Skin ADV
Giovedì 04 Marzo 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





23 Aprile 2013, 09.30

L'angolo del filosofo

L'esercizio della stanchezza

di Alberto Cartella
La riflessione che ci porta questa settimana il filosofo Alberto Cartella riguarda la rappresentazione come riflesso delle nostre paure: un impulso subitaneo a rispondere alle aspettative che la filosofia pu curare con la pazienza di far venire le cose a s
 
Ci sono vite che sembrano sconvolte dalla rappresentazione che ce ne facciamo, anche se il soggetto trova risorse inaspettate. Ma la rappresentazione è il riflesso delle nostre paure. Ciò che è della propria realtà si tende a sopportarlo. Non far lavorare, anche se ci lavora inconsciamente, la nostra inquietudine, costituisce la paura.
 
Vorremmo sopportare tutto. Se non riesco a sopportare tutto allora è colpa mia. È colpa mia se non ce la faccio. Devo riuscire a fare tutto altrimenti sono inadeguato.
 
Si tratta del terrore di non essere all’altezza delle proprie aspettative a livello immediato nelle performance che l’individuo sente di dover offrire, ma che pretende anzitutto da se stesso. Si sente la necessità di rispondere positivamente alla paura di non riuscire a reggere la pressione.
 
Rispetto alla costruzione della nostra realtà che tendiamo a sopportare, c’è qualcosa di troppo che tendiamo a non vedere. Non si tratta di alternative, ma del non cercare di risolvere quel punto che viene eliminato rispetto al prendere decisioni efficaci per la propria vita. Allora ciò non vuol dire proporre qualcosa di alternativo in contrapposizione a questo, ma il riferimento è alla stanchezza che ciò che si è appena indicato comporta.
 
La filosofia rimane in quel punto che viene eliminato rispetto all’essere funzionalmente rivolti a un obiettivo. La filosofia è un esercizio della stanchezza. Questa stanchezza è ciò che si sottrae all’iperattività della comprensione.
 
Si tratta della pazienza di far venire le cose a sé. Si tratta, rispetto alla positività del fare e del voler fare e risolvere ad ogni costo qualcosa (al volerlo estirpare), di un punto di irrisoluzione che apre lo spazio ad un intervallo. Quest’intervallo è quello del no grazie, del rifiuto, del non rispondere sempre immediatamente alle sollecitazioni. Si tratta di qualcosa di fattivo, ma che non è lavoro.
 
Lasciar esercitare il punto di irrisoluzione della nostra soggettività è legato a non vivere la stanchezza come un problema ma come qualcosa che cura. Ciò riguarda l’indugiare non su ciò che dobbiamo fare ma su ciò che ci circonda.
 
Quando si dice che bisogna fare presto perché altrimenti ci sarà la catastrofe, si sta andando in quella direzione lineare e iperattiva che taglia la complessità del reale. Mentre ciò che viene indicato qui riguarda il lasciarsi attraversare da un’attenzione diversa, a forme lente che interrompono la velocità della decisione iperattiva di chi è troppo preso dall’identità del proprio io. Queste forme lente sono le  forme della cortesia, le quali si sottraggono al dominio e al predominio.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/05/2013 10:00
La filosofia non è un sapere umanistico Una riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella per scardinare l'unilateralit del pensiero in favore di due modi guardare alla filosofia come si legge Aristotele: comprendendo ci che pensava e ponendo problemi politici in rapporto al presente

22/09/2013 09:45
Chi ha ragione? Il giovane filosofo Alberto Cartella ci porta al nucleo delle discussioni che ogni giorni ci vedono protagonisti nel voler affermare le proprie ragioni, nel voler essere araldi delle nostre verit, diversamente dalla filosofia che invece creazione di concetti e rifugge il dibattito

23/04/2012 11:00
L'università fuori dell'ordine della rappresentazione Riportiamo qui l'approfondimento curato dal fresco laureato in Filosofia Alberto Cartella, che riprende il tema dell'universit e della percezione che di essa chi l'ha vissuta e chi la vede come una cosa esterna a se stesso

30/04/2012 10:00
La malattia e il potere medico Nella disquisizione del dottore in Filosofia Alberto Cartella l'approfondimento attorno al concetto di potere medico esercitato come estensione di un potere politico, partendo dalle considerazioni dei filosofi Deluze, Canghuilem, Foucault

03/04/2012 10:00
Suicidi in azienda: quando si perde la speranza Nella lettera giunta in redazione la riflessione su un tema molto delicato fatta dal giovane saretino Alberto Cartella, da poco laureatosi in Filosofia presso l'Universit degli Studi di Verona



Notizie da Filosofia
23/03/2020

La quiete dopo la tempesta

Non avrei mai capito veramente cosa sia essere agli «arresti domiciliari», senza la crisi del Covid-19

17/08/2014

Nave, arrivano gli speed check

Verranno posati lungo il tratto di Provinciale che da Nave raggiunge la Mitria. Una decisione che registra anche qualche dissenso

31/05/2014

La seria comicità del rispetto

L’opinione suppone che la gelosia sia la triste conseguenza dell’amore. Ma la gelosia è una finalità, una meta e, se bisogna amare, è per poter essere gelosi

05/05/2014

La competizione degli amanti

Un'acuta riflessione di Alberto Cartella attorno alla muta latente violenza che in ogni rapporto s'insinua e che tutti gli uomini celano con la menzogna del linguaggio

17/04/2014

Il troppo diventa tossico

Alberto Cartella prende in considerazione quel "troppo" che quando diventa squilibrio estremo mette in crisi ogni aspetto della nostra vita

12/03/2014

La difficoltà della leggerezza dell'emozione

Il giovane filosofo Alberto Cartella conduce una profonda riflessione sul nostro quotidiano confronto emozionale, sia esso amicizia o amore. Eppure troppo spesso cristallizzato nel 'non detto'

01/03/2014

Vita e pensiero

Una profonda riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella sulla vita come creazione e su quel "granello di follia" che contraddistingue il cammino di ciascuno di noi

29/01/2014

Divenire e realtà

L'analisi di ci che divenire, di quell'inquietudine che nasce dall'esperienza e produce coscienza ne post del giovane filosofo Alberto Cartella, pronto a rispondere ai dubbi e alle domande dei lettori appassionati di filosofia

28/12/2013

Educazione e masochismo

Una riflessione sul contratto masochista come espressione non soltanto della necessit del consenso della vittima, ma anche del dono della persuasione, la spinta pedagogica e giuridica mediante la quale la vittima educa il proprio carnefice

23/11/2013

Il gioco dell'amore e altre sciocchezze

Una riflessione che parte dal gioco del fare l'amore per parlare della leggerezza e della distrazione come inestricabilmente legate in un vincolo di opposizione alla pesantezza della vita quotidiana e usate come strumento protettivo

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier