Skin ADV
Martedì 01 Dicembre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






24 Giugno 2014, 09.22

Terza pagina

Il settimo potere

di LoStraniero
Questi sono tempi di cambiamento a livello planetario perché il mondo è cambiato e cambia continuamente a una velocità molto superiore a quella di solo pochi anni fa

Questo fatto pone problemi seri ai governi di tutti i paesi, i quali stentano ad adeguarsi a situazioni che mutano in continuazione.
Grandi difficoltà di adeguamento incontrano soprattutto quei paesi afflitti da pachidermiche procedure istituzionali e burocratiche lente, farraginose, inefficienti e costose come l’Italia.

I cambiamenti adottati dal nostro paese, quei pochi che sono stati attuati, si sono rivelati tutti peggiorativi della situazione preesistente. Il che denota il fallimento di una classe politica e dirigenziale del tutto inadeguata ad affrontare i problemi di oggi. I cambiamenti, proclamati migliorativi, vengono solamente annunciati, ma non è detto che poi, quella volta che qualcuno di essi, giunga faticosamente a conclusione, si riveli effettivamente tale.
I cosiddetti esperti stimano che il PIL europeo salirà nei prossimi dieci anni di circa un punto percentuale in media all’anno. Il che è tutto un programma.

Ciò nonostante, in Italia si continua da anni a proclamare riforme prodigiose e risolutive in tema di crescita, di riduzione delle tasse e di contenimento della spesa. Riforme che s’intendono realizzare in un futuro molto vicino al mai.
Io dico che ci prendono in giro. Sono anni che ci prendono in giro. E noi, come i polli di Renzo, intrappolati dalla contrapposizione sterile e inconcludente tra guelfi e ghibellini, che offusca soltanto l’intelletto dei più, non ce ne siamo accorti.

E mentre beghiamo come lavandaie a ogni stormir di fronda, i nostri sedicenti rappresentanti, pur schierati in opposte fazioni, tra risa e sghignazzi, gozzovigliano, in piena comunione, allo stesso desco, in barba al popolo gonzo che dichiarano di degnamente rappresentare a ogni piè sospinto.
Naturalmente si guardano bene dal rivelare ai gonzi come stanno le cose. Segherebbero il ramo dell’albero su cui sono seduti.
Usano il popolo come strumento per realizzare i loro inconfessabili fini.

E noi? Noi siamo nella melma del tipo più vischioso che ci sia.
Chi ci potrà tirar fuori dai mefitici miasmi di questo vasto pantano?

Un tempo ci si rivolgeva agli Dei.

Si offrivano loro primizie e, per farsi perdonare le malefatte o propiziare prospettive favorevoli per imprese e guerre, si eseguivano sacrifici di animali e di esseri umani.
Ricordate il sacrificio di Ifigenia sacrificata dal padre Agamennone, Re di Sparta, prima di partire per Troia?
Avete letto nella Bibbia (libro dei Re e delle Cronache) che perfino il re di Giuda Acaz, sacrificava agli Dei bambini, tra cui suo figlio, i quali venivano arsi nel Tophet di Gerusalemme?
Pare che l’etimo della parola “Tophet” derivi dai tamburi che venivano percossi per coprire le urla di quei poveri bimbi.
Come si fa a sopportare simili atrocità?

E oggi, non si uccidono più bambini?
Come mai questi Dei avevano una così spiccata propensione per il sangue?
Anche gli animali che subivano il supplizio, facevano una fine orribile, morivano per dissanguamento: una delle morti peggiori che ci sia.
Nessuna pietà per nessuno e perché? Per ottenere il favore degli Dei.
Questi Dei erano sempre arrabbiati e solo il sangue riusciva a calmarli.

E chi presiedeva a questi sacrifici? Il sacerdote. Un mestiere veramente brutto!
Con la distruzione del tempio di Gerusalemme, operata da Tito (Tito Flavio Vespasiano figlio, che si chiamava come il padre) nel ’70 dopo Cristo, sono spariti i sacerdoti e quindi anche i sacrifici, almeno in una certa area del Medio Oriente.
Questi Dei ci possono aiutare solamente se comprendiamo chi erano e chi sono.
Erano e sono i nostri vizi e le nostre virtù, la nostra collera e i nostri rancori, i nostri tormenti e le nostre passioni, le nostre gioie e i nostri dolori.

Questi Dei siamo noi e solo noi ci possiamo aiutare.
“Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più”.
E’ un grido. Il grido che tutto il popolo d’America levava nella notte, dalle finestre aperte delle sue case: il popolo, incitato da Howard Beale protagonista del film “Quinto potere”, interpretato da Peter Finch.

Facciamo nostro questo grido e gridiamo a squarciagola come qualcosa che esca non solo dalla gola, non solo dal corpo, ma da tutta l’anima, gridiamo:
“Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più”.
“Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più”.
Ripetiamolo.

Solo noi ci possiamo salvare.
Il film citato usciva nel ’76 del secolo scorso e parla del quinto potere.
Da allora, non credete che questi poteri siano aumentati? Chi li detiene? Chi li esercita?
Il fatto è che noi, di questi poteri ce ne accorgiamo solo dopo che ci hanno colpito.
Da allora in poi quante volte siamo stati colpiti? E da chi?
Vi dò da pensare o sapete già tutto?

LoStraniero

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
20/11/2014 07:00
I nove comandamenti e il grande assente In questi tempi difficili si avverte il bisogno di un elemento fondamentale per la nostra esistenza. Esso, da qualche tempo, è latitante...

17/11/2012 09:00
Il re del mondo In questi giorni di autunno mi frulla in testa il ritornello di una bellissima canzone di Franco Battiato intitolata "Il re del mondo".

17/10/2012 08:30
Tutto un giramento di cause Aristotele una mattina di buon ora riusc a raccogliere un pensiero dal frutteto della sua ampia mente e lo volle subito fissare in uno scritto: il rapporto tra causa ed effetto era di tipo lineare...

16/10/2012 09:30
Non ci resta che boh Dicono che dico cose strane, ma non dicono nulla sulla loro verit. Dicessero almeno boh! Non dicono, ma neppure pensano? Boh!

08/02/2015 16:00
Essere nulla 2.1 Le cose sono altro da sé, questo  è il significato del "nulla": il pensiero Occidentale, fin dalle sue origini, così pensa le cose...



Notizie da Cultura
25/11/2020

Violenza sulle donne, emergenza non percepita

La pandemia, con il confinamento obbligato in casa, ha fatto aumentare i casi di violenza contro le donne, che nella maggioranza dei casi violenza domestica

01/07/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza


12/06/2020

Attenzione ai filtri d'amore

Nella nostra cultura sempre più dominata dal pensiero scientifico, matematico e sperimentale, le pratiche magiche sono generalmente considerate prive di fondamento, se non addirittura fraudolente


12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

27/04/2020

«Libericomelaria», quasi sei ore di diretta no-stop che ci ha scaldato il cuore

Oltre ai tantissimi ospiti i contenuti straordinari che ci hanno voluto regalare Omar Pedrini, Cisco ed Irene Grandi hanno impreziosito la giornata.

23/04/2020

A chi non piace il 25 Aprile

C’è chi propone di abolirlo, perché lo ritiene divisivo, senza significato. C’è chi da sempre vorrebbe eliminarlo, per cancellarne la memoria, perché fastidioso o peggio ancora “di parte”. Quest’ultimo è l’unico vero motivo che ci porta a festeggiarlo ogni anno. La Liberazione è una festa “di parte”, ed a buon merito anche.

12/04/2020

Un augurio di Pasqua

La Pasqua non è semplicemente una festa tra le altre feste, è "la festa delle feste", è "la festa per eccellenza"

06/02/2020

Gli oracoli

Cos’è esattamente un oracolo? Strana domanda, la cui risposta è nascosta dai veli del tempo


14/01/2020

Al via la nuova stagione della Collezione Paolo VI

Dalla mostra di Floriano Bodini ai cicli di incontri di OperAperta, Lògos e Registi dello Spirito, dai nuovi progetti alla collettiva dei finalisti del Premio Paolo VI per l’arte contemporanea

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier