Skin ADV
Sabato 27 Novembre 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




15 Giugno 2021, 10.00

Blog - Genitori e figli

Le parole di odio in rete. Una forma di violenza da conoscere e arginare

di Giuseppe Maiolo
"Vai a lavorare cretino!" e "Sei un escremento di rinoceronte" sono solo alcuni dei messaggi offensivi che il professor Roberto Burioni, virologo di fama, ha ricevuto nelle settimane scorse sui social

Da un po’ di tempo nel mirino degli haters, gli odiatori, il noto medico che dedica attenzione alla divulgazione scientifica, ha poi sorpreso tutti dicendo “Non li denunciamo ma li sputtaniamo”. Cosa che ha suscitato reazioni e giudizi contrapposti.

Vista la notorietà del personaggio, pensi che Burioni, esacerbato dalle continue offese pubbliche, abbia perso la pazienza e reagito con la stessa modalità degli odiatori. Una reazione comprensibile, ma serve una riflessione sul fenomeno dell’odio online che aumenta di dimensioni e influenza gli atteggiamenti e il modo pensare di tutti.

È necessario comprendere il fenomeno dell’odio che circola in rete e chiederci cosa serve per contrastare questa forma di violenza.

“Parole o-stili”, la nota Associazione che da anni si spende per responsabilizzare gli utenti della Rete a comunicare in maniera non violenta, ha messo in evidenza più volte quanto siano gravi le conseguenze delle parole di odio online.

Le offese e le minacce verbali in Internet sono ormai una pratica diffusa tra i ragazzi e costituiscono la variante violenta e mortifera del bullismo. Non va dimenticato quello che scrisse la prima vittima italiana di cyberbullismo, Carolina Picchio, che prima di suicidarsi a 13 anni, disse in modo lapidario “Le parole fanno più male delle botte”.

Ora le violenze verbali, espresse sempre di più anche dagli adulti, riempiono i social e rendono il bullismo virtuale un fenomeno nuovo. Contrariamente a quello che molti pensano quando dicono che il bullismo tradizionale e il cyberbullismo si equivalgono, dobbiamo invece riconoscere che quest’ultimo è profondamente diverso e molto più dannoso.

Dal primo, anche se a fatica, ci si poteva difendere, dal secondo sembra difficile proteggersi perché quello virtuale non concede scampo, è pervasivo, ferisce e uccide la vittima che si sente isolata e non trova protezione alcuna né solidarietà.

L’odio online è particolare perché non ha misura e chi utilizza le parole ingiuriose ha come la sensazione di non offendere né colpire. La distanza fisica impedisce al bullo di cogliere la sofferenza della vittima e leggere sul suo volto il dolore che prova. Il persecutore poi sente come un suo diritto quello di poter dire apertamente ciò che pensa e utilizza la rete per acquisire visibilità e popolarità.

Diversamente dal bullismo tradizionale in cui le azioni persecutorie restavano nascoste e sotterranee, in quello virtuale il bullo è spavaldamente interessato a rendere note le sue imprese. Le firma! Molti bulli che incontro oggi nelle scuole, in effetti non mostrano sentimenti di colpa per ciò che hanno fatto, anzi ne vanno fieri. Non percepiscono la gravità delle azioni perché non sanno che ciò che è virtuale è anche reale.

Poi nel bullismo virtuale vi è una specificità: l’alternanza dei ruoli. L’aggressore, di solito non solo è portatore di una sua sofferenza e offende perché è stato offeso, ma a sua volta può diventare egli stesso vittima in quanto l’aggredito, per difendersi da solo, trova facile in rete trasformarsi in carnefice e colpire. E questo non fa che alimentare il flusso continuo della violenza.

Giuseppe Maiolo
Docente di Psicologia delle età della vita
Università di Trento
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/11/2018 08:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/02/2020 11:00
Per un'educazione digitale Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


19/07/2021 10:52
Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere C'è da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

26/06/2021 08:00
L'estate della ripresa e i progetti per il benessere familiare Dopo il lungo tempo dell'allarme, sembra arrivare un po' di leggerezza. Ci prepariamo ad una nuova estate che speriamo serva a noi e ai figli per recuperare benessere psicologico e ridurre gli effetti dello stress

18/06/2021 09:08
Trovare risposte urgenti al disagio giovanile "Sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti" scriveva così Seid Visin, il ragazzo 20enne di Nocera Inferiore che si è suicidato pochi giorni fa



Notizie da Genitori e Figli
13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il "Gioco del calamaro" la serie TV coreana che sta spopolando


14/09/2021

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile


04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversità e in particolare quelle riguardanti la sessualità

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da più parti e da tempo, ormai, si dice che nell'educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese


19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C'è da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

10/07/2021

In vacanza da soli. Adolescenti alla ricerca dell'autonomia

L'estate è già iniziata e le vacanze pure. Per la generazione del lockdown, oltre alla sensazione di una libertà riconquistata data dall'allentamento delle restrizioni, c'è anche un appuntamento importante per la crescita: la vacanza da soli

05/07/2021

Sfide e sport estremi, cosa ci sta dietro questi comportamenti

La notizia del ragazzo trovato morto la settimana scorsa alla stazione di Merano impressiona e sconvolge

26/06/2021

L'estate della ripresa e i progetti per il benessere familiare

Dopo il lungo tempo dell'allarme, sembra arrivare un po' di leggerezza. Ci prepariamo ad una nuova estate che speriamo serva a noi e ai figli per recuperare benessere psicologico e ridurre gli effetti dello stress

18/06/2021

Trovare risposte urgenti al disagio giovanile

"Sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti" scriveva così Seid Visin, il ragazzo 20enne di Nocera Inferiore che si è suicidato pochi giorni fa

28/04/2021

Sassi dal cavalcavia, malessere e rabbia giovanile

Ci eravamo dimenticati dei ragazzi che negli anni novanta lanciavano i sassi dal cavalcavia. Invece i recenti episodi che hanno visto nuovamente protagonisti alcuni ragazzini di Gavardo al di sotto dei 14 anni, ci confermano che quel "gioco" perverso e mortifero è ancora presente

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier