Skin ADV
Venerdì 10 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



10 Giugno 2015, 07.34
Valtrompia
L'angolo di don Claudio

Il tempo del vino

di don Claudio Vezzoli
Vorrei partire con questa mia riflessione dalle parole del salmo104: è un salmo dove il creato inneggia al Creatore, e qui che la terra è animata, fecondata dalle acque dolci piovane e sorgive, costellata di frutti ed animali.

Tra questi frutti si dice al versetto 15 espressamente ”il vino che allieta il cuore dell’uomo”.
Nel mondo biblico si fa, ripetutamente, riferimento all’immagine del vino e della vigna, il vino veniva portato in offerta al tempo, era coltivato seguendo specifiche regole in quanto non poteva essere mischiato con quello di altri popoli, destinati alle divinità pagane.

Il giorno festivo, per gli ebrei, il sabato
è segnato dalla benedizione del pane e di una coppa di vino sulla quale si recitava la preghiera di benedizione.
Il vino è presente quale elemento santificatore e portatore di letizia.

Il cristianesimo eredita questa tradizione culturale
e ne attribuisce un significato nuovo: esso infatti è legato in maniera indissolubile al sangue di Cristo versato sulla croce e segno concreto della sua presenza nella chiesa, mediante l’Eucarestia.
Il sacerdote all’offertorio, durante la messa dice a nome di tutti i fedeli “Benedetto sei Tu, Signore, Dio dell’universo, dalla Tua bontà abbiamo ricevuto questo vino, frutto della vite e del lavoro dell’uomo”.

Il vino allora è molto importante quale fattore di unione e di comunione degli uomini tra di loro e con Dio: nei banchetti non manca mai pur condannando l’uso sregolato.
Il teologo Metz ha creato questa massima parlando degli abitanti della Franconia, regione tedesca nota per i suoi vini bianchi, dicendo che gli abitanti di questa regione provano un piacere terreno per Dio ed una gioia mistica per il vino.
Anche noi siamo legati alla coltivazione del vino e in autunno potremo gustare i sapori delle nostre terre.

E’ un modo per vivere la bellezza del creato: la gioia si esprime sempre in qualcosa di terreno e concreto.
Il vino è particolarmente buono nei tipici piatti della cucina bresciana: il cibo ed il vino ci rapiscono nella leggerezza e nella gioia di vivere.
Pensiamo quando si mangia il formaggio duro ed il pane insieme ad un buon bicchiere di vino lentamente per assaporare con calma una serata e con questo si scacciava via ogni preoccupazione. In quell’attimo la vita è bella e basta! Certo dipende anche dal tipo di conversazione.

Allora può essere vero che, come dice il salmista
, il vino allieta il cuore degli uomini; ma anche il libro del Siracide, maestro di sapienza ebraica e greca, dice a proposito del vino: ”Il vino è come la vita per gli uomini, purché tu lo beva con misura. Che vita è quella dove manca il vino? Fin dall’inizio è stato creato per la gioia degli uomini”.

Il vino non bisogna buttarlo giù a qualche maniera o addirittura tracannarlo
, ma bevuto lentamente perché si beve pensando al tempo: il tempo utilizzato dal sole nella maturazione, il tempo del lavoro dell’uomo, il tempo della vendemmia, dell’invecchiamento e della lavorazione finale.

E’ così che il vino diventa consolazione, altrimenti l’avidità lo rovina
, chi sa bere il vino si rende conto della preziosità del tempo.
Se il vino diventa surrogato al piacere del vivere allora nuoce alla vita: il vino non vuole sostituire una vita non vissuta o lasciata sé stessa o perché non ha trovato altro piacere della vita.

La vita è un impegno per affrontarla serenamente con l’aiuto di Dio, pur con i suoi alti bassi, in mezzo alle difficoltà e fatiche: il vino diventa conforto quando ci si concede il tempo di degustare il vino con gli amici e con gioia, con misura e moderazione , come del resto lo sono tutte le gioie della nostra vita.

Con questa riflessione sul vino auguro a tutti i viticoltori una buona vendemmia per il prossimo autunno. 

Don Claudio Vezzoli
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
23/06/2015 11:12:00
Estate... musicale Dopo la riflessione sul vino e più che mai nella stagione estiva, può essere utile riflettere su alcune realtà semplici e salutari che mi possono aiutare a rispettare le necessità del corpo e dell’anima


21/11/2014 15:23:00
Sommelier in miniera Domenica pomeriggio alla miniera Marzoli di Pezzaze una degustazione di vino novello e vino invecchiato in galleria 

10/09/2014 14:49:00
Valle di Sarezzo in festa per Claudio Appuntamento a domenica 14 settembre per una festa di solidarietà contro la Sla, aiutando più che si può il valtrumplino Claudio Antonelli

09/11/2014 08:18:00
A Pezzaze, torna il vino in Miniera Continua a piacere l'accoppiata tra vino novello e Miniera Marzoli e Pezzaze ospiterà, il prossimo 23 novembre, un'iniziativa piena di gusto 

17/04/2013 15:00:00
Ruba vino all'Esselunga di Sarezzo: denunciato 28enne Un rumeno senza fissa dimora è stato sorpreso ieri dai vigilanti dell'Esselunga del Crocevia di Sarezzo, mentre tentava di svignarsela con otto bottiglie di vino nascoste in una borsa di plastica: per il ragazzo è scattata la denuncia a piede libero



Notizie da Valtrompia
02/07/2020

Biker caduto a Sant'Onofrio

Intervento congiunto del Soccorso Alpino della Valle Sabbia e della Valle Trompia per soccorrere un biker caduto sul sentiero 434 fra Nave e Lumezzane

01/07/2020

Mascherina ancora per due settimane

In Lombardia obbligo di mascherina fino al 14 luglio. Dal 10 luglio via libera a calcetto e discoteche. Fontana: “Fa caldo ma parere dei virologi è mantenere precauzioni”

24/06/2020

Il primo webinar sui temi di attualità dell'economia

Questo giovedì il Presidente di AIB Giuseppe Pasini dialogherà con il giornalista Ferruccio De Bortoli, ex direttore di Corriere della Sera e Sole 24 Ore. Gli incontri metteranno a confronto gli imprenditori bresciani con importanti ospiti dell’economia e del giornalismo italiano.

05/06/2020

Brescia, nel primo trimestre 2020 pesante caduta della produzione

Nel periodo tra gennaio e marzo, la variazione della produzione delle imprese manifatturiere bresciane è del -13,9% rispetto allo stesso periodo del 2019. Segnali negativi anche dall’artigianato manifatturiero

05/06/2020

Coldiretti, segnali positivi per un ritorno alla normalità

Dalla Bassa bresciana al lago di Garda, dalla Valcamonica alla Franciacorta, dopo l'emergenza gli agriturismi bresciani ripartono con impegno e passione per offrire ai visitatori il meglio del territorio in massima sicurezza

04/06/2020

La Valtrompia ad «Archivissima»

La mostra “Maternità, infanzia e leggi razziali dal dal 1926 al 1938”, digitalizzata grazie ad un laboratorio didattico, questo venerdì sera diventa un proposta dell’apprezzato festival torinese

04/06/2020

L'Ufficio Passaporti riparte con le prenotazioni

In Valsabbia la consegna dei passaporti già stampati nel periodo Covid avverrà tramite i Comandi territoriali dell’Arma dei Carabinieri

03/06/2020

Rilancio della montagna bresciana

Visit Brescia promuove tre incontri online per ciascuna delle Valli Bresciane per elaborare piani di rilancio “su misura” per promuovere il territorio e attrarre turisti

28/05/2020

I sette di Montagna che avanza

“Montagna che Avanza è il gruppo, prendersi cura è il motto!” così si presentano su Instagram, social su cui è molto vivo il progetto

23/05/2020

Multinazionali estere a Brescia

L’analisi, realizzata dall’Ufficio Studi e Ricerche Aib, ha riguardato le realtà manifatturiere, società di capitali, con fatturato superiore a 1 milione di euro, comprendendo partecipazioni di controllo e minoritarie (ma sopra il 25%). In provincia sono 103 le imprese locali a partecipazione estera, con un volume d’affari di 3,6 miliardi di euro

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier