Skin ADV
Lunedì 08 Marzo 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





23 Novembre 2013, 09.05

L'angolo del filosofo

Il gioco dell'amore e altre sciocchezze

di Alberto Cartella
Una riflessione che parte dal gioco del fare l'amore per parlare della leggerezza e della distrazione come inestricabilmente legate in un vincolo di opposizione alla pesantezza della vita quotidiana e usate come strumento protettivo
 
Andare a letto con qualcuno può essere preso con leggerezza? Entrambi gli amanti che si accingono a giocare al gioco del fare l’amore possono controllare attraverso la membrana della leggerezza il loro atto e le sue implicazioni? Entrambi gli amanti possono prendere con leggerezza il loro atto?
 
Se ci si mette d’accordo per trovarsi e per compiere l’atto con quello che gli sta attorno (come bere del vino), magari la membrana della leggerezza è caratterizzata da una volontà di divertimento.
 
Divertirsi, distrarsi, lo si fa per alleggerire la pesantezza della vita quotidiana con qualche attività per svagarsi. Emerge qui una tensione di opposizione fra la leggerezza del divertimento e della distrazione che a esso si lega e la pesantezza della vita quotidiana.
 
Si tratta di allontanarsi da qualcosa di pesante e si vuole risolvere quella forma interrogativa che si insinua fra la leggerezza del divertimento e la pesantezza della vita quotidiana. 
 
È possibile che in ogni forma interrogativa, in ogni problema, come nella loro insistenza attraverso le soluzioni, nella maniera con cui conservano la propria apertura, ci sia per forza qualcosa di folle. Questa follia riguarda la non risoluzione di questa forma interrogativa nell’opposizione di cui si parlava sopra.
 
Questa forma porta un’incrinatura nel dualismo immaginario portato dal giudizio sulla vita, il quale tenta di dividerla in due parti: la parte pesante della vita quotidiana e la leggerezza del divertimento come via di uscita dall’ansia.
 
Questo dualismo immaginario è una maniera per proteggersi, si tratta di tentare di risolvere quella lacerazione che rompe l’immaginario. Questa lacerazione costitutiva della nostra soggettività ci fa scontrare con lo spigolo duro del reale, in cui non ci sono vie di uscita e in cui si impara a stare. La vita quotidiana non viene oltrepassata.
 
All’inizio dell’articolo si è parlato del fare l’amore come di un gioco. Il gioco è una cosa seria, ovvero è un’area intermedia essenziale per sentire la vita degna di essere vissuta.
 
Questo vuol dire che fare l’amore come gioco sottrae la differenza dell’atto d’amore dalla distrazione del divertimento, il quale è inteso come allontanamento da quella passione che ci costituisce. Fare l’amore è una ripetizione, una ripetizione della differenza.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/11/2012 08:30
Pruderie Tra sesso e amore, riti e strumenti per viaggiare nel mare dei sensi. Impressioni dopo la lettura di "L'amore coi calzini" di Leretico

12/03/2014 09:59
La difficoltà della leggerezza dell'emozione Il giovane filosofo Alberto Cartella conduce una profonda riflessione sul nostro quotidiano confronto emozionale, sia esso amicizia o amore. Eppure troppo spesso cristallizzato nel 'non detto'

07/07/2013 09:45
Il rischio della critica all'amore Il filosofo saretino Alberto Cartella parla di qualcosa che non pu essere ridotto a pura teoria: l'etica. E lo fa per dare una definizione dell'amore, che si materializza nell'uso, nel contesto, nel comportamento, nel gesto

10/03/2015 08:33
Sesso o amore? Mi chiedevo in questi giorni come si potesse rispondere a quella nervosa affermazione del senso comune che, preannunciata da uno stringere a pugno le dita di entrambe le mani a mo’ di mungitura aerea, così recita: “Ma in pratica?”

12/06/2012 10:30
Se «L'amore dura tre anni» Al 58 festival del cinema di Taormina arriva la divertente leggerezza di una commedia francese sull'amore, scritta e diretta da Frdric Beigbeder. La distribuzione nelle sale italiane a partire dal 29 giugno



Notizie da Filosofia
23/03/2020

La quiete dopo la tempesta

Non avrei mai capito veramente cosa sia essere agli «arresti domiciliari», senza la crisi del Covid-19

17/08/2014

Nave, arrivano gli speed check

Verranno posati lungo il tratto di Provinciale che da Nave raggiunge la Mitria. Una decisione che registra anche qualche dissenso

31/05/2014

La seria comicità del rispetto

L’opinione suppone che la gelosia sia la triste conseguenza dell’amore. Ma la gelosia è una finalità, una meta e, se bisogna amare, è per poter essere gelosi

05/05/2014

La competizione degli amanti

Un'acuta riflessione di Alberto Cartella attorno alla muta latente violenza che in ogni rapporto s'insinua e che tutti gli uomini celano con la menzogna del linguaggio

17/04/2014

Il troppo diventa tossico

Alberto Cartella prende in considerazione quel "troppo" che quando diventa squilibrio estremo mette in crisi ogni aspetto della nostra vita

12/03/2014

La difficoltà della leggerezza dell'emozione

Il giovane filosofo Alberto Cartella conduce una profonda riflessione sul nostro quotidiano confronto emozionale, sia esso amicizia o amore. Eppure troppo spesso cristallizzato nel 'non detto'

01/03/2014

Vita e pensiero

Una profonda riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella sulla vita come creazione e su quel "granello di follia" che contraddistingue il cammino di ciascuno di noi

29/01/2014

Divenire e realtà

L'analisi di ci che divenire, di quell'inquietudine che nasce dall'esperienza e produce coscienza ne post del giovane filosofo Alberto Cartella, pronto a rispondere ai dubbi e alle domande dei lettori appassionati di filosofia

28/12/2013

Educazione e masochismo

Una riflessione sul contratto masochista come espressione non soltanto della necessit del consenso della vittima, ma anche del dono della persuasione, la spinta pedagogica e giuridica mediante la quale la vittima educa il proprio carnefice

29/10/2013

La crisi del processo educativo

Una digressione del filosofo Alberto Cartella sul degradarsi del processo educativo, allorch all'aspetto linguistico non sa porre accanto anche il preminente aspetto visivo, quello legato alla necessit dell'incanto, ossia l'infanzia nello sguardo

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier