Skin ADV
Martedì 20 Aprile 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




18 Marzo 2014, 09.01

Genitori & Figli

San Giuseppe: quale festa del padre?

di Giuseppe Maiolo
Si fa riferimento al padre putativo di Gesù, per ricordare le funzioni del padre, anche se prevale il sospetto che gli aspetti commerciali abbiano fatto perdere la valenza simbolica di questa figura

Il 19 marzo, come è ormai tradizione, ricorre l'usanza di festeggiare il papà.
Solo pochi mettono in evidenza come la figura del santo patrono si associ in modo particolare alle virtù della paternità che San Giuseppe incarna con il suo comportamento, peraltro assai poco descritto.

Le Sacre Scritture infatti,
ne parlano poco e l'iconografia classica di solito ce lo mostra non in primo piano ma di lato o sullo sfondo, quasi ad indicare le sue virtù: l’umiltà, la pazienza, la presenza silenziosa. Qualità paterne di grande valore che sottolineano l’importanza della sua funzione cioè quella di essere custode della Sacra Famiglia.
E, fuor di metafora, il padre è colui che, nella dinamica familiare, dà protezione e sicurezza. E’ quello che assicura il suo sguardo attento, silenzioso ma presente, contiene e conforta.

A guardare bene le immagini del Santo, sembra di cogliere forza e energia ma pure tenerezza e dolcezza che non sono doti esclusivamente femminili.
Forse allora bisognerebbe ricordarsi di più di questi aspetti nel festeggiare il papà il 19 marzo. Ci servirebbe, credo, riflettere sulle funzioni specifiche della paternità, oggi che se ne lamenta sempre di più la mancanza.

Urge recuperare quel Giuseppe-padre, attento e presente, silenzioso e forte, capace di proteggere e orientare, pronto ad intervenire se ce n’è bisogno, ma anche affettuoso e disponibile.
Una figura decisamente lontana da quell’immagine accattivante del padre eternamente giovane, alle prese unicamente con l’aeu de parfume o impegnato a scegliere i calzini di turno che ci viene propinata dai media.

Forse festeggiare San Giuseppe e dunque il padre vuol dire provare a sbarazzarsi di quegli aspetti deleteri di una paternità inconsistente ed evanescente e cominciare a chiedere a gran voce al padre di essere più autentico e coerente, meno narcisista e seduttore magari di minorenni.
Magari più responsabile, meno Principe vanitoso e più forte nell'impersonare un modello positivo per i figli che per crescere hanno bisogno di riferimenti affidabili.

Giuseppe Maiolo


 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/02/2015 09:42
Il padre mancante Stupisce, come sempre, Papa Francesco ma coglie nel segno. I padri di oggi sono latitanti, assenti, distanti dai figli. Io aggiungerei mancanti, perché mancano delle loro funzioni principali.

02/03/2014 09:34
Prostituirsi per gioco? A leggere di giovani adolescenti che a Ventimiglia si prostituiscono per "gioco", colpiscono diverse cose

29/04/2015 08:22
Le parole nella separazione Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

20/01/2014 09:28
Le 'C' dell'educazione Educare è un'arte, ovvero un misto di  operazioni che richiedono risorse oggettive e conoscenze teoriche ma soprattutto impegno personale, disponibilità relazionale ed estro creativo

25/02/2015 10:19
La psicologia del branco Il partecipato dibattito, anche critico, al tema del padre mancante trattato la volta scorsa, mi fa dire che sull’argomento educazione e funzioni genitoriali c’è, come giusto, grande attenzione e interesse



Notizie da Genitori e Figli
22/12/2020

Natale in lockdown con i figli, tempo da condividere

“Sarà un Natale diverso” è la frase che risuona di più in questi giorni. Lo abbiamo capito da un po’ a prescindere dalle indicazioni governative. Ma questo ritornello credo ci serva per prepararci alla ricorrenza da vivere quest’anno come una preziosa occasione relazionale e educativa

11/02/2020

Per un'educazione digitale

Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell'Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero pi di 6 milioni...


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

20/06/2015

Tempo di esami

Tempo di bilanci per gli studenti, ovvero tempo di esami. E con questi ansia e stress. Perché gli esami, si sa, sono una messa alla prova, una verifica per poter passare da un livello ad un altro

06/05/2015

Mala Educaciòn

Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

29/04/2015

Le parole nella separazione

Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

21/04/2015

L'elogio del dubbio 2

È ripartito anche  quest’anno il ciclo di incontri di Educativa Familiare denominato GENITORI IN FORMAzione. Il primo incontro di questo percorso si è tenuto martedì scorso a Villanuova sul Clisi e il secondo avrà luogo a Barghe questa sera


23/03/2015

Il legame fraterno

La relazione che lega i fratelli può essere semplice e allo stesso tempo complessa, ma costituisce il primo rapporto affettivo che potremmo definire orizzontale perché si sviluppa tra pari


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier