Skin ADV
Sabato 24 Ottobre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



28 Aprile 2015, 10.31

Centro studi Aib

Produzione industriale, +1,9% nel primo trimestre

di Redazione
Nel primo trimestre del 2015 l’attività produttiva delle imprese manifatturiere bresciane – secondo il Centro Studi di Aib - ha registrato una significativa crescita, a certificazione dei continui segnali di miglioramento della fase ciclica che hanno caratterizzato i primi mesi dell’anno

Dopo un secondo semestre del 2014 piuttosto deludente, il settore industriale provinciale sembra quindi aver intrapreso un sentiero favorevole, sostenuto, fra l’altro, dalle misure straordinarie di politica monetaria recentemente approvate dalla BCE e dal ritorno alla fiducia da parte di famiglie e imprese. Le vendite sul mercato domestico hanno evidenziato un significativo incremento, mentre quelle nei Paesi extra UE non hanno subito variazioni degne di nota: evidentemente, il rallentamento di alcune economie emergenti ha per il momento più che compensato i benefici derivanti dal deprezzamento dell’euro.

Nel dettaglio, la produzione industriale in provincia di Brescia ha registrato un incremento congiunturale dell’1,9%; il tasso tendenziale (ossia la variazione dell’indice nei confronti dello stesso periodo dell’anno scorso) risulta sostanzialmente nullo (+0,1%). Il tasso acquisito, ovvero la variazione media annua che si avrebbe se l’indice della produzione non subisse variazioni fino alla fine del 2015, è pari a +0,7%. Nonostante il rasserenamento che caratterizza l’attuale fase congiunturale, la distanza dal picco di attività pre-crisi (primo trimestre 2008) rimane molto elevata e si attesta intorno al 28%.

Le previsioni a breve termine sono orientate per un consolidamento dell’attuale movimento di recupero del made in Brescia, in un contesto in cui le basse quotazioni delle principali commodity industriali contribuiscono ad allentare le pressioni sui margini aziendali e a liberare risorse da destinare agli investimenti, che saranno inoltre favoriti da condizioni finanziarie quanto mai vantaggiose. Le imprese beneficeranno inoltre dei guadagni di competitività derivanti dalla forte caduta della moneta nei confronti del dollaro; tutto ciò si tradurrà in un miglioramento delle prospettive occupazionali, anche alla luce dei provvedimenti approvati dal Governo nei mesi scorsi. Su tale scenario pesano tuttavia le incertezze relative alla questione greca, alle tensioni geopolitiche in Ucraina, a quelle in Libia e Medio Oriente, nonché all’indebolimento che sta caratterizzando alcune fra le più rilevanti economie emergenti (Brasile e Russia su tutte).

La disaggregazione della variazione della produzione per classi dimensionali mostra incrementi superiori alla media per le imprese grandi (+10,6%), micro (+2,7%) e medio-piccole (+2,7%); quelle piccole (+0,1%) e medio-grandi (+1,0%) hanno evidenziato variazioni positive inferiori a quella complessiva, mentre quelle maggiori sono state protagoniste di una evoluzione moderatamente negativa (-0,5%).

Con riferimento alla segmentazione della dinamica congiunturale per settori, l’attività produttiva è aumentata significativamente nei comparti meccanica tradizionale e mezzi di trasporto (+2,8%) e chimico, gomma e plastica (+2,6%); è cresciuta con minore intensità per gli operatori appartenenti alla meccanica di precisione e costruzione di apparecchiature elettriche (+2,0%), ai materiali da costruzione ed estrattive (+1,9%), al metallurgico e siderurgico (+1,9%), alle maglie e calze (1,7%), all’abbigliamento (+1,5%), al legno e mobili in legno (+1,2%) e al tessile (+0,5%). Non ha subito variazioni significative per i settori carta e stampa (+0,2%) e calzaturiero (-0,1%), mentre è diminuita nell’agroalimentare e caseario (-3,6%).

Il tasso di utilizzo della capacità produttiva, attestatosi al 72%, è cresciuto sia nei confronti della rilevazione precedente (68%), sia rispetto a quanto riscontrato nel primo trimestre del 2014 (68%).

Le vendite sul mercato italiano sono aumentate per il 52% delle imprese, diminuite per il 20% e rimaste invariate per il 28%. Le vendite verso i Paesi comunitari sono incrementate per il 35% degli operatori, scese per il 15% e rimaste stabili per il 50%; quelle verso i Paesi extra UE sono cresciute per il 25%, calate per il 30% e rimaste invariate per il 45% del campione.

I consumi energetici sono cresciuti per il 44% degli operatori, con una variazione media dell’1,9%. Le giacenze di prodotti finiti sono ritenute adeguate alle necessità aziendali dall’86% delle imprese; le scorte di materie prime sono giudicate normali dal 90% del campione.

I costi di acquisto delle materie prime sono saliti per il 17% delle imprese, con un incremento medio dello 0,4%. I prezzi di vendita dei prodotti finiti sono stati rivisti al rialzo dal 9% degli operatori, per una variazione media dello 0,3%.

Il costo del lavoro è cresciuto per il 25% delle aziende ed è rimasto invariato per il rimanente 75%. Gli investimenti effettuati nel trimestre sono aumentati per il 7% delle imprese, diminuiti per il 19% e non hanno subito variazioni per il 74%.

Le prospettive a breve termine delineano una prosecuzione della fase di espansione del manifatturiero provinciale, nonostante alcune incognite legate alle tensioni a livello internazionale di cui abbiamo precedentemente accennato. La produzione è prevista in aumento da 34 imprese su 100, stabile dal 58% e in flessione dal rimanente 8%. Segnali particolarmente confortanti per l’industria provengono dai comparti: legno e mobili in legno, meccanica di precisione e costruzione di apparecchiature elettriche, materiali da costruzione ed estrattive, metallurgico e siderurgico, meccanica tradizionale e mezzi di trasporto, chimico gomma e plastica. L’attività produttiva è attesa sostanzialmente stabile per gli operatori dell’abbigliamento, agroalimentare e caseario, calzaturiero, maglie e calze; le aspettative sono invece negative per le imprese del carta e stampa e del tessile.

Gli ordini provenienti dal mercato domestico sono in aumento dal 37% degli operatori, stabili dal 50% e in calo dal 13%; quelli dai Paesi UE sono in crescita dal 20% degli operatori del campione, invariati dal 73% e in flessione dal 7%; quelli provenienti dai mercati extracomunitari sono in incremento per il 24% delle imprese, stabili per il 57% e in diminuzione per il 19%.

Il recupero del settore manifatturiero, coniugato con gli effetti delle misure recentemente approvate dal Governo, produrrà verosimilmente un miglioramento dell’occupazione: la manodopera è infatti attesa in aumento per il 17% imprese degli intervistati, invariata per l’80% e in diminuzione per il 3%.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
05/06/2020 12:00
Brescia, nel primo trimestre 2020 pesante caduta della produzione Nel periodo tra gennaio e marzo, la variazione della produzione delle imprese manifatturiere bresciane è del -13,9% rispetto allo stesso periodo del 2019. Segnali negativi anche dall’artigianato manifatturiero

29/01/2015 13:16
Produzione industriale, quarto trimestre piatto Nuovo stallo della produzione industriale al quarto trimestre, ma la crescita media annua nel 2014 è stata del 2,1%

29/07/2014 15:36
Industria, avanti piano e prospettive incerte Nel secondo trimestre dell’anno, la produzione industriale delle imprese manifatturiere bresciane ha evidenziato un nuovo, sebbene contenuto, incremento, che segue quelli sperimentati fra la fine del 2013 e i primi mesi del 2014.

13/02/2020 10:02
Nel 2019 a Brescia si blocca la crescita della produzione industriale La variazione è nulla (0,0%), in controtendenza rispetto a quella segnata nel 2018 (+2,9%) e nel 2017 (+3,3%). Nel periodo tra ottobre e dicembre la variazione rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente è risultata negativa (-1,4%). Si tratta del secondo dato negativo consecutivo dal terzo trimestre del 2013

25/04/2013 09:00
Rallenta di nuovo la caduta della produzione industriale Nel primo trimestre del 2013 l'attivit industriale delle imprese manifatturiere bresciane - secondo le rilevazioni del Centro studi di AIB - ha confermato i segnali di stabilizzazione, gi parzialmente evidenziati negli ultimi tre mesi dell'anno scorso



Notizie da Economia e lavoro
08/09/2020

Affitti, cresce la disponibilità e calano i prezzi: i dati e i consigli utili

Quando si cerca una nuova casa il sogno è spesso quello di riuscire ad acquistarne una, ma non tutti possono permetterselo o vogliono impegnarsi in una scelta a lunga durata e in un mutuo...

30/07/2020

La riforma che non arriverà mai

In questi giorni si vedono processioni di pensionati con cartellette variopinte fare la coda ai patronati

30/07/2020

Brescia, si intensifica la caduta della produzione industriale

Tra aprile e giugno la variazione della produzione nel manifatturiero del -25,7% rispetto al 2019. Il risultato risente anche del crollo della produzione di aprile dovuto al lockdown per l'emergenza coronavirus

13/07/2020

Presentato il Listino dei valori degli immobili

Pubblicato da ProBrixia, è l'unico strumento ufficiale riportante dati reali e super partes, al servizio dei cittadini e dei professionisti di settore per Brescia e Provincia

24/06/2020

Il primo webinar sui temi di attualità dell'economia

Questo giovedì il Presidente di AIB Giuseppe Pasini dialogherà con il giornalista Ferruccio De Bortoli, ex direttore di Corriere della Sera e Sole 24 Ore. Gli incontri metteranno a confronto gli imprenditori bresciani con importanti ospiti dell’economia e del giornalismo italiano.

24/06/2020

Spesa alimentare, - 12 MLD in 4 mesi di pandemia

È il risultato del crollo dei pasti fuori casa in bar, ristoranti e pizzerie, che non è stato compensato dall’aumento di quelli domestici

17/06/2020

Bando Distretti del Commercio e ricostruzione economica urbana

Da Regione Lombardia 22 milioni per sostenere i Distretti del commercio, uno sforzo per rilanciare l’economia post-Covid

17/06/2020

Online da domani DAS - Digital Association Services, il nuovo sito Aib

La nuova piattaforma sostituisce, da giovedì 18 giugno, il precedente sito. Filippo Schittone (direttore Aib): “Crediamo sia un progetto proiettato al futuro, che faciliterà il rapporto tra le aziende e Aib”

12/06/2020

Crollo delle esportazioni nel primo trimestre

Gli effetti del Covid-19 si fanno sentire pesantemente sull'economia bresciana che nel primo trimestre 2020 registra un calo del 7,5% delle esportazioni rispetto allo stesso periodo del 2019 e del 4,2% rispetto al trimestre precedente.

11/06/2020

Pacchi alimentari ai Comuni bresciani

Supera quota 1000 la fornitura di Coldiretti alle amministrazioni comunali bresciane, un’alleanza con il territorio per fornire prodotti agroalimentari made in Italy alle famiglie in difficoltà

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier