Skin ADV
Domenica 04 Dicembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE


 

 





25 Agosto 2021, 10.02

Blog - Gira la Ruota

Stelvio, tra antiche rivalità e nuovi sorrisi

di Luca Pietrobelli
Ed infine, a tre anni esatti dalla mia prima scalata al Gavia, ho chiuso il ciclo

L’avevo detto: “il prossimo è lo Stelvio”, non è stato così, ci sono state tante salite in mezzo, anche mitiche, ma lo Stelvio mi è sempre sfuggito.
L’occasione è arrivata come un fulmine a ciel sereno: 3 giorni di ferie con due amici a Santa Caterina, le biciclette legate sul furgone e l’obiettivo di scalare il Gigante.

I puristi del mestiere diranno
che la vera salita al Passo Stelvio è quella da Prato, mentre noi l’abbiamo affrontata da Bormio, ma non abbiamo potuto fare altrimenti; due giorni prima abbiamo sbagliato a misurare i tempi ed i modi e ci siamo ritrovati ad affrontare un’uscita di 6 ore e mezza, rincasando a sera, stanchissimi, sarebbe stato improponibile presentarsi alla partenza di Prato dello Stelvio. Poco male, la cima è condivisa, bisognava tentare.

Ho deciso di affrontare la salita per conto mio, con il mio passo, regolare, per non rischiare tracolli inutili.
La salita da Bormio è ritenuta più semplice ed è sicuramente meno panoramica, almeno per il primo tratto; quando si raggiunge la seconda casa cantoniera e si entra nella valle del Braulio si vedono gli ultimi 5 km di salita con dei pittoreschi tornanti che rimandano alle antiche imprese dei campioni del passato.

Le pendenze non sono impossibili con un 7% circa di media e punte massime dell’11% e con tornanti che permettono di rifiatare, al contrario di quelli che si trovano sul Mortirolo che si impennano senza possibilità d’appello, è possibile affrontare la strada con regolarità e, volendo, provare a scattare.

A circa quattro chilometri dall’inizio della salita ho incontrato due ragazzi francesi che hanno poi deciso di accompagnarmi restandomi a ruota: dopo qualche tornante il meno allenato dei due si è staccato, incitando l’amico a non mollare, che l’avrebbe poi raggiunto.
E così siamo saliti insieme, io e il francese, legati dall’antica rivalità che congiunge i nostri Paesi, soprattutto se si parla di ciclismo, legati dall’atavica e impronunciabile simpatia che lega le nostre terre.

La salita, come sempre, è un viaggio sull’asfalto ed un viaggio interiore: si sentono le voci dei tifosi del Giro, si leggono le scritte sui muri (a caratteri cubitali troneggia il nome “SAGAN”), si ascoltano le proprie sensazioni e i pensieri si srotolano; tornano alla mente ricordi che si credono dimenticati e si torna ad osservare la gente che pedala.
Lo Stelvio propone l’essenza vera del ciclismo amatoriale: centinaia di persone con ogni tipo di bicicletta che si cimentano nella prova, per piacere, per allenamento, per il gusto di pedalare.

La parte più bella della salita sono i 5 km finali: un lungo falsopiano porta agli ultimi tornanti e ci si trova in una situazione decisamente strana. Si è ormai sopra i 2000 metri di altitudine, ci si sente leggeri, non perché si stia vincendo la gravità, ma per una strana sensazione data dalla rarefazione dell’aria; si pedala e si vorrebbe dare di più ma non si riesce, si riesce solo a godersi il fresco, il sole che scotta in maniera impercettibile e il panorama che si fa sempre più interessante.

Quando la strada riprende a salire si può scegliere se scendere verso il Passo Umbrail, sconfinare in Svizzera e risalire da Prato dello Stelvio o continuare: qui è finita anche la mia alleanza armata con il compagno francese, per onorare la tradizione ciclistica che accomuna tutti e due ho dovuto incrementare il ritmo per non vedermelo davanti al traguardo.
Lo so, non è una corsa, ma un pochino coi cugini bisogna sempre provarci!

L’arrivo in cima è un soffio, un colpo di pedale, un respiro.

Come è iniziato, tutto finisce e si spegne. Sei sulla cima, puoi guardare l’altro versante, osservare il confine, e lasciarti andare ancora una volta alla magica frase “ce l’ho fatta”. Giusto il tempo di salutare i nuovi amici incontrati, promettere una scalata insieme al Mont Ventoux per poi ripartire a fionda per la discesa.

La montagna, in fondo, non respinge nessuno, basta saperla prendere.
Stelvio, una salita storica, mitica, da fare e goderne almeno una volta.

Luca Pietrobelli

P.s.: la discesa è comunque più bella!

Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/05/2013 09:00
Arredi urbani La storia passa occupandosi di riciclare tutto quello che già è passato, anche i piccoli particolari colpiscono solo chi conosce la ruota che gira intorno alle nostre vite.

16/12/2014 10:11
La terra non gira, o bestie! Negli anni tra le due guerre un astronomo dilettante Bresciano, Giovanni Paneroni nato a Rudiano, percorreva la città e la provincia, con il suo carretto da gelataio, al grido: “la terra non gira o bestie!”

29/05/2013 09:44
Una scalata su due ruote verso Sant'Emiliano Sabato 1° giugno va in scena la 3° scalata in mountain bike organizzata dal GAM con partenza dalla piazza di Sarezzo e arrivo dopo 8,3 km lungo la carrabile della Passata ai 1.102 metri del santuario saretino. Le iscrizioni sono possibili sino alle ore 9 del giorno della gara

24/04/2012 11:00
Che fine ha fatto la «Ca' dè le bàchere»? A cento cinquant'anni esatti dalla nascita del poeta Angelo Maria Canossi sarebbe bello riuscire a valorizzare in qualche modo quella dimora sita a Bovegno dove il maestro trascorse gli ultimi anni di vita

28/05/2014 10:48
Si avvicina la 4° scalata in mtb a Sant'Emiliano Sabato 31 maggio alle ore 10 scatterà da piazza Cesare Battisti a Sarezzo la 4° edizione della scalata in muntain bike verso i 1.102 metri del santuario saretino 



Notizie da Sport
21/05/2022

Il Giro donne torna in Valle Sabbia

Dopo la kermesse dello scorso anno con partenza di tappa a Gavardo, il Giro d'Italia femminile torna sulle strade valsabbine, questa volta per con una delle tappe regine, il 7 luglio: la Prevalle - Maniva



13/09/2021

Incredibile Sonny, è campione europeo

Un maestoso Sonny Colbrelli ha trionfato agli Europei di ciclismo su strada, a Trento, al termine di una gara capolavoro

01/07/2021

Ottavi, finali anticipate e prime esclusioni eccellenti

Gli ottavi di finale di questo campionato d'Europa itinerante offrono grande calcio e tante emozioni. Molti i gol, diversi i colpi di scena che non avranno di certo annoiato gli spettatori

04/06/2021

Cercasi impiegato amministrativo

La proposta arriva dall'Azienda Speciale Albatros, la "municipalizzata" di Lumezzane. L'assunzione a tempo indeterminato, il relativo bando scade il 15 giugno


31/05/2021

Il punk

Con quello odierno si chiude un cerchio lungo cento episodi, un piccolo traguardo che porta questa rubrica in tripla cifra e che, per festeggiarla, sceglie una figurina diversa, anticonvenzionale, folle e oltre qualunque altro aggettivo si possa usare; ma in grado di impersonare il termine "leggenda" come poche


12/05/2021

Il poeta

Esistono molti modi di fare poesia, tra questi quello su carta, ma quella espressa da Ezio Vendrame non si limitata alle pagine dei libri, riversandosi nei campi da calcio sotto forma di ala destra


21/04/2021

Solo un grande bluff

Questa Super League, per come l'hanno presentata i diretti interessati, solo un grande bluff, e come tale andrebbe gestito: niente concessioni, accordi, solo un richiamo alle regole e tanti cari saluti in caso contrario (cosa che non avverr).

20/04/2021

El Trinche

Se parliamo di "leggende", non possiamo di certo ignorare quella del Trinche, alias Toms Felipe Carlovich, il cui mito si fonde a tratti col vero, conservando quel fascino insito solo in certe storie


23/02/2021

«Maestri di sci penalizzati»

I Maestri di sci del Maniva scrivono ai dirigenti nazionali e regionali per chiedere chiarimenti alle istituzioni


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier