Skin ADV
Domenica 04 Dicembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE


 

 





20 Aprile 2021, 15.32

Blog - Figurine di Provincia

El Trinche

di Luca Rota
Se parliamo di "leggende", non possiamo di certo ignorare quella del Trinche, alias Tomàs Felipe Carlovich, il cui mito si fonde a tratti col vero, conservando quel fascino insito solo in certe storie

Si narra che prima degli incontri del Central Cordoba, squadra minore della cittadina argentina di Rosario, da sempre contesa tra Newell’s e Rosario Central, fuori dallo stadio la gente chiedesse e venisse a sua volta informata della presenza del Trinche.

“Col Trinche pago un prezzo, senza di lui un altro”, pare fosse il motto degli spettatori in attesa.

Centrocampista classico, un regista, con un soprannome dall’origine poco chiara; ma si sa che nella terra del fútbol tutti i calciatori ne hanno uno e poco importa se abbia o no un significato preciso.

Fuori dalla leggenda ciò che accadde nel 1974, quando la selezione argentina in procinto di partire per il Mondiale tedesco, sfidò una rappresentativa rosarina infarcita di giocatori di entrambe le big cittadine.

A quell’incontro prese parte pure Carlovich, che col Rosario Central un paio di presenze le aveva fatte, ma che aveva sposato la causa del club cadetto (il Central Cordoba) e ai grandi palcoscenici era sempre stato allergico.

L’Albiceleste venne surclassata, col Trinche sugli scudi e il selezionatore mundial che chiese a quello rosarino di togliere dal campo “quel 5”, perché li stava facendo ammattire. Naturalmente quel 5 era El Trinche.

Altra narrazione attribuibile alla leggenda racconta che Cesar Menotti lo chiamò per proporgli l’inserimento nella lista per il Mondiale di casa, quello del ’78, poiché il titolare si era infortunato. Il caso volle che Carlovich, partito alla volta della capitale, rimase rapito da una immagine naturalistica e se ne stette sulla riva di un fiume a pescare, per poi fare ritorno a casa.

Il tutto senza ovviamente presentarsi all’appuntamento col selezionatore e addio Mundial.

Quando Maradona, lasciata l’Europa, fece ritorno in patria ed indossò la maglia del Newell’s anche se per poche partite, intervistato dalla stampa che gli chiedeva se fosse onorato di essere il più forte di sempre ad aver mai giocato a Rosario, disse che il più forte che avesse mai giocato in città era proprio Carlovich, da tutti conosciuto come El Trinche.

Un’investitura niente male per chi da sempre, aveva preferito la pace e l’affetto della propria gente ai soldoni che il calcio propina a chi ha talento. A lui piaceva il calcio, forse è per questo motivo che decise di non abbandonare la sua Rosario. Oppure era inadatto per le grandi pressioni, o magari semplicemente se ne fregava.

El Trinche è andato via l’8 maggio scorso, in seguito alle ferite riportate da un’aggressione subita da quattro balordi intenti a rubargli la bicicletta. Una fine indegna per chiunque, figuriamoci per chi il proprio destino l’aveva sempre scelto di sua spontanea volontà.

Ma le leggende, si sa, restano immortali nel tempo e nella memoria.

Hasta luego Trinche.

Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/12/2019 05:00
L'acheo troiano I poemi epici narrano le gesta di eroi che, con o senza l’ausilio della benevolenza divina, riuscivano in imprese che in seguito sarebbero rimaste nel mito e nella leggenda


12/05/2021 07:48
Il poeta Esistono molti modi di fare poesia, tra questi quello su carta, ma quella espressa da Ezio Vendrame non si è limitata alle pagine dei libri, riversandosi nei campi da calcio sotto forma di ala destra


10/01/2019 15:12
Il Vicenza di Coppe Stagione 97-98. Il Vicenza, fresco detentore della Coppa Italia, conquistata nel maggio scorso a spese del Napoli, si appresta ad affrontare i sedicesimi di Coppa delle Coppe 

31/05/2021 09:39
Il punk Con quello odierno si chiude un cerchio lungo cento episodi, un piccolo traguardo che porta questa rubrica in tripla cifra e che, per festeggiarla, sceglie una figurina diversa, anticonvenzionale, folle e oltre qualunque altro aggettivo si possa usare; ma in grado di impersonare il termine "leggenda" come poche


22/04/2021 14:46
Un turismo a misura di lavoratore agile Il turismo è un comparto economico strategico per molte aree della provincia di Brescia. Come ripartire dopo l'emergenza Covid? Come potrebbe cambiare l'offerta?



Notizie da Sport
21/05/2022

Il Giro donne torna in Valle Sabbia

Dopo la kermesse dello scorso anno con partenza di tappa a Gavardo, il Giro d'Italia femminile torna sulle strade valsabbine, questa volta per con una delle tappe regine, il 7 luglio: la Prevalle - Maniva



13/09/2021

Incredibile Sonny, è campione europeo

Un maestoso Sonny Colbrelli ha trionfato agli Europei di ciclismo su strada, a Trento, al termine di una gara capolavoro

25/08/2021

Stelvio, tra antiche rivalità e nuovi sorrisi

Ed infine, a tre anni esatti dalla mia prima scalata al Gavia, ho chiuso il ciclo

01/07/2021

Ottavi, finali anticipate e prime esclusioni eccellenti

Gli ottavi di finale di questo campionato d'Europa itinerante offrono grande calcio e tante emozioni. Molti i gol, diversi i colpi di scena che non avranno di certo annoiato gli spettatori

04/06/2021

Cercasi impiegato amministrativo

La proposta arriva dall'Azienda Speciale Albatros, la "municipalizzata" di Lumezzane. L'assunzione a tempo indeterminato, il relativo bando scade il 15 giugno


31/05/2021

Il punk

Con quello odierno si chiude un cerchio lungo cento episodi, un piccolo traguardo che porta questa rubrica in tripla cifra e che, per festeggiarla, sceglie una figurina diversa, anticonvenzionale, folle e oltre qualunque altro aggettivo si possa usare; ma in grado di impersonare il termine "leggenda" come poche


12/05/2021

Il poeta

Esistono molti modi di fare poesia, tra questi quello su carta, ma quella espressa da Ezio Vendrame non si limitata alle pagine dei libri, riversandosi nei campi da calcio sotto forma di ala destra


21/04/2021

Solo un grande bluff

Questa Super League, per come l'hanno presentata i diretti interessati, solo un grande bluff, e come tale andrebbe gestito: niente concessioni, accordi, solo un richiamo alle regole e tanti cari saluti in caso contrario (cosa che non avverr).

23/02/2021

«Maestri di sci penalizzati»

I Maestri di sci del Maniva scrivono ai dirigenti nazionali e regionali per chiedere chiarimenti alle istituzioni


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier