Skin ADV
Sabato 27 Febbraio 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



08 Giugno 2015, 12.54
Valtrompia
Filosofia

La Democrazia come mito

di Dru
Perché la democrazia consente la violenza, come la prepotenza in quanto regola storica, sulla vera potenza in quanto essere?

L'homo technicus registra un passo indietro in quanto immerso nelle regole storiche, ma un progressivo incremento in quanto nell'Ontologia.

Secondo le regole storiche, l'uomo, nell'evoluzione, ha saputo concretare i mezzi di produzione, che da naturali si sono sempre più dimostrati tecnici. La trasformazione, attraverso il proprio lavoro, della propria vita, delle relazioni sociali e dell'ambiente circostante, ha costituito l'homo technicus.

Ma l'homo technicus non si è costituito spontaneamente e indipendentemente da quelle regole, cioè le stesse regole non sono qualcosa di metastorico, ma sempre in trasformazione, storiche appunto.

Quali sono le regole storiche e perché le stesse hanno obbligato l'homo sapiens  in homo technicus?

"Le regole storiche sono le regole della storia",


Ma questa proposizione apparentemente banale,  non lo è, anche se a primo acchito lo sembrerebbe, perché tautologica. No, questa identità tra il soggetto e il predicato  mostra che non vi è alcuna regola fuori della storia che sia storica, cioè della storia appunto.

Le regole interne alla storia sono determinate dalla storia, in questo sono della storia appunto. Il senso della storia è determinato da un inizio e da una fine, l'inizio e la fine indicano il cambiamento, alcuna storia sarebbe altrimenti possibile.

Questo significa che ogni cosa che è storica non può durare che il tempo che la regola storica gli impone, non è possibile altrimenti, altrimenti è l'impossibile della regola storica, altrimenti è la negazione della regola storica, che come storica è appunto autocontraddittoria. Insisto e mi ripeto quindi anche la regola come ogni altra cosa della storia ha un inizio e una fine.

Tutto questo non lo dico per leziosismo, o ardire filosofeggiante, tutto questo è l'incisivo, altrimenti delle cose non si capisce nulla.

Ho detto che la tautologia (l'identità), per cui la proposizione sopra tra apici non è banale, significa per ogni cosa il determinarsi storicamente, cioè ho detto di ogni storia che non esiste che come il suo inizio e la sua fine, capire questo significa anche capire che ogni cosa è libera di essere come è libera di non essere, questo il suo inizio e questa la sua fine, ma questo è anche il suo permanere, questo il lato ontologico delle cose tutte.

Se le cose non fossero libere di non essere non avrebbero alcuna storia da raccontare.

Onto-logos (ragione dell'essere): Il loro differenziarsi, il differenziarsi di ogni cosa da qualcosa d'altro, è il loro non essere quell'altro. Il loro identificarsi, l'identificarsi di ogni cosa a qualcosa d'altro, è il loro essere quell'altro.

Un tempo l'uomo affidava la forza della sua resistenza contro l'altro, contro ogni altro, fin anche  quando l'altro non fosse anche la morte, all'essere supremo e sacro del mondo, per come appare.

Alle apparenze della natura, ai suoi fenomeni, incontrollabili dall'uomo e in continua mutazione, e a questi mutabili dava il nome di un dio, sperando di poter saziarne l'indomabile appetito, era il mito.

L'homo sapiens
aveva la facoltà di poterli conoscere, ma la storia di quelli aveva un corso naturale, il dominio della storia su di essi era della natura, generazione da parte di un Dio o anche da parte delle cose naturali tutte, comunque prodotte da Dio, all'uomo era consentita la conoscenza, la loro essenza, era il tempo della filosofia.

Questa immagine del potere si rifletteva sull'uomo non in quanto "agente" del mondo, ma in quanto "fatto". Di nuovo, qui il soggetto di tutto, o il presupposto, è appunto la storia e sue regole.

Ma poi, grazie appunto a questa dimensione filosofica dell'uomo, della cattura del cuore delle cose tutte, l'uomo da "fatto" è diventato "agente" colui che agisce direttamente per produrre il mondo, è il tempo dell'homo technicus.

Di nuovo, qui il soggetto di tutto, o il presupposto, è appunto la storia e sue regole.

Oggi qualcuno si chiede il perché di questa evoluzione dell'uomo e non il perché di un'altra e si chiede pure del perché di tanta violenza interna a questa struttura di regole storiche, quando anche i sistemi politici si mostrerebbero all'apparenza democratici, confondendo la civilizzazione e la democrazia con la negazione della violenza.

Ebbene, le regole della storia si fondano sul loro apparire, esse appaiono storiche, transeunte, precarie, divenienti, quindi contrarie e contraddittorie.

L'ontologia, come loro struttura, le ha determinate come libere di oscillare dal loro essere al loro non essere, la storia appunto.

Questo loro esser libere determina appunto il corso storico, a me piace dire il fiume della storia.

Prima le abbiamo trattenute o in un Dio o in una conoscenza, cercando di stabilirne una permanenza, ma ciò è stato inutile in base appunto al discorso ontologico della loro "libertà" di essere come di non essere, cioè di oscillare, di divenire l'altro da sé.

Ma è proprio questo discorso a farne, prima ancora che le cose della tecnica, la sua violenza, la violenza del discorso che le dice, che dice delle cose tutte.

Se le cose non sono e in quanto non sono, allora sono libere.

Noi le pensiamo così, le pensiamo contraddittoriamente, cioè in quanto eodem sono e  non sono.

Quest'ultimo pensiero, "in quanto non sono", è la violenza del loro essere, è la tecnica, cioè la libertà delle cose tutte ad esser dis-ponibili, cioè appunto disposte a non esser più ciò che sono e quindi trasformabili in altro.

Tutte le forme culturali moderne derivano da questa violazione dell'essere, dalla regola storica, nei diversi modi:
Il modo democratico da quello assolutista in politica
Il modo giuspositivo da quello giusnaturale nel diritto
Il modo moderno della scienza sperimentale, ipotetico e indeterministico, da quello antico, necessario e deterministico.
Il modo musicale moderno afono da quello sinfonico
Il modo artistico dell'astratto da quello rappresentativo della verità dell'immagine del mondo
Il modo poetico del rifiuto del canone da quello strutturato,
Il modo del divorzio come vincolo giustapposto, ma sempre libero di non essere, dal matrimonio, fin che morte non ci separi...

Insomma, di qualunque modo, la forma esprime la violenza della regola storica sulla verità dell'essere.

Ma la forma sa essere contenuto quando non è così violentata dalla regola storica e innanzitutto quando l'essere sa davvero esser se stesso.

Quantunque ed ovunque l'astratto si esprima, per esprimersi deve, per ragione, costituirsi in un contesto di  concretezza.

Quantunque ed ovunque la regola storica si esprima, per esprimersi deve, per ragione, costituirsi in un contesto.

Per questo motivo ho definito sopra un passo avanti nell'ontologia e un passo indietro nelle regole storiche.

Nell'ontologia la dimensione della regola storica va concretandosi sul concetto fondativo di libertà, fondato appunto sull'evidenza del mondo e del suo mutare, concetto autocontraddittorio, ma che come concetto esiste.

Nella regola storica l'uomo tecnico  compie un passo indietro e rivive il tempo del mito, perché abbandona quella dimensione sapienziale, delle cose che ha fatto dell'uomo l'uomo filosofico, per rigettarsi in quella della pura forza, che non consente all'essere di esser se stesso, ma viene così ad esser violentato.

Non avere paura della propria ignoranza consente uno sviluppo ulteriore e più profondo dell'argomento. Attendo quindi vostre obiezioni o quesiti in merito, perché è solo elevandosi al di sopra di un colle che incontriamo, con la vista, le vette più alte, e solo così possiamo vederle e sperare un giorno di scalarle...

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/06/2015 07:51
Il pensiero, di Emanuele Severino Quando si pensa al pensiero, e agli elementi che lo compongono, molti guardano alla loro testa e se della propria testa non ci si fida, allora ci si affida a quella di chi ha più popolarità in quello specifico campo, il pensiero ed il suo studio appunto

25/06/2012 11:30
La cinematografia è pensiero Scegliere film pi difficili che implicano di pensare significa dare avvio al principio di liberazione che l'atto del pensare mette in moto ogni volta in noi, spingendoci a rapportarci col presente, affrontare nuovi problemi e ridefinire noi stessi

02/03/2014 09:07
La filosofia nasce grande con Anassimandro 1.4 Si tratta ora di comprendere che il significato del dolore e dell'angoscia, al quale si riferisce il pensiero filosofico, è essenzialmente connesso al modo in cui la filosofia, sin dall'inizio, pensa  l'"essere" , il "nulla", il "divenire"

26/06/2015 06:57
Imbecille fra imbecilli Un approfondimento sul tema dell'imbecillità del nostro tempo, il tempo del laicismo ingenuo


24/09/2012 10:45
La radicalità del filosofare La filosofia non strumento verso un sapere assoluto ma l'umile capacit di essere indirizzati verso un altrove che ha a che fare con l'ignoto dello sguardo. Perch il pensiero si annida in ogni situazione e in ogni luogo. D'altra parte Spinoza era un tornitore di lenti



Notizie da Valtrompia
24/02/2021

Webinar sulla Crescita strategica

I 4 appuntamenti online, promossi dal delegato a Credito, Finanza e Fisco di Confindustria Brescia, Paolo Streparava, inizieranno domani e proseguiranno sino al 18 marzo. Relatore degli incontri sar l'avvocato Giorgio Mariani


23/02/2021

Brescia zona arancione «rafforzata»

Dalla Regione I dati mostrano che a Brescia evidente una terza ondata: il punto che va aggredito e su cui bisogna intervenire immediatamente

18/02/2021

Presentato oggi «I.S.M.» Indice Sintetico Manifatturiero

Lo strumento, sviluppato dal Centro Studi di Confindustria Brescia in collaborazione con l'Universit Cattolica del Sacro Cuore, restituisce in un unico valore lo stato di salute delle societ di capitali attive nell'industria; pu essere applicato senza restrizioni geografiche a tutte le imprese manifatturiere

09/02/2021

435 mila euro per la Val Trompia

Anche l'ente valtrumplino è tra i beneficiari dello stanziamento di 10 milioni di euro per garantire il funzionamento delle 23 Comunità Montane lombarde nell'anno 2021

09/02/2021

A Brescia nel 2020 calo della produzione del 16,2%

Un risultato che risente della forte flessione del periodo marzo/aprile, che ha segnato in media valori inferiori di oltre il 50% rispetto al periodo pre Covid-19


03/02/2021

Vaccino anti Covid, dal 24 febbraio agli over 80

La fase 2 della campagna vaccinale in Lombardia scatter alla fine di febbraio con i pi anziani, poi ad altre categorie come forze dell'ordine e centri diurni. Coinvolta la Protezione civile regionale

02/02/2021

Sorteggiati i tre membri della Commissione di designazione

Estratti a sorte all'interno di una rosa di 9 nomi, presiederanno al corretto svolgimento dell'elezione del Presidente di Confindustria Brescia nel quadriennio 2021 - 2025


21/01/2021

Accordo sul Fondo Nuove Competenze

Siglato l'accordo territoriale tra Confindustria Brescia e sindacati L'intesa consente di accompagnare le imprese nel processo di adeguamento ai nuovi modelli organizzativi e produttivi, offrendo ai lavoratori l'opportunit di acquisire nuove e maggiori competenze professionali


16/01/2021

Lombardia in zona rossa

Da domenica 17 gennaio scattano le nuove restrizioni per spostamenti e aperture negozi e bar. Eccole nel dettaglio


14/01/2021

Export bresciano in Germania, bruciati oltre 400 milioni

Nei primi nove mesi del 2020 le vendite sono diminuite sensibilmente, in particolare nei comparti metalmeccanici. Crescono solo alimentari e bevande


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier