Skin ADV
Martedì 09 Marzo 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



25 Maggio 2012, 10.30

Lettere

Ricordando Dietrich Fischer-Diskau

di Davide Bondoni
Davide Bondoni ci parla di un grande interprete della cultura musicale operistica e melodrammatica, recentemente scomparso.

 
 
Come penso risulti chiaro dai miei vari articoli e commenti, mi interessano anche le cose piccole e familiari, ma solo se esse sono inscrivibili in un contesto più ampio che dia loro significato.
Spendiamo troppo tempo a guardare la crescita del nostro orticello.
Non c'è nulla di male nel farlo. Anzi, è doveroso se si vuol raccogliere qualcosa, ma non basta.
 
Per questo motivo, anche se non rientra nell'immaginario valsabbino, mi sembra lo stesso giusto e doveroso ricordare la figura di Dietrich Fischer-Dieskau, morto venerdì all'età di 87 anni.
Dieskau non ha paragoni né prima, né dopo di lui.
Smise di cantare nel 1993, ma rivoluzionò in maniera radicale la maniera di cantare.
 
Giustamente, si ricorda di lui l'attività svolta a cantare tutta la liederistica schubertiana, romantica e mahleriana.
Il Lied è una forma musicale piuttosto ostica e apparentemente relegata al mondo austro-germanico.
Non è così. Dieskau riuscì a riempire anche le sale da concerto.
 
Immortale la collaborazione per 30 anni con il pianista Gerald Moore.
Dieskau stravolse anche il rapporto tra cantante e pianista (come ha ricordato in questi giorni il pianista Alfred Brendel sul Frankfurter Allgemeine), conferendo al pianista un ruolo da protagonista e da collaboratore.
 
E che dire del suo specifico modo di cantare?
Per lui non esisteva la dicotomia “prima la parola, dopo la musica o viceversa” (il direttore Daniel Barenboim oggi semrpe sul Frankfurter) parola e musica venivano fusi insieme.
Per questo motivo, egli fu essenziale per comprendere il declamato wagneriano.
 
Indubbiamente, il novecento ha annoverato altri grandi cantanti, ma Dieskau è rimasto una pietra miliare.
Brendel l'ha paragonato ai grandi maestri come Beethoven che osavano e rivoluzionavano il sentire la musica.
Inoltre, proponendo la liederistica tedesca in tutto il mondo, Dieskau fece conoscere anche l'universalità e la profondità dello spirito tedesco che dopo la seconda guerra mondiale rischiò di essere confuso spesso con la barbarie nazista.
 
Era un grande intellettuale e aveva un raro dono: il garbo.
Un grande signore e modello anche di comportamento.
Mi viene alla mente una delle sue ultime foto, con un paltò nero, mentre camminava sul tappeto ingiallito delle foglie di un bosco.
Il piede che ha quasi timore di offendere le foglie e che pure si impone con autorità.
A dimostrare che l'autorità non deriva né dalla forza, né da chi grida di più, né da chi insulta nel modo peggiore.
 
Con lui se ne è andato uno dei più grandi maestri del novecento e quella porta che stava per chiudersi con la morte di Karajan (1989) e Bernstein (1991), si è definitivamente serrata.
 
Non sono in grado di ricordarlo degnamente.
Penso che aver almeno messo l'indice sul suo ruolo nel riconoscere in Schubert l'origine del dramma wagneriano (Sablich in “L'altro Schubert”) fosse doveroso.
Io l'ho ricordato eseguendo tre preludi e fughe dal secondo libro del clavicembalo ben temperato di Bach (di cui fu insigne interprete), il movimento lento dall'ultima sonata schubertiana (straziante come pochi) e alcune danze sempre di Schubert che il compositore austriaco scrisse per la gioia dei suoi amici.
 
Non ho mai avuto la gioia di parlagli o di incontrarlo, ma mi mancherà.
La cultura universale ha subito una grave perdita.
 
Ed è giusto parlare di cultura in un momento come questo, sebbene molti non capiscano la sua pertinenza con il mondo pratico.
Come scrisse il maestro Abbado “uno stato non è colto perché è ricco, ma è ricco perché è colto”.
 
La sua casa discografica lo ricorda alla pagina seguente:
 
 
Permettendo un ascolto di alcune sue immortali esecuzioni.
 
Con affetto, Davide

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/06/2012 09:00
A Marcheno una serata per gli amanti della chitarra L'appuntamento fissato per gioved 28 giugno nella parrocchiale di San Pietro e Paolo a Marcheno: ospiti d'onore il chitarrista Franco Morone e l'interprete Raffaella Luna

22/09/2011 17:43
Incrociando le dita per il progetto musicale Istituzioni, associazioni ed enti benefici insieme per favorire la cultura musicale. Esperienza riuscita, ora la replica.

21/02/2012 09:00
Una rievocazione fuori posto Recentemente la Chiesa ha ricordato festosamente la stesura dei Patti Lateranensi, avvenuta l'11 febbraio del 1929.

28/01/2012 09:00
Un sabato musicale per Lodrino Organizzato grazie alla collaborazione tra Commissione Cultura e “Palcogiovani”, la serata musicale dal titolo “Gi d cntala?” vedr sul palco musicisti e band locali

07/10/2013 09:30
A Collio un concerto per tutti i defunti Dalla collaborazione tra la parrocchia colliense di San Nazaro e Celso e la corale "Le voci di Zefiro" nascer sabato 12 ottobre alle 20.30 in chiesa un concerto con brani della tradizione sacra e operistica aperto a tutti



Notizie da
07/03/2015

Conoscere è ricordare

Ferando Alonso, al momento del risveglio dopo l'incidente avrebbe perso più di vent'anni di memoria poi riacquistati in un secondo momento. Un salto indietro nel passato


29/05/2013

Prima che sia tardi

Dal Buongiorno di Massimo Gramellini sulla Stampa, brevi riflessioni su due storie senza soluzione come ce ne sono tante, troppe, in questa societ malata di prevaricazioni

04/10/2012

Un gelato tra tecnica e gusto

Presto sar possibile entrare in gelateria e farsi fare velocemente un gelato "su misura", scegliendone gli ingredienti: con l'azoto liquido. Un'idea venuta a quattro amici brianzoli e che diventer realt nel 2013

09/09/2012

Chi li ha visti?

Della raccolta via sms solidale e con il Concerto per l'Emilia ancora i terremotati non hanno ricevuto un centesimo. E anche se arrivassero non sarebbero subito impiegabili, non prima di Natale. Perch?

29/08/2012

Paraolimpiadi

Iniziano oggi e proseguiranno fino al 9 settembre, a Londra, i Giochi che coinvolgeranno oltre 4200 atleti provenienti da 166 nazioni e che gareggeranno in 20 discipline. Gli azzurri saranno un centinaio.

15/08/2012

Swen, Nick e l'asino Thomas

Due ragazzi e un asinello, da Francoforte a piedi per raggiungere Genova. Viaggio iniziatico? Certo un'avventura d'altri tempi.

13/06/2012

Dall'Africa l'allarme per la scomparsa degli anfibi

Cause non ancora identificate provocano la scomparsa di queste specie presenti da 320 milioni di anni sulla Terra, creando un allarme per tutta la biodiversit. Questi gli esiti di un convegno tenutosi al Museo di Scienze di Trento, unico museo italiano presente in Africa

14/05/2012

Ringrazia dopo il proprio funerale

A distanza di una settimana dal funerale, in Valsassima (Lecco) comparso un avviso assai originale.

14/05/2012

Incredibile ma vero

Le sequestrano la bici dopo una caduta, dopo un po' arriva il conto: pi di 2 mila euro. E' accaduto sul Garda.

11/05/2012

Ad Atene s'è accesa la fiamma olimpica

Con una cerimonia solenne davanti al tempio di Era stata accesa ieri la fiamma della torcia olimpica della XXX Olimpiade, che percorrer 2.900 chilometri sul suolo greco fino al prossimo 17 maggio

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier