Skin ADV
Venerdì 27 Gennaio 2023
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



13 Dicembre 2019, 07.42

Coldiretti

Unesco, la transumanza è Patrimonio dell'umanità

di Redazione
L'antica pratica della pastorizia che consiste nella migrazione stagionale del bestiame lungo le rotte migratorie nel Mediterraneo e nelle Alpi è stata proclamata Patrimonio culturale immateriale dell'umanità
 
La transumanza è stata proclamata Patrimonio culturale immateriale dell'umanità. E' quanto annuncia la Coldiretti nel commentare positivamente la decisione del Comitato intergovernativo dell'Unesco riunito a Bogotà, in Colombia per tutelare l' antica pratica della pastorizia che consiste nella migrazione stagionale del bestiame lungo le rotte migratorie nel Mediterraneo e nelle Alpi.

La candidatura della Transumanza, che ha visto l'Italia capofila di una alleanza con Grecia e Austria, è stata avanzata nel 2017 per tutelare una pratica ancora oggi diffusa sia nel Centro e Sud Italia, dove sono localizzati i Regi tratturi, partendo da Amatrice e Ceccano nel Lazio ad Aversa degli Abruzzi e Pescocostanzo in Abruzzo, da Frosolone in Molise al Gargano in Puglia. Pastori transumanti sono ancora in attività anche nell'area alpina, in particolare in Lombardia e nel Val Senales in Alto Adige.

Il voto positivo dell'Unesco – evidenzia la Coldiretti – certifica il valore della tradizionale migrazione stagionale delle greggi, delle mandrie e dei pastori che, insieme ai loro cani e ai loro cavalli, si spostano dalla pianura alla montagna, percorrendo le vie semi-naturali dei tratturi, con viaggi di giorni e soste in luoghi prestabiliti, noti come "stazioni di posta".

Un riconoscimento importante – sottolinea la Coldiretti – che conferma il valore sociale, economico, storico e ambientale della pastorizia che coinvolge in Italia ancora 60mila allevamenti nonostante il fatto che nell'ultimo decennio il "gregge Italia" sia passato da 7,2 milioni di pecore a 6,2 milioni perdendo un milione di animali.

Il riconoscimento tutela un'attività ad elevato valore ecologico e sociale poiché – continua la Coldiretti – si concentra nelle zone svantaggiate e garantisce la salvaguardia di ben 38 razze a vantaggio della biodiversità del territorio, dalla rustica pecora sarda alla pecora Sopravissana dall'ottima lana, dalla Brogna con testa e gli arti privi di lana alla pecora Comisana con la caratteristica testa rossa, dalla gigantesca Bergamasca fino a quella massese dall'insolito manto nero che rappresentano un patrimonio di biodiversità il cui futuro è minacciato da un concreto rischio di estinzione.

A pesare sono i bassi prezzi pagati ai pastori, il moltiplicarsi degli attacchi degli animali selvatici, la concorrenza sleale dei prodotti stranieri spacciati per nazionali ma anche del massiccio consumo di suolo che ha ridotto drasticamente gli spazi e i tradizionali percorsi usati proprio per la transumanza delle greggi con pesanti ripercussioni sull'economia nazionale ma anche sull'assetto ambientale del territorio perchè quando un allevamento chiude si perde – conclude Coldiretti – un intero sistema fatto di animali, di prati per il foraggio, di formaggi tipici e soprattutto di persone impegnate a combattere lo spopolamento e il degrado spesso da intere generazioni.
 
L'Italia può contare su molti "tesori" già  iscritti nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'Unesco. L'elenco tricolore comprende  l'Opera dei pupi (iscritta nel 2008), il Canto a tenore (2008), la Dieta mediterranea (2010) l'Arte del violino a Cremona (2012), le macchine a spalla per la processione (2013) e la vite ad alberello di Pantelleria (2014), l''arte dei pizzaiuoli napoletani (2017), la Falconeria, iniziativa cui l'Italia partecipa assieme ad altri 17 Paesi e dal novembre 2018 l'"Arte dei muretti a secco" sulla base della candidatura avanzata dall'Italia con Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera. Accanto al patrimonio culturale immateriale, l'Unesco – conclude la Coldiretti – ha riconosciuto nel corso degli anni anche un elenco di siti, e proprio l'Italia è lo stato che ne vanta il maggior numero a livello mondiale.
 
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/11/2013 12:24
Un'insolita transumanza nei pascoli di Bovegno Nella fotografia giunta in redazione da Osvaldo Ronchi si può ammirare un passaggio dell'insolita transumanza sulla neve che domenica ha visto protagoniste alcune mucche rimaste bloccate in alpeggio a quota 1.200 metri

05/01/2021 11:24
Geometrie di Valle Soggetti pubblici e privati insieme per progettare e recuperare "relazioni" utili a valorizzare il patrimonio materiale d immateriale della Valle Trompia


05/03/2012 09:30
Finalmente a casa Un cospicuo patrimonio artistico del valore commerciale di 2 milioni di euro è stato recuperato dal Reparto Operativo del Comando dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale.

20/10/2012 10:00
Greta Guerrini, una pastorella da fiaba nel verde di Bovegno La bella storia di una ragazza che, sulla scia di altre donne prima di lei, si cimenta nell'allevamento delle capre, decidendo di vivere appartata fra i prati e il cielo limpido delle montagne dell'Alta Valtrompia

06/08/2012 09:30
Verso la festa di San Firmo nell'alto di Sarezzo Lunedì 13 agosto si tiene come ogni secondo lunedì d'agosto la tradizionale benedizione del sale per gli animali d'allevamento ai 1.102 metri del santuario di Sant'Emiliano, che da oggi è eccezionalmente aperto tutti i giorni fino al 15 agosto



Notizie da Montagna
17/08/2021

Approvato il calendario venatorio

La stagione di caccia prenderà il via il prossimo 19 settembre, un mese prima l’addestramento dei cani ma ci sono differenze per zone

10/03/2021

Montagna bresciana, la strategia di rilancio post Covid

Turismo di prossimit ed esperienze a contatto con la natura, per ritrovare serenit e voglia di reinventarsi. L'analisi degli esperti di marketing per le montagne di Valle Sabbia, Valtrompia e Val Camonica

11/09/2020

Caccia migratoria consentita in due valichi

Buone notizie dalla Regione Lombardia per i seguaci di Diana che con un provvedimento ha reso possibile la caccia migratoria ai valichi di Capovalle e di Sella di Mandro a Lodrino

09/05/2020

Ok a manutenzione e cura dei capanni da caccia

Una nota della Prefettura di Brescia conferma che fra le attività consentite nella Fase 2 rientrano anche quelle di pulizia delle aree degli appostamenti da caccia

27/09/2019

Nasce la Greenway per riscoprire le valli sui pedali

Sabato e domenica, tra Valsabbia e Valtrompia, l’inaugurazione con una festa dedicata alle bici e alla mountain bike per scoprire gli itinerari escursionistici ideati nelle due valli

12/01/2019

Ciao Derio

Le famiglie di Sportmid ASD Onlus, il Direttivo e tutti gli allievi sciatori si stringono intorno alla famiglia e ai colleghi per la scomparsa del caro maestro Derio Zubani 

21/03/2015

Con la primavera, riapre il Mulino di Marmentino

La pausa invernale per ricaricare le batterie del Mulino di Marmentino sta per terminare. Con la bella stagione riprenderanno le sue attività 

24/02/2015

In Marcia con l' A.S. Cailinese

''Vi aspettiamo numerosi''... è questo l'invito che il Presidente dell'A.S. Cailinese, Paolo Rossini, invia a tutti gli appassionati di montagna, di natura e di sport in generale

29/08/2014

Porcini del Maniva

Se i funghi fossero sessuati questa sarebbe una bella famiglia di porcini: papà, mamma e figlioli, da lasciar crescere in pace. Invece no, finiranno in un bel risotto, al Caminetto di Valle Dorizzo


11/08/2014

«Attorno a noi»

Interessante mostra fotografica, quella che viene ospitata in questi giorni nella sala consiliare del municipio di Collio. In esposizione gli scatti naturalistici di Stefano Zambelli e Andrea Zampatti


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier