Skin ADV
Mercoledì 27 Gennaio 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






08 Febbraio 2015, 16.00

Terza pagina

Essere nulla 2.1

di Dru
Le cose sono altro da sé, questo  è il significato del "nulla": il pensiero Occidentale, fin dalle sue origini, così pensa le cose...


...le pensa contraddittoriamente, perché volendole, le pensa diversamente da come sono, le pensa separabili dal loro essere, e così pensate le isola  pensandole  contraddittoriamente.

La filosofia nasce appunto dal bisogno umano troppo umano di dare un senso compiuto e stabile alla propria esistenza e in ciò l’angoscia generata dal divenire ha giocato un ruolo essenziale.

Ed è proprio il divenire pensato dai greci che  sta all’origine della “Follia dell’Occidente”: il fatto che le cose del mondo oscillino tra l’essere e il niente o, detto altrimenti, l’uscire delle cose dal niente e il ritornarvi, costituisce il pericolo estremo suscitato dalla filosofia e quest’ultima, intesa come “Previsione del vero senso del Tutto”, si presenta come il rimedio attuato dall’Occidente per far fronte all’angoscia generata dal divenire greco.

La contraddizione è evidente: se si ammette l’esistenza di una verità incontrovertibile (= incontraddittoria) allora il divenire, pensato come l’uscire e l’entrare delle cose dal nulla,  diventa automaticamente impossibile, poiché quest’ultimo implica che le cose sono niente.

La “logica isolante”,  presente nel sottosuolo concettuale dell’Occidente,  è l’ammettere che le cose oscillano tra l’essere e il niente, che equivale a separare il “ciò che” dal suo “è”, generando in tal fatta l’identità di essere e niente che sta alla basa del nichilismo occidentale:

“Il pensiero filosofico da Platone in poi e l’intera civiltà occidentale, che da quel pensiero viene fondata e alimentata, credono di poter parlare dell’ente come di un non-niente, mentre non si accorgono di considerarlo come niente. Il ‘nichilismo’ è  questo modo di concepire e vivere l’essente, e mostra che la sua essenza non consiste semplicemente nell’identificazione dei contraddittori (essere e non-essere), ma nella sua inconsapevolezza: credendo di affermare l’essere dell’essente, il nichilismo lo pensa e lo vive come un essere” .

Questo nichilismo, o “inconscio essenziale” dell’Occidente, è tale proprio perché la filosofia considera il divenire dell’essente, dal suo  niente, come un’evidenza fenomenologica che non può esser messa in discussione.

(alcuni di questi passaggi sotto sono della Struttura Originaria, opera di Emanuele Severino)

Che Il nulla possa significare, in quanto essere, lo può solo contraddittoriamente, antica aporia questa, che Platone per primo propose nel Sofista e che si propose di risolvere, per altro non riuscendovi che in parte, per quella parte in cui il nulla non è l'opposto dell'essere, ma un cert'altro essere.

Ma l'aporia compete al non essere non in quanto questo è un certo non essere (ossia è un certo essere, essere determinato), ma in quanto il non essere è il "nihil absolutum", l'assolutamente altro dall'essere e quindi "è ciò" che sta oltre l'essere, inteso questo come totalità dell'essere.

È questo assoluto non essere che, manifestandosi, testimonia il suo essere, è questa l'aporia che ancora non si è risolta.

In altri termini il principio di non contraddizione esprime appunto la natura del rapporto tra l'essere e l'orizzonte del nulla: se il non essere non è, non si può nemmeno affermare che l'essere non è non essere, perché il non essere, in questa affermazione, in qualche modo è.

Precisiamo in che modo il nulla è.

Per la soluzione dell'aporia presentata è bene considerare questo: il "nulla" non significa "essere", ma il "nulla", significante come nulla, è. E d'altra parte, questo "essere" del nulla non è significante come "non essere", ma, essendo significante come essere, è essere del nulla ( che è significante come nulla).

La contraddizione non è dunque interna al significato "nulla", ma si sviluppa tra il significato " nulla" e l'essere, o la positività di questo significato.

"La positività del significare è cioè in contraddizione con lo stesso contenuto del significare, che è appunto significante come l'assoluta negatività."

Oggi sarò più breve perché questa parte bisogna sedimentarla per ascoltare il seguito; il seguito sarà "il nulla come significato autocontraddittorio"...

Ricordo che su questa centralità, sulla centralità del discorso intorno al senso del “nulla” o autocontraddittorietà del pensiero “isolante”, si basa la follia del pensiero Occidentale

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/03/2014 09:07
La filosofia nasce grande con Anassimandro 1.4 Si tratta ora di comprendere che il significato del dolore e dell'angoscia, al quale si riferisce il pensiero filosofico, è essenzialmente connesso al modo in cui la filosofia, sin dall'inizio, pensa  l'"essere" , il "nulla", il "divenire"

23/05/2013 09:00
La filosofia e il suo fondamento Ci che assolutamente scontato invece per la filosofia ci che messo in discussione. Filosofare altro dal sostenere una tesi, una fede, un'ideologia...

27/12/2014 14:55
Essere altro da sé significa essere nulla 1.3 Oggi vi spiego, parola per parola, cosa dice il titolo del mio racconto di filosofia: essere altro da sé significa essere nulla

28/03/2015 07:31
Capire significa approfondire Questa fondamentale parte del discorso severiniano è dedicata ai molti che si affidano fideisticamente alla ragione della filosofia contemporanea e ai relativisti ingenui

19/02/2014 09:27
La filosofia nasce grande con Anassimandro 1.2 Ma se la cura della verità è un rivolgersi al tutto allora la tesi di Aristotele  secondo cui la filosofia all'inizio è semplicemente una fisica non va accettata



Notizie da Cultura
25/11/2020

Violenza sulle donne, emergenza non percepita

La pandemia, con il confinamento obbligato in casa, ha fatto aumentare i casi di violenza contro le donne, che nella maggioranza dei casi violenza domestica

01/07/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza


12/06/2020

Attenzione ai filtri d'amore

Nella nostra cultura sempre più dominata dal pensiero scientifico, matematico e sperimentale, le pratiche magiche sono generalmente considerate prive di fondamento, se non addirittura fraudolente


12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

27/04/2020

«Libericomelaria», quasi sei ore di diretta no-stop che ci ha scaldato il cuore

Oltre ai tantissimi ospiti i contenuti straordinari che ci hanno voluto regalare Omar Pedrini, Cisco ed Irene Grandi hanno impreziosito la giornata.

23/04/2020

A chi non piace il 25 Aprile

C’è chi propone di abolirlo, perché lo ritiene divisivo, senza significato. C’è chi da sempre vorrebbe eliminarlo, per cancellarne la memoria, perché fastidioso o peggio ancora “di parte”. Quest’ultimo è l’unico vero motivo che ci porta a festeggiarlo ogni anno. La Liberazione è una festa “di parte”, ed a buon merito anche.

12/04/2020

Un augurio di Pasqua

La Pasqua non è semplicemente una festa tra le altre feste, è "la festa delle feste", è "la festa per eccellenza"

06/02/2020

Gli oracoli

Cos’è esattamente un oracolo? Strana domanda, la cui risposta è nascosta dai veli del tempo


14/01/2020

Al via la nuova stagione della Collezione Paolo VI

Dalla mostra di Floriano Bodini ai cicli di incontri di OperAperta, Lògos e Registi dello Spirito, dai nuovi progetti alla collettiva dei finalisti del Premio Paolo VI per l’arte contemporanea

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier