Skin ADV
Domenica 14 Aprile 2024
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





30 Gennaio 2013, 10.00

Psicologia e benesssere

Il vortice d'abisso del gioco d'azzardo compulsivo

di Gianpiero Rossi
Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi appronta una riflessione sul gioco d'azzardo e sul diffuso sistema di credenze che affligge in Italia 800.000 maniaci compulsivi e che sviluppano vere e proprie forme di dipendenze dal gioco
 
Avrete sentito la settimana scorsa casi eclatanti di giocatori compulsivi alle slot machine, come il bergamasco ricoverato dopo 12 ore consecutive di gioco e decine di migliaia di euro persi, compresi 3.000 euro di prestito dal compiacente (e corresponsabile) barista.
 
Pochi giorni fa un servizio di un telegiornale riportava alcune testimonianze inquietanti di giocatori maniacali (ve ne sono già 800.000) e le varie forme di dipendenze dal gioco.
 
Perché le persone continuano a giocare contro il loro stesso giudizio? Perché non riescono a smettere di giocare? 
Da un lato, perché credono nei sistemi di gioco, nella fortuna e altri pensieri a favore del giocatore, che li motivano a continuare nel cercare di vincere. Questo è chiamato "pensiero magico". Si attaccano a false credenze: La convinzione che il successo dipende da qualcosa. La persona è convinta che la probabilità di vincere sia più grande del normale, basata su argomenti che non possono essere dimostrate.  
 
Credere che un certo gioco lo faccia vincere, contrariamente alle statistiche ed al fato che a vincere alla fine è sempre il banco o la macchinetta. La credenza nel sentire quando si è fortunati. La convinzione che la fortuna sia sul lato destro oppure… (e altre superstizioni).
 
La credenza nell’equilibrio o probabilità statistica - improbabile - (ad esempio dopo cinque volte, è ora la volta di vincere). La convinzione che le perdite possono essere riconquistate.
 
Credere che il gioco d'azzardo sia un modo per affrontare i problemi economici o umorali. Il gioco d'azzardo può invece anche causare questi problemi.
 
Cambiare queste e altre convinzioni, nonché abitudini è possibile e doveroso se di lunga data. Le tecniche psicologiche permettono di ristrutturare il sistema di convinzioni e la motivazione ad un cambiamento dello stile di vita.
 
Occorre però il coraggio di guardarsi dentro e ammettere il problema prima che si aggravi non solo economicamente, invece che insistere a credere in soluzioni esterne illogiche, magiche e comode per non fare leva su sé stessi. Non è facile in molti casi, come spesso succede nel mondo delle dipendenze da sostanze, ma almeno questa non è nel sangue.
 
 
Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica
Lumezzane - tel. 030 82 64 09
Body Mind Center, Salò - tel. 0365 21 318
gprossi@intelligenza.it
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
20/11/2012 10:30
Anche in Valtrompia si può curare il gioco d'azzardo Quella dei giocatori compulsivi è, purtroppo, una categoria in crescita, anche se si fatica ancor a individuare, riconoscere e ammettere il problema. Il gioco d'azzardo diventa una malattia e anche in Valle ci si è mossi per curarlo con due sportelli d'ascolto

26/02/2014 10:27
L'iniziativa popolare di Collebeato contro il gioco d'azzardo Proegue l'impegno del Comune collebeatese per prevenire e curare le patologie da gioco d'azzardo, fenomeno da contrastare anche con una raccolt firme per una legge di iniziativa popolare

14/11/2013 08:07
Due serate di formazione sul gioco d'azzardo patologico Stasera e giovedì 21 novembre nella sala consiliare di Collebeato si tengono due incontri con esperti della Lega autonomie locali e dello Smi "Gli Acrobati" per fare luce sulla patologia del gioco d'azzardo e raccogliere firme per una legge di iniziativa popolare

08/12/2012 09:00
Contro i rischi del gioco d’azzardo Le Acli hanno lanciato la campagna "Mettiamoci in gioco" per limitare la crescita forsennata del gioco d'azzardo, aumentare le tutele per la collettività e i giocatori, favorire gli interventi a favore dei giocatori "patologici".

27/03/2012 09:30
Il gioco d'azzardo in Valtrompia Anche in Valtrompia sono diffuse capillarmente nella maggior parte dei bar le macchinette che promettono vincite. Ma il gioco d'azzardo è anche online col videopoker e con le schedine di Sisal e scommesse



Notizie da Psicologia e benessere
21/05/2023

Procrastinazione

La procrastinazione è la tendenza a posticipare lo svolgimento delle proprie mansioni o dei compiti quotidiani. Vediamo cosa c'è alla base di questo comportamento


08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier