Skin ADV
Martedì 20 Ottobre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






10 Aprile 2014, 08.47

Terza pagina

Morale e Immorale Secundum o Simpliciter?

di Dru
La presa di posizione sull'intenzione, o indipendenza da ogni intenzione, è per se stessa un'intenzione e ogni intenzione é base per informare della morale e dell'immorale, ma secondo la "propria" morale e non della morale "simpliciter"

Ciò che non è nelle nostre intenzioni é immorale se a quelle intenzioni conseguono azioni che ci sfavoriscono e ciò che lo é é morale, se a quelle intenzioni seguono azioni che ci favoriscono, appunto indipendentemente le intenzioni da cui dipendiamo necessariamente ma dipendentemente gli effetti delle nostre azioni che producono la nostra esistenza per come la pensiamo.

Dire quindi che chi agisce agisce nel campo dell'immoralità é di colui che dice delle intenzioni dell'altro come non convenienti le proprie, è dire per forza di una guerra o di un'opposizione, come direbbe Eraclito, che è guerra e opposizione come essenza di ogni "esser cosa".

Ma non dice, questo dire, dell'appartenenza in assoluto di un individuo in un campo che possiamo definire immorale, se non per quell'intenzione che non ci conviene.

Tutto questo supposto che non crediamo più, appunto, alle leggi superiori o verità eterne, tutto questo per il vero relativismo.


La capacità nella visione moderna non è più quell'azione che determina per tutti cosa é morale e cosa immorale, non è più quella di seguire un bene superiore dettato da una divinità o da uno Stato, Bene che é  riflesso nelle leggi della Polis ad esempio, per cui é immorale ciò che le viola, ma quella di soffocare e annichilire ciò che ci limita, in primis proprio quelle leggi, per una potenza che vede nello scioglimento di ogni legame, di ogni legge, la vera potenza, il vero relativismo.

Il dire della tradizione dice appunto che non possiamo che scegliere per il bene se vogliamo essere morali, anche quando appunto questo dire dice indipendentemente da ogni intenzione.

(Ci sarebbe bisogno di riflettere sul significato di Scelta e soprattutto di Bene.Ma andiamo oltre...)

Dunque, questa proposizione alla luce di quanto abbiamo ora specificato, soprattutto quando questo dire dice "non potendo esimersi da una scelta, l'uomo l'ha fatta per il campo dell'immoralismo piuttosto che per il moralismo",  dà notizia dell'uomo della tradizione che vede nel dovere morale una legge definita per norma (diritto), legge che indica i limiti che non devono essere oltrepassati da chiunque, limiti definiti tramite le leggi di un Dio prima, della Polis poi e di qualunque sistema o struttura che intenda imporsi e imporre regole e leggi predestinando a sé, tramite ogni legge, ciò che viene definito morale da ciò che non lo é.

Solo in questo senso il dire di una scelta di campo è coerente, non si contraddice, è nel giusto con il dire della tradizione.

Ma è un dire che tramonta, perché questa verità (potenza) é al suo tramonto quando è il relativismo vero a dominare.

Il dire dell'uomo moderno, descritto bene dal pensiero del suo sottosuolo che è della filosofia del nostro tempo quello di Nietzsche o di Leopardi, dice di una scelta di campo che non è una scelta per l'immoralismo, se non per chi crede di essere nel campo avverso, quindi non amorale simpliciter, non in assoluto, ma relativamente.

Sta qui di vedere che siamo dentro la logica di forze che si contrastano per il potere indipendentemente dalle intenzioni appunto che non per forza deve essere il Bene o la Sapienza della tradizione, sta qui il vero relativismo.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/03/2014 09:07
La filosofia nasce grande con Anassimandro 1.4 Si tratta ora di comprendere che il significato del dolore e dell'angoscia, al quale si riferisce il pensiero filosofico, è essenzialmente connesso al modo in cui la filosofia, sin dall'inizio, pensa  l'"essere" , il "nulla", il "divenire"

08/02/2015 16:00
Essere nulla 2.1 Le cose sono altro da sé, questo  è il significato del "nulla": il pensiero Occidentale, fin dalle sue origini, così pensa le cose...

23/05/2013 09:00
La filosofia e il suo fondamento Ci che assolutamente scontato invece per la filosofia ci che messo in discussione. Filosofare altro dal sostenere una tesi, una fede, un'ideologia...

27/12/2014 14:55
Essere altro da sé significa essere nulla 1.3 Oggi vi spiego, parola per parola, cosa dice il titolo del mio racconto di filosofia: essere altro da sé significa essere nulla

28/03/2015 07:31
Capire significa approfondire Questa fondamentale parte del discorso severiniano è dedicata ai molti che si affidano fideisticamente alla ragione della filosofia contemporanea e ai relativisti ingenui



Notizie da Cultura
01/07/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza


12/06/2020

Attenzione ai filtri d'amore

Nella nostra cultura sempre più dominata dal pensiero scientifico, matematico e sperimentale, le pratiche magiche sono generalmente considerate prive di fondamento, se non addirittura fraudolente


12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

27/04/2020

«Libericomelaria», quasi sei ore di diretta no-stop che ci ha scaldato il cuore

Oltre ai tantissimi ospiti i contenuti straordinari che ci hanno voluto regalare Omar Pedrini, Cisco ed Irene Grandi hanno impreziosito la giornata.

23/04/2020

A chi non piace il 25 Aprile

C’è chi propone di abolirlo, perché lo ritiene divisivo, senza significato. C’è chi da sempre vorrebbe eliminarlo, per cancellarne la memoria, perché fastidioso o peggio ancora “di parte”. Quest’ultimo è l’unico vero motivo che ci porta a festeggiarlo ogni anno. La Liberazione è una festa “di parte”, ed a buon merito anche.

12/04/2020

Un augurio di Pasqua

La Pasqua non è semplicemente una festa tra le altre feste, è "la festa delle feste", è "la festa per eccellenza"

06/02/2020

Gli oracoli

Cos’è esattamente un oracolo? Strana domanda, la cui risposta è nascosta dai veli del tempo


14/01/2020

Al via la nuova stagione della Collezione Paolo VI

Dalla mostra di Floriano Bodini ai cicli di incontri di OperAperta, Lògos e Registi dello Spirito, dai nuovi progetti alla collettiva dei finalisti del Premio Paolo VI per l’arte contemporanea

13/01/2020

Parlare bene l'inglese conviene

C’era una volta la scuola delle 3 “i” (informatica, impresa, inglese). Molte le riforme tentate, poche le risorse investite. Che fine ha fatto la “i” dell’inglese?

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier