Skin ADV
Sabato 27 Febbraio 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




18 Aprile 2014, 09.01

GENITORI & FIGLI

Accompagnare il lutto

di Giuseppe Maiolo
La morte e il veder morire sono esperienze profonde e di grande sofferenza per tutti. Ancora di più lo sono per quegli adolescenti che d’un tratto, senza alcun segnale, perdono uno di loro, un compagno, un coetaneo.

Già è incredibilmente difficile per ogni adulto tentare di trovare un perché qualsiasi alla morte di un ragazzino di 13 anni, alla conclusione così anticipata di una vita, figuriamoci per chi ha la stessa età e vede d’un colpo spegnersi il sorriso sul volto dell’amico che all’improvviso si accascia senza nemmeno più una parola.

Quando capita questo come è accaduto in questi giorni, l’angoscia è l’esperienza più acuta.
Ma accanto e dentro lo sguardo confuso di quei giovani, poi ci trovi la rabbia e il fastidio, lo sconforto e il senso di vuoto, la paura e il sentimento di colpa, la confusione e il disorientamento.
Sentimenti che sappiamo attraversano ogni lutto, ma qui li trovi spinti al massimo, anche se tenuti dentro come in un forziere. Perché difficili da dire, faticosi da far venire fuori e farli emergere insieme al pianto.
 
Eppure di fronte alla morte abbiamo tutti la necessità di far uscire allo scoperto quell’intreccio di
emozioni e sentimenti complessi, ambivalenti, ingombranti da vivere benché legittimi, e piano piano, con pazienza, trasformarli.
La chiamiamo elaborazione del lutto. Ma in un tempo in cui la società che abbiamo costruito ha messo al bando la sofferenza e tenta con ogni mezzo di esorcizzare  la morte rendendola spettacolare e sempre più “virtuale”, abbiamo ancora più bisogno di consentirci il tempo per trasformare il dolore e aiutare i ragazzi ad affrontarlo e accompagnare  il lutto.

Bambini e ragazzi hanno la necessità di essere aiutati a fare questa operazione dagli adulti di riferimento.
Lo è tanto più importante oggi che una sorta di analfabetismo emotivo sembra interessare in particolare i giovani che non conoscono più il nome dei sentimenti.
Essi hanno bisogno di essere sollecitati ad ascoltare le vibrazioni interne e dare fisionomia verbale alle emozioni che si provano in frangenti simili. 

Ognuno ha la sua modalità e il proprio tempo per elaborare il lutto e accettare il distacco e la perdita.
Però chi ha funzioni educative ha il compito non solo di permettere l’espressione della sofferenza, ma anche di sollecitarla. Come adulti la morte possiamo e dobbiamo spiegarla con le parole adatte e senza mai omettere la verità, però ciò che conta di più è condividere il ricordo della persona che se ne è andata.

Anche i bambini hanno bisogno, proprio come gli adulti, di costruire un’immagine interiore del defunto per poterne mantenere viva la presenza.
Forse per i più piccoli non è la parola il canale previlegiato, ma il gioco o il disegno che però anche ai ragazzi più grandi può essere utile.

Di certo agli adolescenti può servire molto raccontare, e a più riprese, di quel loro compagno scomparso.
La narrazione è un modo per curare il ricordo di chi non c’è più con noi.
Incoraggiarla e sostenerla significa prendersi cura anche di quella relazione interrotta bruscamente dalla morte, ma allo stesso tempo valorizzare il legame affettivo che c’è stato e che ancora è presente.

Giuseppe Maiolo


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/10/2014 07:00
Adolescenza e dintorni L’adolescenza è la fase della vita in cui forse avvengono le maggiori trasformazioni. Cambia il corpo, la psiche. Muta il pensiero che diviene capace di astrazioni.

11/09/2014 07:18
Scuola e famiglia Tutto è pronto. La scuola riparte con il suo “esercito” di allievi e di insegnanti. Ma in questa annuale avventura scendono in campo anche le famiglie e i genitori

25/09/2014 12:00
Bambini a scuola, aiutiamoli a star bene I bambini, specialmente quelli che vanno in prima elementare, a guardarli al mattino quando entrano a scuola sembrano già preoccupati, emozionati, talvolta spaventati

03/03/2012 10:00
Due incontri per avvicinare genitori e figli Un miniciclo dal titolo "Problemi educativi tra genitori e figli, strategie di cambiamento" stato promosso da Coordinamento genitori e Comune nelle serate del 6 e 13 marzo

06/05/2015 14:41
Mala Educaciòn Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto



Notizie da Genitori e Figli
22/12/2020

Natale in lockdown con i figli, tempo da condividere

“Sarà un Natale diverso” è la frase che risuona di più in questi giorni. Lo abbiamo capito da un po’ a prescindere dalle indicazioni governative. Ma questo ritornello credo ci serva per prepararci alla ricorrenza da vivere quest’anno come una preziosa occasione relazionale e educativa

11/02/2020

Per un'educazione digitale

Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell'Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero pi di 6 milioni...


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

20/06/2015

Tempo di esami

Tempo di bilanci per gli studenti, ovvero tempo di esami. E con questi ansia e stress. Perché gli esami, si sa, sono una messa alla prova, una verifica per poter passare da un livello ad un altro

06/05/2015

Mala Educaciòn

Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

29/04/2015

Le parole nella separazione

Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

21/04/2015

L'elogio del dubbio 2

È ripartito anche  quest’anno il ciclo di incontri di Educativa Familiare denominato GENITORI IN FORMAzione. Il primo incontro di questo percorso si è tenuto martedì scorso a Villanuova sul Clisi e il secondo avrà luogo a Barghe questa sera


23/03/2015

Il legame fraterno

La relazione che lega i fratelli può essere semplice e allo stesso tempo complessa, ma costituisce il primo rapporto affettivo che potremmo definire orizzontale perché si sviluppa tra pari


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier