Skin ADV
Martedì 20 Aprile 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





18 Gennaio 2013, 10.50

Teatro

Karamazov

di Davide Vedovelli
Luned 14 e marted 15 febbraio arriva al Teatro Sociale di Brescia Csar Brie con lo spettacolo tratto dal libro di Dovstoevskij

Tutto esaurito per quest'importante appuntamento che fa parte della rassegna “altri percorsi” organizzate anche quest'anno dal Centro Teatro Stabile di Brescia. L'organizzazione però precisa che se qualche d'uno volesse provare a vedere lo spettacolo basti che si presenti la sera stessa e sperare in qualche rinunciatario, che quasi sempre c'è. Lo spettacolo è di César Brie. Una vita non facile quella di questo regista, che ha sempre denunciato ingiustizia e abuso di potere, pagando di persona queste scelte. César Brie inizia a fare teatro a diciassette anni. Nel 1972 partecipa alla fondazione della Comuna Baires, recitando in più produzioni, dirette da Renzo Casali e Liliana Duca. Con questo gruppo è costretto ad autoesiliarsi a Milano nel 1974 a causa delle persecuzioni operate dalla dittatura militare (Un membro della Comuna Baires venne sequestrato e torturato). Nel 1980 incontra Iben Nagel Rasmussen, si trasferisce in Danimarca e partecipa alla fondazione del gruppo Farfa insieme a Pepe Robledo, Maria Consagra, Daniela Piccari e Dolly Albertin, definendo la possibilità di un confronto diretto con l'Odin Teatret ed Eugenio Barba. Nel 1990, si separa da Iben, e lascia l'Odin, con l'idea di concludere l'esperienza europea per un nuovo progetto in America Latina. Nell'agosto del 1991, insieme a Naira González e a Giampaolo Nalli, fonda in Bolivia il Teatro de Los Andes. Insieme alla comunità Yotala, in un piccolo paese vicino a Sucre, crea una struttura che produce spettacoli di ricerca. Il gruppo, oltre a produrre spettacoli in Europa, lavora su una ricerca della memoria andina, ricollegandosi ai miti del luogo. Nel 2010 César Brie e costretto a lasciare il Teatro de los Andes e la Bolivia a causa delle minacce di morte ricevute dopo aver diffuso il suo documentario “Tahuamanu" nel quale svela cosa è realmente accaduto l’11 settembre 2008 in Bolivia, data in cui i campesiños, che difendevano il diritto alla terra, sono stati massacrati e uccisi da squadristi legati all’opposizione fascista.

Lo spettacolo che ci presenta è liberamente tratto da“I fratelli Karamazov”di Fëdor Dovstoevskij, l' adattamento e la regia sono di César Brie. Sul palco :César Brie, Mia Fabbri, Daniele Cavone Felicioni, Gabriele Ciavarra, Clelia Cicero, Manuela De Meo, Giacomo Ferraù, Vincenzo Occhionero, Pietro Traldi, Adalgisa Vavassori.
Spettacolo ridotto all’osso, che mantiene un’incredibile profondità, in cui la famiglia è protagonista indiscussa ed è vista attraverso lo sguardo puro dei bambini.

César Brie, artista molto amato dal pubblico, torna sui palcoscenici italiani con un nuovo spettacolo dal titolo Karamazov che nasce dalla riduzione teatrale di parte del romanzo I fratelli Karamazov di F. Dostoevskij e si arricchisce di un lavoro di ricerca sugli oggetti e sulla creazione di immagini che traggono spunto dal romanzo stesso. Con uno sguardo sempre attento alle tematiche sociali e la sensibilità propria dell’artista, César Brie, interprete e regista con un gruppo di giovani attori, si avvicina uno dei grandi capolavori della letteratura russa con una lente che mette in evidenza il lascito etico, morale e spirituale di uno dei più grandi conoscitori dell’animo umano in letteratura.

Nel testo si confrontano tutti gli aspetti dell’anima umana: la passione e l’istinto (Dimitri), la ragione e il dubbio (Ivan); la bontà e la purezza (Alekséj); il risentimento e la vendetta (Smerdjakov); la cattiveria, il sentimentalismo, l’egoismo e l’edonismo (Fëdor il padre); la santità (lo Starets). Più di mille pagine sono state ridotte a 65 pagine di copione; capitoli interi sono sintetizzati in aforismi, personaggi secondari spariti, altri uniti in una sola figura, ma ciò nonostante lo spirito del romanzo rimane vivo e attuale.

Appuntamento quindi al Teatro Sociale di Brescia per lunedì 14 e martedì 15 febbraio.

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/01/2013 09:00
Karamazov «pop» nell'arte sublime di César Brie Teatro Sociale tutto esaurito per la seconda replica dello spettacolo di ispirato al testo di Dostoevskij

10/02/2013 09:30
César Brie e il suo teatro Il regista di "Karamazov", lo spettacolo teatrale tratto dal romanzo di Dostoevskij che sta riscuotendo successo in tutti i teatri d'Italia, si svela con lo Spaccadischi.

26/11/2018 14:50
La danza racconta la «Tempesta» di Shakespeare Una narrazione teatrale danzante che andrà in scena al Teatro Sociale di Brescia dal 29 novembre al 1 dicembre con la coreografia di Giuseppe Spota 

24/02/2012 09:30
«Il racconto d'inverno» di Wiliam Shakespeare Gioved 1 marzo al teatro Odeon di Lumezzane va in scena una delle ultime commedie scritte dall'autore inglese, a cura del "Teatro dell'Elfo". Prevendita aperta da marted 21 febbraio

12/02/2019 15:50
Prevendite aperte per «La bisbetica domata» Da oggi – martedì 12 febbraio – è possibile acquistare in prevendita i biglietti per lo spettacolo, in programma il 19 febbraio al Teatro Odeon di Lumezzane 



Notizie da Spaccadischi
02/03/2020

Le epidemie di licantropia nel Medioevo

Anche in questo periodo di paura per l’epidemia di Coronavirus c’è bisogno di distrarsi con qualche curiosità, così ho pensato di parlarvi di un’epidemia ben strana che si diffuse nel Medioevo: la licantropia


31/01/2020

Torna «La Torre delle Favole»

Da domenica 2 febbraio a Lumezzane s’inaugura la 17ª edizione della rassegna per bambini con un racconto bellissimo ed intramontabile: Raperonzolo

31/01/2020

L'ipnosi

Molti anni fa mi sono imbattuto in un vecchio libro che parlava di ipnosi. Lo trovai su una bancarella stipata di libri usati, consumati dal tempo e dagli occhi degli uomini

26/11/2018

«L'infinito», Vecchioni torna con un nuovo disco

Ai giornalisti il cantautore ha annunciato, a sorpresa, non il ritiro dalle scene ma il suo ritorno in cattedra con un nuovo lavoro, a cinque anni dall’ultimo disco di inediti 
• VIDEO


23/06/2015

Maria Antonietta si racconta

Dopo aver ricevuto la Musica da Bere Targa Artista, Maria Antonietta si racconta in una breve intervista allo Spaccadischi

18/06/2015

Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone

L'evento più importante del weekend è certamente la festa della musica di sabato sera a Brescia, deve parsi per la città sono allestiti 45 palchi, con 1000 eventi e con oltre 3500 performer, dalle 10 di mattina fino a notte inoltrata

11/06/2015

Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone

Il secondo fine settimana di giugno pullula di eventi in ogni angolo della provincia. A Vobarno il concerto del cantautore bresciano Piergiorgio Cinelli

09/06/2015

I primi 40 anni di Gardaland

Tra adrenalina, avventura e “Night is magic” arriva a Gardaland anche un suggestivo spettacolo sulla Prima Guerra Mondiale

05/06/2015

Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone

Due gli eventi degni di segnalazione per questo fine settimana a Brescia e provincia: questo venerdì sera La notte del sacro in città che chiude il festival Corpus Hominis e a Moniga Italia in Rosa, dedicata ai vini rosé

03/06/2015

Piergiorgio Cinelli, oltre il dialetto

Intervista al cantante bresciano, che sarà protagonista quest’estate con il suo nuovo spettacolo per tutta la provincia, in attesa del concerto a Vobarno di domenica 14 giugno

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier