Skin ADV
Sabato 27 Novembre 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




25 Settembre 2014, 12.00

Genitori & Figli

Bambini a scuola, aiutiamoli a star bene

di Giuliana Beghini Franchini
I bambini, specialmente quelli che vanno in prima elementare, a guardarli al mattino quando entrano a scuola sembrano già preoccupati, emozionati, talvolta spaventati

In questi giorni, come consulente chiamata a favorire l’accoglienza in alcune scuole primarie, li ho visti salire le scale, guardarsi attorno spaesati: si muovevano con aria preoccupata in quegli spazi nuovi, improvvisamente grandi e sconosciuti.
Li ho visti impauriti insieme agli altri bambini, quelli grandi, molto più grandi di loro.

L’inizio della scuola, in altre parole, è un evento pieno di tensione e di ansia.
Di certo non è facile per nessuno ogni nuova esperienza che comprende sia la separazione che una nuova realtà da incontrare.
Non lo è per i genitori che si devono fidare della scuola, degli insegnanti, dei compagni del proprio figlio, ma non è facile neppure per gli insegnanti che spesso hanno a che fare con 20 o più bambini tutti diversi, tutti con le loro peculiarità e le loro difficoltà.

Ma è ancora meno facile per loro, i veri attori di questi giorni, i bambini.
Devono imparare qual è la loro aula, quali sono i loro insegnanti, cosa devono portare a scuola e cosa devono fare.

E allora come aiutarli?
Per prima cosa se siamo genitori rimaniamo tranquilli e sereni. Conteniamo la nostra ansia ma incoraggiamoli ad avere pazienza e a prendersi tempo per adattarsi alla nuova realtà, per capire cosa si fa nella nuova scuola, chi sono gli insegnanti e i compagni nuovi.

Aiutiamoli a trovare la loro dimensione senza fretta, con i tempi che sono propri del nostro bambino.
Non pretendiamo che facciano in fretta, che capiscano subito ogni cosa né che si sentano rapidamente a loro agio.
Rallentiamo i nostri ritmi e le nostre richieste, a volte, eccessive e cominciamo a dedicare loro del tempo per ascoltarli, per raccogliere le loro paure e i loro pensieri e prendiamoci tempo per lasciarli ancora fantasticare o per annoiarsi ancora un po’.

Se poi vogliamo veramente aiutarli facciamoli giocare per terra, facciamoli strisciare come fanno i serpenti o i coccodrilli, facciamoli ancora andare a gatto, perché i bambini di oggi lo fanno troppo poco e troppo presto gli chiediamo di acquisire competenze “da grandi”.
In realtà dovrebbero ritornare indietro e recuperare passaggi importanti, come il gattonare che, ad esempio, è un prerequisito fondamentale per la scrittura, talvolta tralasciato o abbandonato troppo in fretta.

Ricordiamoci che il regalo più bello che possiamo fare loro è guardarli ancora come bambini bisognosi, ma capaci, intimiditi, ma pronti a nuove sfide.
Bambini che hanno ancora  voglia di fantasticare e di credere alle favole e alle fiabe. Con quelle aiutiamoli a crescere! 

Giuliana Beghini Franchini
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/09/2014 07:18
Scuola e famiglia Tutto è pronto. La scuola riparte con il suo “esercito” di allievi e di insegnanti. Ma in questa annuale avventura scendono in campo anche le famiglie e i genitori

22/11/2020 17:56
Bambini ancora senza diritti e infanzia inascoltata "Non riesco a immaginarmi come sar da grande". "Ci stanno mettendo paura. Ma tutti hanno paura del futuro"... E non sono i bambini del Covid


03/03/2012 10:00
Due incontri per avvicinare genitori e figli Un miniciclo dal titolo "Problemi educativi tra genitori e figli, strategie di cambiamento" stato promosso da Coordinamento genitori e Comune nelle serate del 6 e 13 marzo

06/05/2015 14:41
Mala Educaciòn Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

01/07/2020 08:15
L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza




Notizie da Genitori e Figli
13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il "Gioco del calamaro" la serie TV coreana che sta spopolando


14/09/2021

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile


04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversit e in particolare quelle riguardanti la sessualit

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da pi parti e da tempo, ormai, si dice che nell'educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese


19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C' da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

10/07/2021

In vacanza da soli. Adolescenti alla ricerca dell'autonomia

L'estate gi iniziata e le vacanze pure. Per la generazione del lockdown, oltre alla sensazione di una libert riconquistata data dall'allentamento delle restrizioni, c' anche un appuntamento importante per la crescita: la vacanza da soli

05/07/2021

Sfide e sport estremi, cosa ci sta dietro questi comportamenti

La notizia del ragazzo trovato morto la settimana scorsa alla stazione di Merano impressiona e sconvolge

26/06/2021

L'estate della ripresa e i progetti per il benessere familiare

Dopo il lungo tempo dell'allarme, sembra arrivare un po' di leggerezza. Ci prepariamo ad una nuova estate che speriamo serva a noi e ai figli per recuperare benessere psicologico e ridurre gli effetti dello stress

18/06/2021

Trovare risposte urgenti al disagio giovanile

"Sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti" scriveva cos Seid Visin, il ragazzo 20enne di Nocera Inferiore che si suicidato pochi giorni fa

15/06/2021

Le parole di odio in rete. Una forma di violenza da conoscere e arginare

"Vai a lavorare cretino!" e "Sei un escremento di rinoceronte" sono solo alcuni dei messaggi offensivi che il professor Roberto Burioni, virologo di fama, ha ricevuto nelle settimane scorse sui social

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier