Skin ADV
Sabato 24 Ottobre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



27 Luglio 2012, 10.15

Indagine congiunturale

Produzione industriale, brusca contrazione nel secondo trimestre

di red.
Nel secondo trimestre del 2012 l'attivit produttiva delle imprese manifatturiere bresciane ha registrato una significativa flessione, dopo il modesto incremento evidenziato nei primi tre mesi.

 

L’industria locale ha fortemente risentito della debolezza della domanda interna, del peggioramento del quadro macroeconomico europeo e del rallentamento degli ordini provenienti dai mercati extra UE, che avevano rappresentato il principale sostegno al made in Brescia negli ultimi mesi.
Nel dettaglio, la produzione industriale bresciana evidenza un calo dell’1,9 per cento rispetto al primo trimestre e del 7,3 per cento nei confronti del secondo trimestre del 2011. Il tasso acquisito, ovvero la variazione media annua che si avrebbe se l’indice della produzione non subisse variazioni fino alla fine del 2012, è pari a meno 4,0 per cento.
La distanza dal picco di attività pre-crisi del primo trimestre 2008 sale a -26,1 per cento, mentre il recupero dai minimi della recessione (estate 2009) si riduce a +3,4 per cento. Le previsioni a breve propendono per una nuova contrazione della produzione, dell’occupazione e della domanda proveniente sia dal mercato interno che europeo. Relativamente meno pessimistiche, ma comunque moderatamente negative, le aspettative riferite agli ordini dai Paesi extracomunitari, conseguenza del deterioramento del quadro esterno e degli effetti delle misure restrittive adottate per evitarne il surriscaldamento nella prima metà dello scorso anno.

L’andamento del manifatturiero locale sarà fortemente condizionato dagli eventi legati al contesto nazionale e internazionale, su cui pesano gli sviluppi della crisi del debito sovrano in Europa e i perduranti timori circa il futuro assetto dell’Unione monetaria, con le evidenti ricadute sulla disponibilità di credito, sulla fiducia di famiglie e imprese, oltreché sulle esportazioni nell’eurozona.

La disaggregazione della variazione della produzione per classi dimensionali mostra flessioni superiori alla media per le imprese di maggiori dimensioni (-9,8%) e per le micro (-3,7%). Contrazioni meno marcate rispetto al valore aggregato si registrano per le imprese piccole (-0,7%) e medio-piccole (-0,6%), mentre incrementi produttivi sono segnalati dagli operatori grandi (+0,8%) e medio-grandi (+1,0%).

La segmentazione per settore della dinamica congiunturale evidenzia una significativa eterogeneità fra i comparti manifatturieri. L’attività produttiva è infatti diminuita nei settori: meccanica tradizionale e mezzi di trasporto (-3,9%), carta e stampa (-2,9%), legno e mobili in legno (-2,2%), tessile (-2,1%), chimico, gomma e plastica (-1,9%), abbigliamento (-1,7%), meccanica di precisione e costruzione di apparecchiature elettriche (-0,9%), calzaturiero (-0,6%), agroalimentare e caseario (-0,1%). È invece aumentata nei comparti: maglie e calze (+1,1%), materiali da costruzione ed estrattive (+2,0%), metallurgico e siderurgico (+2,1%).

Il tasso di utilizzazione della capacità produttiva, attestatasi al 65 per cento, non ha subito significative variazioni rispetto al primo trimestre di quest’anno, ma è diminuito rispetto al 69% del secondo trimestre 2011.

Le vendite sul mercato italiano sono diminuite per il 36% delle imprese, aumentate per il 24% e rimaste invariate per il 40%. Le vendite verso i Paesi comunitari sono diminuite per il 30% degli operatori, aumentate per il 17% e rimaste stabili per il 53%; quelle verso i Paesi extra UE sono calate per il 23%, cresciute per il 21% e rimaste invariate per il 56% del campione.

I consumi energetici sono diminuiti per il 33% degli operatori, con una variazione media negativa dell’1,7%. Le giacenze di prodotti finiti sono ritenute adeguate alle necessità aziendali dall’82% delle imprese; le scorte di materie prime sono giudicate normali dall’87% del campione.

I costi di acquisto delle materie prime sono diminuiti per il 16% delle imprese, con un decremento medio dello 0,1%. I prezzi di vendita dei prodotti sono stati rivisti al ribasso dal 14% delle aziende, con una flessione media dello 0,4%.

Il costo del lavoro è cresciuto per il 6% delle aziende ed è rimasto invariato per il 92%. Gli investimenti effettuati nel trimestre sono aumentati per il 19% delle imprese e rimasti costanti per il 68%.

Le prospettive per i prossimi mesi sono ancora negative: l’attività produttiva è infatti prevista in diminuzione dal 29% delle imprese, stabile dal 58% e in aumento soltanto dal 13%. Le aspettative sono pessimistiche nei comparti: abbigliamento, calzaturiero, chimico, gomma e plastica, legno e mobili in legno, maglie e calze, materiali da costruzione ed estrattive, metallurgico e siderurgico, meccanica tradizionale e mezzi di trasporto, tessile; sono più ottimistiche per gli operatori dei settori agroalimentare e caseario, carta e stampa, meccanica di precisione e costruzione di apparecchiature elettriche. Con riferimento alle classi dimensionali, si segnalano flessioni generalizzate, particolarmente evidenti per le imprese di maggiori dimensioni, mentre segnali positivi provengono da quelle grandi.

Gli ordini provenienti dal mercato domestico sono previsti in diminuzione dal 34% delle imprese, stabili dal 57% e in aumento dal 9%; quelli dai Paesi UE sono attesi in flessione dal 24% degli operatori, invariati dal 63% e in crescita dal 13%; quelli provenienti dai mercati extracomunitari dovrebbero crescere per il 17% del campione, rimanere stabili per 64% e diminuire per il 19%. Le aspettative sulla forza lavoro rimango piuttosto pessimistiche, con un saldo negativo dell’11% fra operatori che dichiarano variazioni in aumento e in diminuzione.

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/07/2014 15:36
Industria, avanti piano e prospettive incerte Nel secondo trimestre dell’anno, la produzione industriale delle imprese manifatturiere bresciane ha evidenziato un nuovo, sebbene contenuto, incremento, che segue quelli sperimentati fra la fine del 2013 e i primi mesi del 2014.

28/10/2012 09:00
In estate la produzione azzera i guadagni degli ultimi tre anni Nel terzo trimestre del 2012, rileva il Centro Studi di AIB, l'attivit produttiva delle imprese manifatturiere bresciane ha registrato una pesante contrazione, che segue la flessione sperimentata nella rilevazione precedente.

28/04/2015 10:31
Produzione industriale, +1,9% nel primo trimestre Nel primo trimestre del 2015 l’attività produttiva delle imprese manifatturiere bresciane – secondo il Centro Studi di Aib - ha registrato una significativa crescita, a certificazione dei continui segnali di miglioramento della fase ciclica che hanno caratterizzato i primi mesi dell’anno

27/06/2012 08:30
Produzione industriale, modesto recupero a maggio Nel mese di maggio l'attivit produttiva delle imprese manifatturiere bresciane ha sperimentato un modesto incremento, dopo il brusco calo registrato in aprile.

28/06/2013 09:30
Produzione industriale, recupero in maggio In maggio l'attivit economica delle imprese manifatturiere bresciane ha registrato, secondo le rilevazioni del Centro studi di Associazione Indudstriale Bresciana - un incremento, dopo la flessione riscontrata nel mese precedente



Notizie da Economia e lavoro
08/09/2020

Affitti, cresce la disponibilità e calano i prezzi: i dati e i consigli utili

Quando si cerca una nuova casa il sogno è spesso quello di riuscire ad acquistarne una, ma non tutti possono permetterselo o vogliono impegnarsi in una scelta a lunga durata e in un mutuo...

30/07/2020

La riforma che non arriverà mai

In questi giorni si vedono processioni di pensionati con cartellette variopinte fare la coda ai patronati

30/07/2020

Brescia, si intensifica la caduta della produzione industriale

Tra aprile e giugno la variazione della produzione nel manifatturiero del -25,7% rispetto al 2019. Il risultato risente anche del crollo della produzione di aprile dovuto al lockdown per l'emergenza coronavirus

13/07/2020

Presentato il Listino dei valori degli immobili

Pubblicato da ProBrixia, è l'unico strumento ufficiale riportante dati reali e super partes, al servizio dei cittadini e dei professionisti di settore per Brescia e Provincia

24/06/2020

Il primo webinar sui temi di attualità dell'economia

Questo giovedì il Presidente di AIB Giuseppe Pasini dialogherà con il giornalista Ferruccio De Bortoli, ex direttore di Corriere della Sera e Sole 24 Ore. Gli incontri metteranno a confronto gli imprenditori bresciani con importanti ospiti dell’economia e del giornalismo italiano.

24/06/2020

Spesa alimentare, - 12 MLD in 4 mesi di pandemia

È il risultato del crollo dei pasti fuori casa in bar, ristoranti e pizzerie, che non è stato compensato dall’aumento di quelli domestici

17/06/2020

Bando Distretti del Commercio e ricostruzione economica urbana

Da Regione Lombardia 22 milioni per sostenere i Distretti del commercio, uno sforzo per rilanciare l’economia post-Covid

17/06/2020

Online da domani DAS - Digital Association Services, il nuovo sito Aib

La nuova piattaforma sostituisce, da giovedì 18 giugno, il precedente sito. Filippo Schittone (direttore Aib): “Crediamo sia un progetto proiettato al futuro, che faciliterà il rapporto tra le aziende e Aib”

12/06/2020

Crollo delle esportazioni nel primo trimestre

Gli effetti del Covid-19 si fanno sentire pesantemente sull'economia bresciana che nel primo trimestre 2020 registra un calo del 7,5% delle esportazioni rispetto allo stesso periodo del 2019 e del 4,2% rispetto al trimestre precedente.

11/06/2020

Pacchi alimentari ai Comuni bresciani

Supera quota 1000 la fornitura di Coldiretti alle amministrazioni comunali bresciane, un’alleanza con il territorio per fornire prodotti agroalimentari made in Italy alle famiglie in difficoltà

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier