Skin ADV
Lunedì 08 Marzo 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






23 Maggio 2013, 09.00

Terza pagina

La filosofia e il suo fondamento

di Dru
Ci che assolutamente scontato invece per la filosofia ci che messo in discussione. Filosofare altro dal sostenere una tesi, una fede, un'ideologia...

Noi possiamo interessarci di cose filosofiche, studiare filosofia, ma questo nostro interessamento ci lascia al di fuori della filosofia se noi ci accostiamo ad essa "avendo già ben chiaro ciò in cui credere": questo modo di far filosofia è il modo inautentico, perché far filosofia è il mettere in questione ogni credenza, ogni fede.

Se uno crede nella democrazia e vuol fare filosofia senza mettere in discussione la democrazia o senza mettere in discussione il cristianesimo, o la morale, o l'immoralismo, il totalitarismo, l'anticristianesimo, quindi et, et, ecco questo accostarsi alla filosofia su fondamento di una fede, che può essere più semplice nella fede in Cristo o nell'anticristo ma può essere la fede nel mondo in cui ci troviamo a vivere, nel nostro ambiente famigliare, nel per lo più in cui ci troviamo, allora questo è si un seguire il discorso filosofico o un frequentare un corso di filosofia, un diventare un professore di filosofia, ma questo non è filosofare.

Per chiarire potremmo girare la questione con questo tipo di considerazioni: perché non si deve negare ciò che si lascia negare... Che intorno a noi ci sia un prossimo, che ci siano leggi che ci impongono qualcosa da un punto di vista della società, ecco se tutto questo si lascia negare perché non negarlo.

Ora un esempio di negazione è appunto questo, la leggenda del buon samaritano, ma perché invece di adottare l'atteggiamento del buon samaritano che soccorre l'infelice, non si può adottare l'atteggiamento della violenza che invece elimina i deboli per il vantaggio di chi è meno debole, perché si devono  seguire le leggi morali.

Ora, che tutti noi si viva seguendo di fatto certe prescrizioni, certe norme, è indubbio perché vivremmo pericolosamente se non facessimo questo, però cosa impone di vivere comodamente e non pericolosamente... Invece di assumere l'atteggiamento del buon samaritano perché non negare che sia prossimo colui che invece  il buon samaritano aiutando qualifica come prossimo.

 Certo la nostra educazione, il modo in cui siamo collocati socialmente ci impongono determinati tipi di condotta, ma da capo cosa è che da ultimo ci costringe a farlo, e che cosa strana è questa capacità del pensiero che riesce a sollevarsi dalle leggi che noi seguiamo ed ad interrogarne il fondamento, che cosa strana e desueta e differente dal modo in cui per lo più l'uomo vive questa capacità del pensiero di dire no a tutto, perché non negare tutto.

Già la negazione ė un far diventar altro, tu sei li, e al mio senso comune ti presenti come un esser  uomo, però questo pensiero dice..mah, tu mi ostacoli e tu non sei  un soggetto di diritti, io ti elimino, ti posso eliminare rendendoti  inoffensivo, rendendoti impotente, uccidendoti, ma se tu ti lasci eliminare perché non eliminarti se eliminarti si presenta come un vantaggio a chi ti elimina..,

..perché la morale.

E la negazione, si, è un far diventar altro ciò che da  prima si presenta, come nell'esempio che stiamo facendo, l'esser uomo, ma la negazione presenta anche forme più radicali: il distruggere. Il distruggerti è un assumere,  nell'ipotesi che da prima ti consideri come un esser uomo, il tuo esser diventato non uomo, perché nego qui l'uomo soggetto di diritti, degno del mio rispetto, la dignità dell'uomo... Il distruggerti qui vuol dire.., dopo averti fatto passare al tuo esser altro, tu che da prima ti presenti come uomo, come persona, come soggetto, dopo averti fatto passare in altro, come non esser  uomo, ecco che ti faccio passare ulteriormente in altro, e cioè  ti distruggo, ti elimino..

Questo io che distrugge corrisponde ad un soggetto, uno stato , un gruppo sociale, che parla così può essere il nazionalsocialismo, può essere l'occidente rispetto ai paesi colonizzati dall'occidente, può essere una certa forma di bigottismo della democrazia che vuole imporre la democrazia anche là dove la democrazia non c'é.


Perché rispettare le forze antagoniste, il distruggerle è appunto un farle diventar altro.

E qui si potrebbe dire, certo, c'è l'odio che fa diventare altro, c'è la violenza che fa diventar altro, ma c'è anche l'amore, l'amore fa diventare altro.

Se ci riferiamo alle grandi formulazioni dell'amore come quella cristiana allora il Dio cristiano crea il mondo per amore, fa diventar "essere" il "nulla", allora si può obiettare che c'è, si,  il far diventar altro dell'odio, ma ci sono anche quelle forme "positive" del far diventar altro che  è dell'amore: l'edificazione, l'edificare, e la parola edificare ha un significato morale che viene desunto innanzitutto dal fatto architettonico, edes-facere, costruire case, l'edificazione morale è un costruir una forma di case.

Da capo, questa voce che impone di amare e che si differenzia dall'odio e dalla negatività, ma perché se si lascia togliere di mezzo, perché non può essere tolta di mezzo.

Lo scopo di queste mie considerazioni  è che non si creda che il far  filosofia sia come far qualsiasi  altra cosa, e che non si creda che si possa andare incontro alla filosofia avendo già risolto i problemi principali che ci stanno a cuore, questa è una filosofia dipinta: le cose fondamentali secondo cui regoliamo la nostra vita, si quelle stanno così, guai a metterle in discussione..,

..ma questa zona protetta dal no del filosofare è una zona che non sa indicare l'esclusione di questo no.

Perché  escludere questo no.

Queste  poche parole intorno alla filosofia  danno qualche indicazione del fondamento o del radicale ( da radice), dove solo la filosofia va per indagare e per trasformare il mondo in cui viviamo.

Dru
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/03/2014 09:07
La filosofia nasce grande con Anassimandro 1.4 Si tratta ora di comprendere che il significato del dolore e dell'angoscia, al quale si riferisce il pensiero filosofico, è essenzialmente connesso al modo in cui la filosofia, sin dall'inizio, pensa  l'"essere" , il "nulla", il "divenire"

19/02/2014 09:27
La filosofia nasce grande con Anassimandro 1.2 Ma se la cura della verità è un rivolgersi al tutto allora la tesi di Aristotele  secondo cui la filosofia all'inizio è semplicemente una fisica non va accettata

27/12/2014 14:55
Essere altro da sé significa essere nulla 1.3 Oggi vi spiego, parola per parola, cosa dice il titolo del mio racconto di filosofia: essere altro da sé significa essere nulla

08/12/2014 11:30
Essere altro da sé significa essere nulla 1.1 A differenza della scienza che presuppone l’esistenza di un mondo, la filosofia lo mette in continua discussione.


08/02/2015 16:00
Essere nulla 2.1 Le cose sono altro da sé, questo  è il significato del "nulla": il pensiero Occidentale, fin dalle sue origini, così pensa le cose...



Notizie da Cultura
25/11/2020

Violenza sulle donne, emergenza non percepita

La pandemia, con il confinamento obbligato in casa, ha fatto aumentare i casi di violenza contro le donne, che nella maggioranza dei casi violenza domestica

01/07/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza


12/06/2020

Attenzione ai filtri d'amore

Nella nostra cultura sempre più dominata dal pensiero scientifico, matematico e sperimentale, le pratiche magiche sono generalmente considerate prive di fondamento, se non addirittura fraudolente


12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

27/04/2020

«Libericomelaria», quasi sei ore di diretta no-stop che ci ha scaldato il cuore

Oltre ai tantissimi ospiti i contenuti straordinari che ci hanno voluto regalare Omar Pedrini, Cisco ed Irene Grandi hanno impreziosito la giornata.

23/04/2020

A chi non piace il 25 Aprile

C’è chi propone di abolirlo, perché lo ritiene divisivo, senza significato. C’è chi da sempre vorrebbe eliminarlo, per cancellarne la memoria, perché fastidioso o peggio ancora “di parte”. Quest’ultimo è l’unico vero motivo che ci porta a festeggiarlo ogni anno. La Liberazione è una festa “di parte”, ed a buon merito anche.

12/04/2020

Un augurio di Pasqua

La Pasqua non è semplicemente una festa tra le altre feste, è "la festa delle feste", è "la festa per eccellenza"

06/02/2020

Gli oracoli

Cos’è esattamente un oracolo? Strana domanda, la cui risposta è nascosta dai veli del tempo


14/01/2020

Al via la nuova stagione della Collezione Paolo VI

Dalla mostra di Floriano Bodini ai cicli di incontri di OperAperta, Lògos e Registi dello Spirito, dai nuovi progetti alla collettiva dei finalisti del Premio Paolo VI per l’arte contemporanea

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier