Skin ADV
Giovedì 28 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



02 Dicembre 2018, 09.25
Valtrompia
Lettere

¬ęSi scrive acqua, si legge democrazia¬Ľ

di Mariano Mazzacani
Il Comitato referendario "Acqua pubblica" non si smonta e annuncia il via ad una "Campagna di resistenza civile"

Il 18 novembre i cittadini dell'intera provincia di Brescia hanno votato il referendum sulla gestione pubblica dell'acqua. Il risultato ottenuto, visto le forze in campo, è stato buonissimo: 209.212 cittadini hanno votato a favore della gestione pubblica.
Quasi il 97% di chi si è recato alle urne si è espresso per il sì.

Questo è l'unico dato di fatto, oggettivo ed incontrovertibile! Tutto il resto sono fumose e sterili, oltre che intellettualmente povere, ipotesi di interpretazione del voto degli astensionisti.
Per coerenza gli amministratori provinciali, maggioranza guidata dal PD, dovrebbero lavorare per trasformare, l'orientamento del voto, nella sostanziale applicazione di quanto si chiedeva attraverso le urne: tenere fuori il profitto ed i privati dalla gestione idrica provinciale.
Le stesse dichiarazioni dei dirigenti Pd sul voto, formalmente a favore del s√¨, indicherebbero una precisa volont√† politica perci√≤ ci attendiamo una svolta a 360¬į rispetto alla decisione della Provincia messa ai voti il 9 ottobre del 2015. Se cos√¨ non fosse tali dichiarazione sarebbero da interpretare come una mera posizione di opportunismo politico.

Ad onor del vero lo stesso Presidente della Provincia assertore del Sì alla gestione pubblica, alla vigilia della consultazione, il giorno successivo allo spoglio, ha esternato, in perfetta continuità col suo predecessore, che la scelta "privatistica" è quella giusta ma terremo conto della volontà popolare.
Ergo "venderanno" l'abbassamento della quota privata dal 49% al 40%, che nulla cambia in termini sostanziali, quale contentino ai cittadini che hanno votato invece un quesito in cui era chiaramente scritto "mai alcuna quota ai privati".

Sorprendentemente però nell'ultimo Consiglio Provinciale alcuni passaggi potrebbero offrire scenari inaspettati.
La lega chiede il rispetto del voto mentre Apostoli, rappresentante di Provincia Bene Comune, ha chiesto che si vada al voto, nell'assemblea dei sindaci, solo a seguito di un consiglio comunale che rispetti il voto referendario.

Su questi punti il Presidente della Provincia Alghisi si è impegnato a valutare non chiudendo immediatamente la porta. Questo apertura potrebbe prefigurare nuovi scenari politici sulla gara per la cessione del 49% di Acque Bresciane ai privati.
La verifica la avremo nel prossimo Consiglio Provinciale in cui il Presidente Alghisi si è impegnato a dare conto di quanto richiesto.

L'attivit√† del Comitato per√≤ prosegue mutando profilo: non pi√Ļ una campagna per l'appello al voto ma una campagna di resistenza civile: il nostro voto conta! Non ci √® possibile abbandonare il campo dopo quanto accaduto domenica 18 novembre che ha portato, dalla nostra parte, un numero cos√¨ importante di cittadini ad esprimersi al S√¨ all'acqua pubblica.
Nei confronti di questi cittadini abbiamo un debito d'onore. Dobbiamo lavorare per concretizzare la loro scelta.

L'altro aspetto che ci obbliga ad andare avanti √® legato al fatto che eravamo gi√† preparati ad una narrazione politica del voto tutta orientata all'astensionismo ed eravamo preparati al fatto che il lavoro pi√Ļ importante sarebbe iniziato il 19 novembre, il giorno successivo al referendum, indipendentemente dal risultato che fossimo riusciti ad acquisire sul campo.
La campagna perci√≤ si giocher√† su pi√Ļ fronti. Il fronte principale riguarda l'ingaggio dei sindaci.
Tutti i sindaci.

Cercheremo di far venire alla luce, senza fraintendimenti, quali amministrazioni saranno a favore o contro la gestione pubblica in modo che i cittadini conoscano esattamente tale posizione.
I sindaci non potranno pi√Ļ barricarsi dietro false giustificazioni legate alla mancanza di una corretta ed approfondita informazione.

Sar√† un lavoro su pi√Ļ livelli portato avanti dal Comitato stesso e completato dai diversi comitati territoriali.
Su questo aspetto chiederemo atti concreti non semplici dichiarazioni d'intento, ma consigli comunali che approvino delibere sul voto all'assemblea dei sindaci. Proprio per questo abbiamo già inoltrato richiesta al Sindaco Del Bono per un incontro in modo da condividere quale sia la posizione della sua amministrazione sul tema e quali i passi che intenderà seguire per il rispetto del voto referendario.

La campagna di resistenza civile avrà, come altro obbiettivo, l'ingaggio sul piano amministrativo-formale: ogni passaggio amministrativo, passato o futuro, sarà spulciato, analizzato, sezionato e messo in evidenza agli organi competenti per una valutazione nel merito.
L'intento è quello di acclarare che le moltissime decisioni prese nell'ambito delle gestioni idriche non rispettano le norme vigenti. E tali mancanze non permettono un regolare corso verso la gara.

La prima decisione, che riteniamo quantomeno inopportuna, è l'assegnazione della delega al servizio idrico confermata ad Andrea Ratti che è in evidente conflitto d'interesse essendo dipendente di una società della Holding A2A. A2A gestisce il 46% dei comuni Bresciani ed è in odore di gara per entrare in Acque Bresciane Srl.

Evidente il conflitto d'interesse di Ratti che riteniamo non possa rappresentare al meglio gli interessi dei cittadini.
La seconda questione emersa grazie allo studio di Remo Valsecchi, riguarda la questione ASVT. Dai documenti si evidenziano almeno 3 macro-criticità.
La prima riguarda la legittimità di ASVT come gestore del Servizio Idrico in Valle Trompia visto che non può la stessa non può dirsi in salvaguardia secondo le norme vigenti.
La seconda questione riguarda la scalata dal 49% al 74,9% della stessa ASVT che poteva essere assunta solo dopo che si fosse espletata una gara di evidenza pubblica, come previsto dalle norme per i servizi pubblici.
La terza riguarda il danno erariale a carico dei cittadini della Valle Trompia per oltre 1,4 min di Euro a seguito della cessione 24,9% delle azioni di ASVT
Un danno erariale che riteniamo possa essere di un qualche interesse della Corte dei Conti il che non dovrebbe fare fare sonni tranquilli agli amministratori Valtrumplini che hanno voluto ed avallato tale operazione.

Queste ed altre iniziative saranno portate a compimento nei prossimi mesi con l'intento di mettere in discussione quanto fatto sin qui dagli organi provinciali.
L'obbiettivo palese è stato quello di creare le premesse tecniche ed "ambientali" perché la gara per la svendita dell'acqua dei Bresciani fosse finalizzata quanto prima.

Il Comitato metterà in campo tutto quanto sarà possibile
che smantellare tale costruzione.
Perciò 209.212 grazie ai cittadini bresciani che hanno marchiato col loro segno il nostro percorso.

Si scrive Acqua si legge Democrazia!
Vi ringraziamo per l'attenzione

Mariano Mazzacani

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/02/2013 09:30:00
Consiglio di Stato: traditi i referendum sull'acqua L'organo istituzionale ritiene "incoerenti" con il quadro normativo uscito dal referendum tenutosi il 12 e 13 giugno 2011 i costi pagati da allora e invita l'Authority per l'energia ad adottare nuove tariffe. Di seguito il comunicato di Alma Aqua di Prevalle che si era spesa per il referendum

19/11/2018 10:45:00
Acqua pubblica, vince il ¬ęs√¨¬Ľ A livello provinciale si √® registrato un forte astensionismo, ma chi si √® recato alle urne ha votato quasi all’unanimit√† per la gestione pubblica. Vediamo com’√® andata nei Comuni della Valle Sabbia¬†

11/10/2013 10:30:00
Accoglienza festosa per Mariano Peli dopo l'incidente Travolto da una Fiat Punto guidata da un 21enne ubriaco e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, Mariano Peli se l'era vista davvero brutta lo scorso 28 luglio. A due mesi di distanza è tornato a casa, accolto da tutto Polaveno presso l'istituto scolastico

15/05/2015 15:20:00
Anche Marcheno aderisce ad una proposta di referendum Da un paio di giorni e fino al 3 luglio prossimo, al municipio di Marcheno sarà possibile aderire ad una raccolta firme per proporre un referendum 

02/06/2011 10:10:00
Ok sul nucleare Alla fine, tutto resta come prima: il 12 e 13 giugno si voterà il referendum sul nucleare.



Notizie da Valtrompia
23/05/2020

Multinazionali estere a Brescia

L’analisi, realizzata dall’Ufficio Studi e Ricerche Aib, ha riguardato le realt√† manifatturiere, societ√† di capitali, con fatturato superiore a 1 milione di euro, comprendendo partecipazioni di controllo e minoritarie (ma sopra il 25%). In provincia sono 103 le imprese locali a partecipazione estera, con un volume d’affari di 3,6 miliardi di euro

18/05/2020

Fase 2 bis in pillole

Da questo lunedì 18 maggio riprendono in tutta Italia gran parte delle attività commerciali aperte al pubblico. In Lombardia permangono alcune restrizioni. Tornano anche le messe coi fedeli.

17/05/2020

¬ęUno sguardo sul territorio¬Ľ

Dal Civile alla Poliambulanza, passando per AiutiAMOBrescia. Facciamo il punto coi protagonisti. E’ la proposta “Made in Caino” con uno sguardo sull’itera provincia. Questo luned√¨ sera in diretta su Youtube

12/05/2020

Ritornano le messe con i fedeli

A partire da lunedì 18 maggio sono di nuovo ammesse le celebrazioni con la presenza dei fedeli, rispettando le indicazioni del Protocollo firmato fra Governo e Cei. Ulteriori indicazioni dalla diocesi

12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

√ą quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunit√† della diocesi nel camino di ritorno alla normalit√† della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

09/05/2020

Pasini: ¬ęCovid-19 e infortunio sul lavoro: una norma gravissima e anti-impresa¬Ľ

La legislazione di emergenza epidemiologica da Covid-19 contiene una norma (art. 42, d.l. 18/2020) che equipara l’infezione da Coronavirus ad infortunio, se contratta in occasione di lavoro

09/05/2020

Ok a manutenzione e cura dei capanni da caccia

Una nota della Prefettura di Brescia conferma che fra le attività consentite nella Fase 2 rientrano anche quelle di pulizia delle aree degli appostamenti da caccia

09/05/2020

Sì agli sport individuali

La nuova ordinanza di Regione Lombardia consente fino al 17 maggio di praticare gli sport individuali all'aperto e all’interno di centri sportivi

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi pi√Ļ votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

04/05/2020

Fase 2 in pillole

Cosa cambia da questo lunedì 4 fino a domenica 17 maggio? Fra Dpcm e ordinanze di Regione Lombardia ecco un piccolo sunto delle disposizioni

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier