può esercitare il pensiero. Le persone hanno fascino solo per la loro follia. Il vero fascino delle persone è l'aspetto in cui perdono un po' la testa, quando non sanno più bene che cosa stanno facendo. Se non viene colto il granello di follia di qualcuno, non lo si può amare. Siamo tutti un po' dementi.

Colui che tenta di risolvere questo aspetto è l'intellettuale, il quale in sociologia viene definito come un esperto la cui competenza non è in genere richiesta dalla società. L'intellettuale è un individuo che rifiuta di integrarsi nella società. Il suo rifiuto di essere un individuo socializzato esprime la sua mancanza di integrazione teoretica nell'universo della sua società. Gli intellettuali si ritengono speciali, migliori di tutti gli altri; questo vuol dire soprattutto escludere chi non la pensa come loro e non si può nemmeno immaginare fino a che punto si possa arrivare.

L'esperto è colui che ha la capacità di giudizio a livelli altissimi. Qui però si sta facendo riferimento a uno sforzo in controtendenza rispetto a questo aumento della capacità di giudizio, si tratta di lasciar agire uno spazio comune, impersonale della nostra soggettività, uno spazio fattivo anomico in cui non ci sono regole e non c'è una prescrizione.

La società riguarda degli individui che si riconoscono intorno a un ideale; mentre l'aspetto comune, folle è legato alla comunità come essere-insieme. L'essere in comune non è un insieme di individui, non è una somma, ma è un depotenziamento della soggettività. Non ci si può appropriare di ciò che è comune.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/01/2014 09:28
Divenire e realtà L'analisi di ci che divenire, di quell'inquietudine che nasce dall'esperienza e produce coscienza ne post del giovane filosofo Alberto Cartella, pronto a rispondere ai dubbi e alle domande dei lettori appassionati di filosofia

08/05/2013 10:00
La filosofia non è un sapere umanistico Una riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella per scardinare l'unilateralit del pensiero in favore di due modi guardare alla filosofia come si legge Aristotele: comprendendo ci che pensava e ponendo problemi politici in rapporto al presente

05/09/2012 09:45
Viver bene non cercando di risolvere la sofferenza Patendo da un pensiero di Blaise Pascal, la riflessione del filosofo saretino Alberto Cartella gira intorno all'intrinseca fragilit umana e alla sofferenza come capacit di gettare un nuovo sguardo sulle cose, prendendo ad esempio il caso limite dell'anoressia

24/09/2012 10:45
La radicalità del filosofare La filosofia non strumento verso un sapere assoluto ma l'umile capacit di essere indirizzati verso un altrove che ha a che fare con l'ignoto dello sguardo. Perch il pensiero si annida in ogni situazione e in ogni luogo. D'altra parte Spinoza era un tornitore di lenti

23/04/2013 09:30
L'esercizio della stanchezza La riflessione che ci porta questa settimana il filosofo Alberto Cartella riguarda la rappresentazione come riflesso delle nostre paure: un impulso subitaneo a rispondere alle aspettative che la filosofia pu curare con la pazienza di far venire le cose a s



Notizie da Filosofia
23/03/2020

La quiete dopo la tempesta

Non avrei mai capito veramente cosa sia essere agli «arresti domiciliari», senza la crisi del Covid-19

17/08/2014

Nave, arrivano gli speed check

Verranno posati lungo il tratto di Provinciale che da Nave raggiunge la Mitria. Una decisione che registra anche qualche dissenso

31/05/2014

La seria comicità del rispetto

L’opinione suppone che la gelosia sia la triste conseguenza dell’amore. Ma la gelosia è una finalità, una meta e, se bisogna amare, è per poter essere gelosi

05/05/2014

La competizione degli amanti

Un'acuta riflessione di Alberto Cartella attorno alla muta latente violenza che in ogni rapporto s'insinua e che tutti gli uomini celano con la menzogna del linguaggio

17/04/2014

Il troppo diventa tossico

Alberto Cartella prende in considerazione quel "troppo" che quando diventa squilibrio estremo mette in crisi ogni aspetto della nostra vita

12/03/2014

La difficoltà della leggerezza dell'emozione

Il giovane filosofo Alberto Cartella conduce una profonda riflessione sul nostro quotidiano confronto emozionale, sia esso amicizia o amore. Eppure troppo spesso cristallizzato nel 'non detto'

29/01/2014

Divenire e realtà

L'analisi di ci che divenire, di quell'inquietudine che nasce dall'esperienza e produce coscienza ne post del giovane filosofo Alberto Cartella, pronto a rispondere ai dubbi e alle domande dei lettori appassionati di filosofia

28/12/2013

Educazione e masochismo

Una riflessione sul contratto masochista come espressione non soltanto della necessit del consenso della vittima, ma anche del dono della persuasione, la spinta pedagogica e giuridica mediante la quale la vittima educa il proprio carnefice

23/11/2013

Il gioco dell'amore e altre sciocchezze

Una riflessione che parte dal gioco del fare l'amore per parlare della leggerezza e della distrazione come inestricabilmente legate in un vincolo di opposizione alla pesantezza della vita quotidiana e usate come strumento protettivo

29/10/2013

La crisi del processo educativo

Una digressione del filosofo Alberto Cartella sul degradarsi del processo educativo, allorch all'aspetto linguistico non sa porre accanto anche il preminente aspetto visivo, quello legato alla necessit dell'incanto, ossia l'infanzia nello sguardo

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier