Skin ADV
Martedì 20 Ottobre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





03 Dicembre 2012, 09.45

Psicologia. Meditare a ogni boccone/2

Dieci passi per fare pace col cibo e smettere di eccedere

di Gianpiero Rossi
In questo secondo articolo sul modo di mangiare lo psicologo lumezzanese Gianpiero Rossi enuncia un decalogo per riuscire a mangiare con calma e meditazione in una situazione di assoluta e lenta consapevolezza dei propri gesti
 
Questo articolo segue il precedente sul “Meditare a ogni boccone”. Abbiamo visto nel precedente articolo che con uno stato di calma e meditazione acquisiamo consapevolezza e centratura nel presente.
 
Più volte al giorno quando mangiamo, abbiamo l'opportunità di entrare in quest’atteggiamento mentale antistress e di attenzione. Ecco dunque che è possibile seguire i dieci passi della meditazione col cibo.
 
Può non essere fattibile nella nostra vita frenetica praticare tutti i nostri pasti in meditazione, ma possiamo puntare a una volta al giorno o quando ne abbiamo bisogno.
 
Sia mangiando in mezzo al caos della famiglia, o a pranzo con colleghi è ancora possibile essere allo stesso tempo consapevole del respiro, masticare, assaporare e ... digerire.
 
Nel frattempo, noi diventiamo più rilassati, focalizzati, e più ascoltatori. Possiamo riportarci a una sensazione di pace, approfittando dei nostri pasti. Dunque, ecco i dieci passi di meditazione del mangiare:
 
1. Crea uno spazio dignitoso, piacevole in tavola ad esempio posizionando fiori sul tavolo, la luce di una candela o semplicemente disporre il cibo ad arte sul piatto, come se per te fosse importante.
 
2. Crea un’intenzione, gratitudine per questo pasto. Ad esempio di assaporarlo con calma per non eccedere o anche solo per calmarti, o per apprezzare la qualità fino in fondo, o di non continuare a parlare di lavoro o problemi.
 
3. Respira con la pancia. Inizia con almeno tre respiri lenti e profondi. Approfittane per annusare il cibo che hai di fronte.
 
4. Sintonizzati col tuo corpo. Sentilo. Dove c’è tensione? Rilassati e lascia andare. Rallenta.
 
5. Entra in sintonia con i pensieri e le emozioni che si affacciano. Se è un momento di pausa da essi, mettili deliberatamente da parte per ora, per gestirli in un altro momento.
 
6. Sintonizzati con i tuoi sensi. Quando prendi almeno il primo boccone, contempla i colori, forme, consistenze, aromi e temperatura del tuo cibo.
 
7. Quando prendi il tuo boccone assapora e mastica bene. Masticare è gustare. Permettitelo fino in fondo. La masticazione favorisce la digestione, alcalinizza il cibo e lo adatta alla chimica del corpo. Ti aiuta ad avvertire meglio i bengali di sazietà. Rallentare, ti aiuta a sentirti soddisfatto/a con meno cibo. Per mettere a fuoco la tua mente, ripeti l’intenzione o conta le masticazioni. Ogni boccone è un'esperienza a sé. Stai ancora respirando?
 
8. Ricevi ogni boccone e sorso consapevolmente. Spesso riceviamo senza assorbire: dal cibo alle relazioni.
 
9. Fai pausa spesso durante il pasto per respirare ed entrare in sintonia con la pancia. Quando la pancia si sente soddisfatta, nota se c'è una parte di te che vuole qualcosa d’altro. Se hai bisogno di piacere sensuale, ricevi ogni sfumatura di sensualità col tuo cibo. Quando non siamo compassionevoli con le nostre esigenze, ci si divide da una parte essenziale di noi stessi, che porta prima o poi a un comportamento compulsivo. Attraverso la connessione con tutto te stesso/a, guarisci te stesso/a, compreso dal rapporto spesso alterato che abbiamo col cibo.
 
10. Digerisci. Siediti distante dal piatto, respira e riconosci la digestione. Invia consapevolmente ossigeno al ventre. Ti aiuta a rilassarti dopo un pasto, digerire, assimilare meglio e ricevere nutrimento a tutti i livelli. Per il corpo come per la mente.
 
Gianpiero Rossi
c/o Studio di Medicina Clinica, via Pasubio 6, Lumezzane tel. 030.826409

 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
30/11/2012 10:00
La pratica sacra del mangiare Lo psicologo lumezzanese affronta in una prima puntata le implicazioni del mangiare e le motivazioni che ci spingono ad andare oltre la semplice nutrizione, continuando a ingurgitare cibo per digerire e placare certe emozioni

17/05/2013 09:30
Quante voglie abbiamo? In questo primo articolo sul rapporto tra cibo e desiderio lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi passa in rassegna l'aspetto nascosto delle voglie che, ascoltate in profondo, spesso possono mandarci nella direzione di una sana scelta nutrizionale

05/06/2013 09:00
Lo stress ingrassa, il rilassamento dimagrisce In questo secondo post sulle relazioni tra psicologia e metabolismo Gianpiero Rossi chiarisce come ansia, paura, stress limitino il dimagrimento, che invece favorito da un rilassamento fisiologico e da un saper mangiare lentamente

26/02/2013 11:15
Perché ho ancora fame dopo aver mangiato? Nel post di questa settimana lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi va alla radice di quella fama insaziabile che spesso ci assale, identificata come "fame emotiva": sintomo che il bisogno del corpo non pi il cibo ma un'altra forma di arricchimento

14/01/2013 11:00
Perdere peso ed essere in salute mangiando con piacere La prima di due parti a cura dello psicologo lumezzanese Gianpiero Rossi sul fondamentale legame tra percezione e assimilazione del cibo, con alcuni consigli su come riuscire a mangiare con piacere con effetti positivi sulla digestione



Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier