Skin ADV
Sabato 27 Febbraio 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



13 Settembre 2012, 10.00

Pillole di psicologia

Fare il mammo «spegne» l'eros...

di da www.riza.it
Capita sempre pi spesso che in una coppia il padre assuma un ruolo troppo "materno": il rischio che si spenga l'attrazione fra marito e moglie...
 
Che ci fosse una parziale tendenza all’inversione dei ruoli in alcune coppie si sapeva già da diverso tempo: l’uomo che sviluppa caratteristiche psicologiche tradizionalmente femminili (introspezione, flessibilità), la donna che afferma tratti che si ritengono più maschili (fermezza, polso, affermazione di sé).
È il segno di una trasformazione inevitabile e anzi necessaria a un ulteriore sviluppo della coscienza, sia individuale che collettiva.
Ma che si spingesse fino al rapporto con i figli era meno scontato.
Eppure è ciò che con frequenza sta accadendo: emerge con forza nella coppia con figli la figura del mammo, cioè del padre che svolge un ruolo materno con la prole. Se ciò sia un bene o un male, o entrambe le cose, è difficile dirlo. Quel che è certo è che l’affermarsi del mammo crea nel tempo problemi non trascurabili alla vita di coppia.  
 
Ma chi è e cosa fa il mammo?
Il mammo è un uomo serio e affidabile, con uno spiccato senso della famiglia, che, pur senza rinunciare all’immagine sociale di maschio e di lavoratore, dopo la nascita dei figli dedica ad essi la quasi totalità del suo tempo extra-lavoro, dando presenza, affettività e gesti concreti che di solito sono di competenza femminile.
Con la dedizione, la pazienza e la resistenza alla fatica tipici di una brava madre. Cucina quasi sempre lui – e bene! – accudisce i bambini, gioca tantissimo con loro, li consola, li incoraggia.
Il mammo li veste, li cambia, spesso sa lavare, stendere e stirare, conosce i loro gusti, i rituali, le esigenze e si fa in quattro per soddisfarli, riuscendoci.
Inoltre stabilisce con essi una grande complicità grazie alla quale non deve quasi mai sgridarli e fa da ammortizzatore/mediatore nei rapporti fra loro e la mamma, che sono di solito un po’ spigolosi. E fa tutto questo senza lamentarsi, anzi assumendo talora il tono compiaciuto di una madre ormai esperta, stanca ma contenta di sacrificarsi per i figli.
 
In pratica egli fonde in sé l’uomo moderno (che sa fare anche le cose femminili), la donna della tradizione (che è completamente votata alla famiglia) e la mamma “ideale” (che sa educare e al contempo voler bene).
Teoricamente, per molte donne di oggi così votate alla propria realizzazione professionale e al contempo desiderose di avere dei figli, è l’uomo perfetto. Anche perché è talmente preso da lavoro e famiglia che non è geloso, è paziente e comprensivo.
 
Eppure in molti casi, dopo un po’, le cose nella coppia non vanno: l’eros viene a mancare e la donna non di rado comincia a “guardare altrove”, con forti sensi di colpa verso di lui perché lo giudica irreprensibile.
Perché accade questo? Il punto è che se lui ha potuto fare il mammo è perché una parte di madre è venuta meno.
Può accadere non sia lui da solo ad “invadere il campo”,  ma anche lei che ha lasciato campo libero, magari a causa di un atteggiamento conflittuale verso la maternità.
 
In questi casi sono donne che hanno un forte bisogno di affermarsi in società e sul lavoro, di dimostrare a tutti (ma soprattutto alla famiglia di origine) che valgono quanto e più di un uomo, e non hanno l’elasticità per essere anche una madre dolce e disponibile.
Oppure sono insicure e psicologicamente ancora adolescenti: vorrebbero fare bene la madre ma emotivamente non sostengono la situazione, non riescono a farsi carico completo del ruolo, perciò chiedono un “supplente” che si alterni a loro nella cura dei figli.
L’uomo a sua volta è disponibile a diventare mammo perché ciò si sposa bene con la sua istanza maschile insicura e acerba, che può così non mettersi del tutto in gioco, e al contempo trovare un’identità forte e non criticabile all’interno della famiglia.
 
Tale assetto, che viene raggiunto in modo inconscio e in totale buona fede, fa sì che vengano a mancare le polarità della coppia, o che si invertano: lui sente che lei è il maschio della coppia, ma è appagato dal ruolo familiare; lei sente lui come femminile, come amico, fratello o socio, e non riesce più a desiderarlo sessualmente, e al contempo è detronizzata dal ruolo di madre.
Sono due frustrazioni troppo grandi che, se non risolte, nel tempo la spingono ad aprire una crisi o a cercare soluzioni di compenso che in genere peggiorano il suo stress.
Tuttavia se tra i due c’è amore e se si riesce a riequilibrare i ruoli in tempo è possibile salvare coppie e famiglie da separazioni dolorose.    
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/05/2013 09:00
Coppia in tuta...addio eros Se nella coppia lui e lei si abbandonano a comode routine, aprono le porte alla trascuratezza e rischiano di mettere in crisi il loro rapporto; perch accade e come evitarlo

28/10/2014 10:00
No alla coppia «sfogatoio» Evita di riversare sul partner tutti i tuoi problemi di lavoro e proteggi la coppia dai fatti che non la riguardano, o la magia della relazione verrà meno

02/02/2015 09:42
Il padre mancante Stupisce, come sempre, Papa Francesco ma coglie nel segno. I padri di oggi sono latitanti, assenti, distanti dai figli. Io aggiungerei mancanti, perché mancano delle loro funzioni principali.

02/08/2014 07:00
Come aiutare i nostri ragazzi a fare i compiti Lo studio e i compiti a casa dei nostri figli rappresentano spesso un problema per noi genitori, tanto che a volte diventano perfino un fertile territorio di scontro. Quali gli atteggimenti da adottare


15/11/2014 08:00
Separazione: come ragiscono i figli? La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?



Notizie da Pillole di psicologia
17/02/2021

Dipendenza da caffè

Nel manuale diagnostico dei disturbi mentali, tra i disturbi legati alle dipendenze, è inserita la dipendenza da caffeina. Ma di cosa si tratta e come poterla gestire?

22/11/2020

Bambini ancora senza diritti e infanzia inascoltata

"Non riesco a immaginarmi come sar da grande". "Ci stanno mettendo paura. Ma tutti hanno paura del futuro"... E non sono i bambini del Covid


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

27/03/2015

Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet

Oggi l’accesso alla rete è sempre più facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


20/02/2015

Gli uomini pensano solo al sesso? E' colpa dell'evoluzione

A spiegare perché è uno studio che arriva dalla Norvegia

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


09/11/2014

Il Potere Metabolico dell'Integratore C - Consapevolezza

La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


28/10/2014

No alla coppia «sfogatoio»

Evita di riversare sul partner tutti i tuoi problemi di lavoro e proteggi la coppia dai fatti che non la riguardano, o la magia della relazione verrà meno

18/09/2014

La donna in menopausa

La menopausa indica il termine della fertilità e della capacità di concepire, è associata generalmente a cambiamenti importanti del fisico e del benessere psicologico, che possono alterare la routine della vita quotidiana

28/08/2014

Dai spazio alle intuizioni: «illuminano» il cervello

Le intuizioni sono "doni" del cervello che spesso vengono ignorati; se ascoltate possono migliorare la qualità della nostra vita



  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier