Skin ADV
Martedì 30 Maggio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



18 Maggio 2015, 14.13
Nave
Banche

Nasce la «super» Bcc di Brescia

di Redazione
La fusione per incorporazione con la Bcc di Verolavecchia lancia la Banca di credito cooperativo con sede a Nave al primo posto nella graduatoria delle Bcc lombarde, sia per la raccolta diretta sia per il montante di impieghi e depositi
 
Le assemblee straordinarie dei soci della Banca di credito cooperativo di Brescia tenutasi domenica mattina in contemporanea con quella della Banca di credito cooperativo di Verolavecchia hanno deliberato la fusione delle due banche. Lo scopo è di rafforzare la presenza territoriale ultracentenaria delle due cooperative di credito, entrambe costituite nell’anno 1903.
 
La banca con sede a Nave, guidata dal presidente Ennio Zani  e dal direttore generale Giorgio Pasolini, dal 1° luglio 2015 sarà più solida e competitiva, potendo contare su 59 sportelli, 386 dipendenti, un patrimonio di 253 milioni di euro e di oltre 65mila clienti, e occupando il primo posto, nella graduatoria delle Bcc lombarde, sia per la raccolta diretta, superiore a 2,3 miliardi, che per il montante di impieghi e depositi, pari a  4 miliardi.
 
Le otto filiali della Bcc di Verolavecchia e i suoi 64 dipendenti, infatti, sono stati assorbiti dalla Bcc di Brescia. 
L’assemblea ha dato anche il via all’aumento dei membri del Cda, che passano da 11 a 13 con l’ingresso del presidente della Bcc di Verolavecchia, Mario Minini, e di Massimo Passi, membro del Collegio sindacale, a partire dal prossimo primo luglio.
 
L’aggregazione è la risposta all’evoluzione dei mercati e del sistema bancario che, come confermato dalle numerose fusioni fra Bcc avviate nelle confinanti province di Bergamo e Trento, aumenta la dimensione minima necessaria per fare banca oggi e suggerisce, non solo ma anche alle Bcc, la riorganizzazione della propria rete distributiva. Un adeguamento della dimensione operativa indotto anche dal pressing della normativa e della vigilanza europea che, nonostante la crisi, chiede fra l’altro alle banche, contemporaneamente, maggior capitale e minori rischi.
 
Con la fusione la banca consegue una migliore efficienza operativa, mantenendo in essere, a Nave, l’unica sede direzionale e attivando la specifica area di Verolavecchia, che va ad integrarsi perfettamente con le aree della Bcc di Brescia, estendo l’operatività sulla bassa bresciana, il cui peso economico (in termini di fatturato) sull’intera provincia di Brescia è stato anche recentemente evidenziato. Con l’aggregazione la Bcc di Verolavecchia potrà beneficiare dell’efficace struttura commerciale della Bcc di Brescia sfruttando, pienamente, il radicamento sul territorio senza dispersione di risorse in attività non a servizio diretto della clientela. In tal modo, il confronto con la concorrenza sarà più efficace e più elevata la capacità di rispondere, con nuovi prodotti e servizi adeguati, alle aspettative di soci e clienti.
In ogni caso, per effetto dell’aggregazione, sarà conseguita una migliore diversificazione e minor concentrazione del rischio di credito.

Le finalità dell’aggregazione sono, quindi, così riassumibili: maggiore solidità e efficienza operativa, intesa come soddisfazione della clientela e redditività adeguata, sostenute da migliori servizi e da risparmi sui costi di una struttura comunque attrezzata per supportare maggiori dimensioni operative, mantenendo alta l’attenzione verso il territorio, le famiglie e le imprese. La volontà, infatti, è di aumentare il radicamento e l’efficacia della presenza del credito cooperativo sul territorio attualmente presidiato dalla Banca di credito cooperativo di Verolavecchia, utilizzando in modo efficiente la struttura operativa e commerciale della Banca di credito cooperativo di Brescia.
 
La parte ordinaria dell’assemblea dei soci è servita per l’approvazione del bilancio 2014. L´utile ammonta a quasi 6 milioni e 400 mila euro, in aumento del 57% rispetto all´anno precedente. Crescono anche i soci, passati da 3.888 a 4.089, la raccolta diretta (in crescita del 5,3%, arrivando così a due miliardi 86 milioni di euro) e quella indiretta, che passa da 301 mila a 345 mila euro, facendo registrare un più 14,99% rispetto ai risultati raggiunti nel 2013. Risultano invece in calo gli impieghi: un miliardo e 384 milioni di euro nel 2014, contro il miliardo e 430 milioni dell´annata precedente e una contrazione relativa del 3,2%. «Ma i nuovi finanziamenti erogati dalla banca nel 2014 ammontano a 176,8 milioni di euro, in aumento del 7,2 per cento rispetto al 2013, a conferma del sostegno a famiglie e imprese», ha fatto notare Zani. Numeri convincenti: i soci hanno approvato i conti, e ci sono stati solo 4 voti contrari.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/05/2012 08:30:00
La fusione tra Bcc della Valtrompia e Cassa Padana Dopo la fusione con la Bcc Camuna e la Banca Veneta, la Cassa Padana si è unita anche alla Bcc della Valtrompia, grazie all'accordo unanime di tutti i 1782 soci. L'esecutività sarà effettiva a partire dal prossimo 1° luglio

16/05/2012 10:00:00
Le previsioni di bilancio a Nave L'assessore Luca Senestrari ha presentato nell'ultimo consiglio comunale il bilancio preventivo 2012, che soffrirà di molti tagli senza per questo rinunciare ad alcuni interventi prioritari di natura pubblica

02/12/2012 10:30:00
Un premio agli studenti modello del Csi bresciano Martedì 4 dicembre presso la Banca Popolare di Milano verranno premiati con assegni da 250 euro dal Csi Lombardia i ragazzi distintisi a scuola e nello sport nell'anno 2011/2012. Per Brescia sono Emanuela Guarnera e Mariarosa Ferrari

13/07/2012 09:30:00
Sarezzo e Villa Carcina: fusione per restare in Terza Le due squadre dilettantistiche sono confluite in un'unica società che fa capo a Claudio Orizio, per scongiurare il baratro della sparizione. Il nuovo gruppo avrà anche una Juniores e sarà guidato da mister Francesco Lanza

24/12/2014 14:49:00
«Testardamente impegnati a favore della nostra comunità» Nell’ultimo numero del notiziario comunale, il sindaco di Nave, Tiziano Bertoli, traccia un bilancio dell’ultimo anno sottolinea l’impegno dell’amministrazione comunale a far fronte alle necessità del Comune



Notizie da Nave
25/06/2015

Auto d'epoca sulle Coste

È in programma nel fine settimana la cronoscalata Nave-Caino-Colle Sant'Eusebio, una rievocazione di una mitica gara automobilistica che rivivrà con auto storiche. Coste chiuse sabato pomeriggio e domenica mattina

16/06/2015

Riccardo Frati nuovo presidente di Civitas

Già assessore ai Servizi sociali del Comune di Nave e della Comunità montana di Valle Trompia, con lui entrano nel consiglio di amministrazione Silvia Abatti e Giuseppe Antonio Paonessa

04/06/2015

Gruppo Stefana, ok del Tribunale al piano di rientro

Il tribunale di Brescia ha accolto il piano di riequilibrio finanziario presentato dalla famiglia Ghidini. Nell’offerta rientrano l’acciaieria di Ospitaletto e laminatoio di via Brescia a Nave. Per le altre il Mise valuterà le offerte

30/05/2015

Skate-park pronto per l'estate

L’amministrazione comunale di Nave ha dato il via ai lavori del nuovo skate-park all’interno del parco del Garza.

22/05/2015

Entro fine maggio la nuova passerella

Proseguono a Nave i lavori di realizzazione della nuova passerella pedonale del parco del Garza, iniziati alla fine di marzo

22/05/2015

Assegnati gli orti di Villa Zanardelli

Dopo la riqualificazione effettuata dal Servizio Manutenzioni del Comune di Nave, sono stati assegnati attraverso un bando gli appezzamenti per gli orti

19/05/2015

Errore di manovra, investe la madre

A Nave, una donna di 48 anni è stata investita dal figlio che stava facendo manovra per riportare l'auto nel garage


09/05/2015

Fim denuncia: «persi mesi preziosi»

«Scelte clamorosamente sbagliate da parte della Fiom - che è sindacato maggioritario in azienda - hanno impedito che si concretizzasse un piano di rilancio industriale potenzialmente in grado di salvaguardare a pieno l’occupazione»


30/04/2015

Commerciante di fumo

I carabinieri di Nave, hanno arrestato un commerciante 63enne di Brescia che nel capannone dell'attività coltivava marijuana e custodiva hashish da rivendere


22/04/2015

«Eureka! Funziona!», premiazioni venerdì in Cattolica

Anche le scuole primarie di Sarezzo e Lumezzane hanno partecipato alla gara di costruzioni tecnologiche promossa da AIB nelle scuole della provincia, con un kit metto a disposizione dalla Automazioni Industriali di Nave

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier