Skin ADV
Mercoledì 16 Ottobre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



02 Dicembre 2018, 09.25
Valtrompia
Lettere

¬ęSi scrive acqua, si legge democrazia¬Ľ

di Mariano Mazzacani
Il Comitato referendario "Acqua pubblica" non si smonta e annuncia il via ad una "Campagna di resistenza civile"

Il 18 novembre i cittadini dell'intera provincia di Brescia hanno votato il referendum sulla gestione pubblica dell'acqua. Il risultato ottenuto, visto le forze in campo, è stato buonissimo: 209.212 cittadini hanno votato a favore della gestione pubblica.
Quasi il 97% di chi si è recato alle urne si è espresso per il sì.

Questo è l'unico dato di fatto, oggettivo ed incontrovertibile! Tutto il resto sono fumose e sterili, oltre che intellettualmente povere, ipotesi di interpretazione del voto degli astensionisti.
Per coerenza gli amministratori provinciali, maggioranza guidata dal PD, dovrebbero lavorare per trasformare, l'orientamento del voto, nella sostanziale applicazione di quanto si chiedeva attraverso le urne: tenere fuori il profitto ed i privati dalla gestione idrica provinciale.
Le stesse dichiarazioni dei dirigenti Pd sul voto, formalmente a favore del s√¨, indicherebbero una precisa volont√† politica perci√≤ ci attendiamo una svolta a 360¬į rispetto alla decisione della Provincia messa ai voti il 9 ottobre del 2015. Se cos√¨ non fosse tali dichiarazione sarebbero da interpretare come una mera posizione di opportunismo politico.

Ad onor del vero lo stesso Presidente della Provincia assertore del Sì alla gestione pubblica, alla vigilia della consultazione, il giorno successivo allo spoglio, ha esternato, in perfetta continuità col suo predecessore, che la scelta "privatistica" è quella giusta ma terremo conto della volontà popolare.
Ergo "venderanno" l'abbassamento della quota privata dal 49% al 40%, che nulla cambia in termini sostanziali, quale contentino ai cittadini che hanno votato invece un quesito in cui era chiaramente scritto "mai alcuna quota ai privati".

Sorprendentemente però nell'ultimo Consiglio Provinciale alcuni passaggi potrebbero offrire scenari inaspettati.
La lega chiede il rispetto del voto mentre Apostoli, rappresentante di Provincia Bene Comune, ha chiesto che si vada al voto, nell'assemblea dei sindaci, solo a seguito di un consiglio comunale che rispetti il voto referendario.

Su questi punti il Presidente della Provincia Alghisi si è impegnato a valutare non chiudendo immediatamente la porta. Questo apertura potrebbe prefigurare nuovi scenari politici sulla gara per la cessione del 49% di Acque Bresciane ai privati.
La verifica la avremo nel prossimo Consiglio Provinciale in cui il Presidente Alghisi si è impegnato a dare conto di quanto richiesto.

L'attivit√† del Comitato per√≤ prosegue mutando profilo: non pi√Ļ una campagna per l'appello al voto ma una campagna di resistenza civile: il nostro voto conta! Non ci √® possibile abbandonare il campo dopo quanto accaduto domenica 18 novembre che ha portato, dalla nostra parte, un numero cos√¨ importante di cittadini ad esprimersi al S√¨ all'acqua pubblica.
Nei confronti di questi cittadini abbiamo un debito d'onore. Dobbiamo lavorare per concretizzare la loro scelta.

L'altro aspetto che ci obbliga ad andare avanti √® legato al fatto che eravamo gi√† preparati ad una narrazione politica del voto tutta orientata all'astensionismo ed eravamo preparati al fatto che il lavoro pi√Ļ importante sarebbe iniziato il 19 novembre, il giorno successivo al referendum, indipendentemente dal risultato che fossimo riusciti ad acquisire sul campo.
La campagna perci√≤ si giocher√† su pi√Ļ fronti. Il fronte principale riguarda l'ingaggio dei sindaci.
Tutti i sindaci.

Cercheremo di far venire alla luce, senza fraintendimenti, quali amministrazioni saranno a favore o contro la gestione pubblica in modo che i cittadini conoscano esattamente tale posizione.
I sindaci non potranno pi√Ļ barricarsi dietro false giustificazioni legate alla mancanza di una corretta ed approfondita informazione.

Sar√† un lavoro su pi√Ļ livelli portato avanti dal Comitato stesso e completato dai diversi comitati territoriali.
Su questo aspetto chiederemo atti concreti non semplici dichiarazioni d'intento, ma consigli comunali che approvino delibere sul voto all'assemblea dei sindaci. Proprio per questo abbiamo già inoltrato richiesta al Sindaco Del Bono per un incontro in modo da condividere quale sia la posizione della sua amministrazione sul tema e quali i passi che intenderà seguire per il rispetto del voto referendario.

La campagna di resistenza civile avrà, come altro obbiettivo, l'ingaggio sul piano amministrativo-formale: ogni passaggio amministrativo, passato o futuro, sarà spulciato, analizzato, sezionato e messo in evidenza agli organi competenti per una valutazione nel merito.
L'intento è quello di acclarare che le moltissime decisioni prese nell'ambito delle gestioni idriche non rispettano le norme vigenti. E tali mancanze non permettono un regolare corso verso la gara.

La prima decisione, che riteniamo quantomeno inopportuna, è l'assegnazione della delega al servizio idrico confermata ad Andrea Ratti che è in evidente conflitto d'interesse essendo dipendente di una società della Holding A2A. A2A gestisce il 46% dei comuni Bresciani ed è in odore di gara per entrare in Acque Bresciane Srl.

Evidente il conflitto d'interesse di Ratti che riteniamo non possa rappresentare al meglio gli interessi dei cittadini.
La seconda questione emersa grazie allo studio di Remo Valsecchi, riguarda la questione ASVT. Dai documenti si evidenziano almeno 3 macro-criticità.
La prima riguarda la legittimità di ASVT come gestore del Servizio Idrico in Valle Trompia visto che non può la stessa non può dirsi in salvaguardia secondo le norme vigenti.
La seconda questione riguarda la scalata dal 49% al 74,9% della stessa ASVT che poteva essere assunta solo dopo che si fosse espletata una gara di evidenza pubblica, come previsto dalle norme per i servizi pubblici.
La terza riguarda il danno erariale a carico dei cittadini della Valle Trompia per oltre 1,4 min di Euro a seguito della cessione 24,9% delle azioni di ASVT
Un danno erariale che riteniamo possa essere di un qualche interesse della Corte dei Conti il che non dovrebbe fare fare sonni tranquilli agli amministratori Valtrumplini che hanno voluto ed avallato tale operazione.

Queste ed altre iniziative saranno portate a compimento nei prossimi mesi con l'intento di mettere in discussione quanto fatto sin qui dagli organi provinciali.
L'obbiettivo palese è stato quello di creare le premesse tecniche ed "ambientali" perché la gara per la svendita dell'acqua dei Bresciani fosse finalizzata quanto prima.

Il Comitato metterà in campo tutto quanto sarà possibile
che smantellare tale costruzione.
Perciò 209.212 grazie ai cittadini bresciani che hanno marchiato col loro segno il nostro percorso.

Si scrive Acqua si legge Democrazia!
Vi ringraziamo per l'attenzione

Mariano Mazzacani

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/02/2013 09:30:00
Consiglio di Stato: traditi i referendum sull'acqua L'organo istituzionale ritiene "incoerenti" con il quadro normativo uscito dal referendum tenutosi il 12 e 13 giugno 2011 i costi pagati da allora e invita l'Authority per l'energia ad adottare nuove tariffe. Di seguito il comunicato di Alma Aqua di Prevalle che si era spesa per il referendum

19/11/2018 10:45:00
Acqua pubblica, vince il ¬ęs√¨¬Ľ A livello provinciale si √® registrato un forte astensionismo, ma chi si √® recato alle urne ha votato quasi all’unanimit√† per la gestione pubblica. Vediamo com’√® andata nei Comuni della Valle Sabbia¬†

11/10/2013 10:30:00
Accoglienza festosa per Mariano Peli dopo l'incidente Travolto da una Fiat Punto guidata da un 21enne ubriaco e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, Mariano Peli se l'era vista davvero brutta lo scorso 28 luglio. A due mesi di distanza è tornato a casa, accolto da tutto Polaveno presso l'istituto scolastico

15/05/2015 15:20:00
Anche Marcheno aderisce ad una proposta di referendum Da un paio di giorni e fino al 3 luglio prossimo, al municipio di Marcheno sarà possibile aderire ad una raccolta firme per proporre un referendum 

02/06/2011 10:10:00
Ok sul nucleare Alla fine, tutto resta come prima: il 12 e 13 giugno si voterà il referendum sul nucleare.



Notizie da Valtrompia
11/10/2019

A sostegno delle bande e dei cori lombardi

Floriano Massardi (Consigliere regionale Lega): "240 mila euro per le bande e i cori lombardi, Regione Lombardia sostiene la buona musica"

09/10/2019

Danneggiano un camping, in sei nei guai

I carabinieri della stazione di Manerba del Garda, hanno denunciato sei giovanissimi della Val Trompia, di cui solo uno poco pi√Ļ che maggiorenne, dopo una notte brava

08/10/2019

Caccia: in dieci nei guai

Intensa attivit√† di controllo quella operata sulle operazioni di caccia dagli agenti della Provinciale che fanno capo al distaccamento di Vestone. Non ce l’ha fatta un capriolo braccato dai cani

05/10/2019

Turismo slow nelle valli bresciane

Le Prealpi Bresciane Attive si promuovono partecipando a Milano a due importanti eventi dedicati al turismo lento e all'aria aperta: il Festival del Social Walking e Milano Montagna Week

03/10/2019

Seconda edizione del laboratorio gastronomico

In Valle Trompia e la Valle Sabbia un'offerta gastronomica di cooperazione ed inclusione sociale: dal 5 ottobre al 12 dicembre un ricco calendario con 10 cene a ritmo slow

01/10/2019

Ciao Agape

Agape Nulli Quilleri, donna eccezionale legata alla Resistenza e in particolar modo alle Fiamme Verdi, di cui era presidente dal 2009, è scomparsa questa mattina. Aveva 93 anni


27/09/2019

Nasce la Greenway per riscoprire le valli sui pedali

Sabato e domenica, tra Valsabbia e Valtrompia, l’inaugurazione con una festa dedicata alle bici e alla mountain bike per scoprire gli itinerari escursionistici ideati nelle due valli

20/09/2019

A cena con Leonardo

Sabato 21 settembre si terrà presso il Museo Il Forno di Tavernole un nuovo appuntamento delle esperienze Cene in Luoghi insoliti alla scoperta dei luoghi del Circuito Valli Accoglienti e Solidali

18/09/2019

In viaggio sulle strade del ferro

Appuntamento sabato 28 e domenica 29 settembre con la Lega Antichi Motori (LAM) per la seconda edizione della Rievocazione storica che si tenne nel giugno del 2017. Non può nella "duegiorni" mancare un passaggio sulle Coste e da Odolo


27/03/2019

Obiettivo 2030: il nuovo Patto dei Sindaci per il clima e l'energia

Si svolgerà nella serata di mercoledì 3 Aprile 2019, alle ore 20:30, presso la sala consiliare del Comune di Marcheno, l'incontro sul patto dei sindaci dell'alta Valle Trompia spiegato ai cittadini

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier