Skin ADV
Giovedì 26 Maggio 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



30 Ottobre 2012, 10.00

Coldiretti

Troppo secco, decimate le castagne lombarde

di red.
Secondo un monitoraggio della Coldiretti lombarda, sugli oltre 80 mila ettari di castagneti fra le Alpi e il Po si sono registrate perdite anche del 70 per cento.

Troppo secco, decimate le castagne lombarde. Secondo un monitoraggio della Coldiretti regionale, sugli oltre 80 mila ettari di castagneti fra le Alpi e il Po (concentrati nelle aree montane e collinari di Bergamo, Brescia, Pavia, Como, Lecco, Varese e Sondrio) si sono registrate perdite anche del 70 per cento sulla produzione media delle singole varietà. La lunga estate calda – spiega la Coldiretti Lombardia - ha lasciato il segno: ricci piccoli e verdi, castagne che faticano a maturare e l’assedio della vespa cinese. Anche la raccolta è iniziata in ritardo, a ottobre, mentre di solito parte nella prima della metà di settembre.

“Avremo una riduzione fra il 70 e l’80 per cento. Quelle rimaste sono sane, ma sia il secco dell’estate che i parassiti hanno colpito in maniera significativa. Noi abbiamo aperto la raccolta lunedì 8 ottobre e andremo avanti fino al 2 novembre” conferma Germano Squaratti, tecnico del Consorzio della Castagna che, in Valcamonica, nel Bresciano, copre una zona che va da Pisogne a Edolo.

“E’ un disastro – racconta Francesco Romele, 62 anni, agricoltore di Iseo (Brescia) – sia per le castagne che per i marroni abbiamo perso quasi tutto il raccolto. Ci ha colpito il cinipide (il parassita orientale, ndr.) e la siccità di giugno, luglio e agosto ha fermato le piante e la maturazione dei ricci, che sono rimasti piccoli. Si sono salvati solo gli alberi più vecchi che hanno le radici che pascano molto in profondità”.

A Marco Ciaffa, 49 anni, piccolo castanicoltore di Gravedona (alto lago di Como) è andata un po’ meglio: “La raccolta è iniziata con qualche settimana di ritardo, alcuni frutti sono bianchi, ma in generale la produzione è sana”. Giuliano Locatelli, 48 anni, di Almenno San Bartolomeo (Bergamo), erede di due generazioni di castanicoltori, spiega: “Il raccolto è in ritardo e c’è un 10 per cento di frutti più piccoli: quest’anno ha fatto troppo caldo e le piante sono andate in stallo. Ma il resto del prodotto è buono”.

Intanto continua la lotta all’ “alien del castagno”. Si tratta – spiega la Coldiretti regionale - di un insetto, chiamato Cinipide galligeno, arrivato dall’oriente e scoperto per la prima volta nel 2006 ad Albino (Bergamo) e a Sonico (Brescia), è diventato endemico fra il 2010 e il 2011, che si sistema nelle piante con delle specie di sacche piene di uova da cui nascono i nuovi esemplari. Adesso si sta cercando di eliminarlo con un altro imenottero, il Torimide, anche lui orientale, che ne mangia le uova e si autoestingue quando non ci sono più gli insetti di cui si nutre.

“Le prime introduzioni stanno dando gli effetti sperati, ma ci vorrà qualche anno prima che faccia effetto su tutto il territorio regionale – spiega Marco Bazoli, specialista del servizio fitosanitario dell’Ersaf (l’ente forestale della Lombardia) – intanto sui castagneti ha pesato molto il clima secco di questa estate: ci sono diversi boschi con frutti piccoli e secchi”. Per fare il punto sulla salute dei castagneti alpini, dal 26 al 28 ottobre presso la comunità montana di San Fedele d’Intelvi (Como) si terrà un summit italo-svizzero con specialisti della Lombardia e del Canton Ticino.

Nel frattempo – spiega la Coldiretti regionale - le castagne stanno arrivando alla vendita al dettaglio con prezzi fra gli 8 e i 10 euro al chilo, mentre agli agricoltori vengono pagate fra i 4 e i 5 euro a seconda della varietà e della misura. Per una buona scelta – conclude la Coldiretti Lombardia – meglio comprare direttamente dal produttore e valutare il frutto non solo in base alla grandezza, ma anche per la consistenza: se è turgido vuol dire che è stato raccolto da poco tempo.

Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/12/2014 11:30
Panettone, tradizione lombarda La “mappa del panettone” lombardo secondo Coldiretti: a Brescia per quello artigianale si spendono tra i 25 e i 30 euro

03/12/2011 10:45
Caro gasolio in agricoltura Brescia la provincia lombarda pi “stangata”: stimato in 16 milioni di euro il costo in pi per le aziende lombarde.

31/10/2012 08:30
Halloween, -10% di zucche che per la crisi finiscono in padella Per le difficolt economiche, secondo Coldiretti, il business della notte delle streghe scende a 300 milioni (-15%).

31/03/2015 15:00
Quote latte, l'estinzione delle stalle Secondo Coldiretti, solo 1 stalla su 5 è sopravvissuta al regime delle quote latte, che finisce dopo oltre 30 anni lasciando in vita in Italia solo 36mila allevamenti. Vediamo chi ci ha guadagnato


14/10/2012 10:30
La piaga dei cinghiali colpisce anche la Valtrompia La Coldiretti di Brescia ha diffuso i dati relativi ai danni provocati dai cinghiali nei primi nove mesi dell'anno: 70 mila euro tra Alto Garda, Valsabbia, Valtrompia e Valcamonica. Dal 2006 al 2011 la cifra di oltre 2 milioni e mezzo di euro



Notizie da Economia e lavoro
25/05/2022

Crolla la fiducia delle aziende bresciane

Nel 1 trimestre del 2022, il clima di fiducia delle imprese bresciane attive nel settore dei servizi si attestato a 108, confermando la tendenza in ribasso riscontrata nelle ultime rilevazioni. La causa? La preoccupazione per i risvolti del conflitto russo-ucraino. A evidenziarlo sono risultati dell'Indagine congiunturale del Centro Studi di Confindustria


24/05/2022

Premiati 22 nuovi Maestri del lavoro

L'onorificenza, rivolta ai lavoratori dipendenti ancora in servizio o gi pensionati, premia i collaboratori che hanno saputo contribuire, con meriti particolari, alla crescita e allo sviluppo dell'impresa.

22/05/2022

«Cigni neri, inflazione e capitale privato: qui si fa l'Italia»

All'incontro, dedicato in particolare alle opportunit legate al private markets e private equity per trasformare e innovare le imprese Italiane, sono intervenuti tra gli altri Franco Gussalli Beretta, Presidente di Confindustria Brescia, Paolo Streparava, Vice presidente di Confindustria Brescia con delega a Credito, Finanza e Fisco, e Claudio Scardovi, CEO & Fondatore di HOPE

07/05/2022

Verso organizzazioni intelligenti e creative

Welfare aziendale, responsabilit, partecipazione, resilienza sono temi chiave per la creazione di contesti lavorativi intelligenti e creativi. Se ne parler marted 17 maggio a Lumezzane alla presentazione di un volume di Luciano Pilotti

20/04/2022

Cresce l'apertura sul credito, in salita i prestiti alle industrie

Ad evidenziarlo il Booklet Economia a cura del Centro Studi di Confindustria Brescia, che contiene i principali indicatori economici della provincia. Nel quarto trimestre 2021 i prestiti all'industria salgono del 2,6%

10/04/2022

Aler e Ge.S.I. insieme per l'efficientamento energetico

Il Presidente Bianco Bertoldo e l'Amministratore unico, il nuovo ruolo assunto dall'anfese Pietro Bondoni, ricordano i lavori realizzati nelle province di competenza

08/04/2022

Iniziato mercoledì il roadshow SetteOttavi

Al Laboratorio Lanzani di Brescia, gli imprenditori del settore Abbigliamento, Magliecalze, Calzaturiero e Tessile di Confindustria Brescia si sono incontrati con i colleghi, associati e non, delle zone Brescia, Bassa Bresciana Occidentale e Bassa Bresciana Orientale.

23/02/2022

Il dipartimento economico del Tennessee incontra le aziende bresciane

All'appuntamento, organizzato dalla Camera di Commercio di Brescia con il supporto di Pro Brixia e il contributo di Confindustria Brescia, sono intervenute oltre 30 aziende

08/02/2022

Nel 2021 recuperati i volumi persi con la pandemia

Lo scorso anno si chiuso con un record nella produzione industriale: la crescita media annua stata pari al 14,8% rispetto al 2020.

03/02/2022

Timken passa al gruppo Camozzi

 Soddisfazione del mondo sindacale, produttivo e politico per la felice conclusione della crisi aziendale dell'azieda di Villa Carcina. Ricollocati anche i lavoratori rimasti senza occupazione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier