Skin ADV
Domenica 19 Settembre 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



01 Giugno 2021, 15.09

Blog - Glocal

Un nuovo welfare per il post pandemia

di Valerio Corradi
La pandemia ha posto la sfida di un welfare pi esteso ed inclusivo. Le nuove misure per giovani, anziani, disoccupati e famiglie fragili richiedono di essere inserite in un quadro organico che crei un sistema equo, efficace e sostenibile

La dura esperienza della pandemia ha evidenziato i punti di tenuta e le fragilit del welfare italiano rendendo urgente linserimento di misure migliorative nel vasto e articolato ambito dei servizi alla persona chiamato a soddisfare i rischi sociali emergenti e a misurarsi con una pluralit di categorie in difficolt.

In questa fase, la ricalibratura del welfare, oltre che dallo stato di necessit, sta conoscendo una spinta forse decisiva dalle notevoli quote di finanziamento messe a disposizione in sede nazionale e europea (si pensi al programma Next Generation EU) e dal mutato clima politico-culturale che ha visto stemperarsi le contrapposizioni ideologiche su questa materia, pur rimando vivi gli interrogativi sullorientamento di fondo da dare alle nuove misure di protezione sociale.

Il welfare post-Covid sta prendendo forma attraverso provvedimenti come lintroduzione dellassegno unico per i figli, le garanzie offerte dallo Stato agli under 35 sui finanziamenti per lacquisto della prima casa, lestensione della protezione sociale ad alcuni tipi di lavoratori (es. del mondo dello spettacolo), la riorganizzazione territoriale dei servizi sanitari, i fondi per le politiche attive per il lavoro e quelli per linnalzamento del benessere sociale dei cittadini pi vulnerabili.

A ben guardare alcune di queste misure, da anni, sono al centro delle raccomandazioni che lUnione Europea rivolge agli stati membri. Nei confronti dellItalia pi volte arrivata la sollecitazione ad effettuare interventi strutturali in tema di lavoro, politiche sociali e familiari, sistema sanitario e povert attraverso un riequilibrio delle funzioni del welfare, lestensione delle coperture alle categorie che ne sono sprovviste e la valorizzazione dellapporto di diversi attori pubblici e privati nel prendersi carico dei nuovi bisogni dei cittadini.

Nel solco di queste raccomandazioni lo stesso Piano nazionale di ripresa e resilienza italiano si sofferma sulla necessit di potenziare il welfare a protezione delle categorie fragili. Ad esempio, la pandemia ha dimostrato quanto sia necessario prendersi cura della salute delle persone anziane e di quelle diversamente abili. Sono cos previsti ingenti fondi per rafforzare i servizi sociali territoriali e di prossimit, incentivando ad esempio la riconversione delle RSA in gruppi di appartamenti autonomi e favorendo investimenti straordinari sulle infrastrutture sociali per migliorare lautonomia delle persone con disabilit.

Tra le altre questioni si menziona la necessit di una pi equa distribuzione degli impegni, non solo economici, legati alla genitorialit supportando le donne con adeguati meccanismi di conciliazione famiglia-lavoro per non metterle nella condizione di dover scegliere tra maternit e carriera. Un tema altrettanto centrale riguarda gli interventi di contrasto alla povert ben sapendo che in Italia tra il 2005 e il 2020, il numero di persone sotto la soglia di povert assoluta salito dal 3,3 al 9,4 per cento.

Quello che si sta delineando nello scenario post-Covid quindi un recupero, in una nuova ottica, dellidea che il sistema di protezione sociale vada consolidato ed esteso per far fronte ai nuovi rischi sociali superando, se possibile, le incertezze programmatorie e le impasse ideologiche degli scorsi decenni che di fatto avevano accentuato squilibri e inefficienze interne al welfare.

Come pi volte ricordato dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi, oggi non si tratta solo di erogare sussidi ma di strutturare forme di sostegno stabili e in grado di potenziare le capacit di reagire alle difficolt delle singole persone e delle famiglie.

Anche per questo necessario orientare gli sforzi verso la costruzione di un sistema organico di interventi che oltre a mitigare gli effetti socio-economici della pandemia, nel prossimo futuro possa funzionare allinsegna dei principi di efficacia, equit e sostenibilit.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/04/2021 14:46
Un turismo a misura di lavoratore agile Il turismo un comparto economico strategico per molte aree della provincia di Brescia. Come ripartire dopo l'emergenza Covid? Come potrebbe cambiare l'offerta?

24/06/2021 09:14
Casi virtuosi di turismo post pandemia Durante la pandemia alcune strutture turistiche si sono riqualificate e oggi ripartono con una marcia in pi. Il caso di un Hotel a Manerba


03/01/2020 09:34
Famiglie di una sola persona Istat conferma i profondi cambiamenti della famiglia registrati negli ultimi decenni. In Italia una famiglia su tre è composta da una sola persona

10/03/2021 09:23
Montagna bresciana, la strategia di rilancio post Covid Turismo di prossimit ed esperienze a contatto con la natura, per ritrovare serenit e voglia di reinventarsi. L'analisi degli esperti di marketing per le montagne di Valle Sabbia, Valtrompia e Val Camonica

20/02/2014 10:07
Dalla Valgobbia un originale blog di farmacia

Il giovane lumezzanese Alessandro Bonomi ha aperto da circa un anno un blog intitolato "Notizie di farmacia" con post su patologie e caratteristiche dei farmaci spiegati in modo semplice





Notizie da Salute
14/09/2021

Girelli: «Terza dose e antinfluenzale insieme»

Il consigliere regionale valsabbino del Pd:

03/08/2021

Green pass: che cos'è, come funziona

Il Green pass, o «Certificazione verde Covid-19», sarà obbligatorio a partire da venerdì 6 agosto per accedere a numerosi eventi ed attività al chiuso. Facciamo chiarezza

02/08/2021

Rimuginazione

La rimuginazione un processo cognitivo che implica pensieri ripetitivi riguardo eventi negativi che potrebbero accadere in futuro. Vediamo insieme alcune tecniche per gestirla


29/04/2021

Prenotazioni per fragile e cronici dai 50 ai 59 anni

Prosegue a ritmo serrato la campagna vaccinale anticovid in Lombardia e da ieri sono aperte le prenotazioni per cinquantenni con patologie certificate


23/02/2021

Brescia zona arancione «rafforzata»

Dalla Regione I dati mostrano che a Brescia evidente una terza ondata: il punto che va aggredito e su cui bisogna intervenire immediatamente

03/02/2021

Vaccino anti Covid, dal 24 febbraio agli over 80

La fase 2 della campagna vaccinale in Lombardia scatter alla fine di febbraio con i pi anziani, poi ad altre categorie come forze dell'ordine e centri diurni. Coinvolta la Protezione civile regionale

10/12/2020

Lombardia zona gialla da domenica

Dal 13 dicembre allentamento delle restrizioni: ecco cosa cambia fino al 21 dicembre quando entra in vigore il cosiddetto "Dpcm Natale"

20/11/2020

Save the Children: 1 miliardo di minori vittime di soprusi

La pandemia ha esasperato le disuguaglianze, mettendo ulteriormente a rischio la vita, la salute e il futuro dei bambini, soprattutto nelle aree pi povere del mondo. Necessaria un'azione coordinata e uno sforzo straordinario per non perdere una generazione di minori

23/10/2020

Distopie pandemiche

Sulla scia di quanto espresso

18/08/2020

«E i tamponi?»

Ma quanto tempo ci mette la Regione a far partire l'esecuzione dei tamponi negli aeroporti lombardi?. Se lo chiedono i consiglieri regionali Borghetti e Girelli


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier