Skin ADV
Domenica 05 Dicembre 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




20 Gennaio 2014, 09.28

Genitori & Figli

Le 'C' dell'educazione

di Giuseppe Maiolo
Educare è un'arte, ovvero un misto di  operazioni che richiedono risorse oggettive e conoscenze teoriche ma soprattutto impegno personale, disponibilità relazionale ed estro creativo

Educatori non si nasce ma si diventa solo se riconoscono i compiti necessari a svolgere il mestiere più difficile al mondo e si sanno attivare le proprie risorse interiori che permettono di mettere in pratica quelle che chiamiamo le "buone prassi educative" .
Il cosiddetto “buon educatore” o, come diceva Winnicott, il genitore sufficientemente buono ha necessità di conoscenze “tecniche” unitamente ad una serie di competenze e abilità che si costruiscono con pazienza e impegno sempre che ci sia il desiderio di approfondire la conoscenza di  sé.

In gran parte le abilità più significative per la sfida educativa del nostro tempo, iniziano tutte con la lettera “c”. Intanto proviamo ad elencarne alcune. Ne faranno seguito altre.

1. Conoscenze: sono l’insieme delle cose teoriche e non che è necessario sapere sui processi evolutivi. 
Questo permette di comprendere cosa vuol dire essere bambini o adolescenti e quale impatto ha ogni fase evolutiva sulla relazione educativa.
Per questo il lavoro del genitore è un mestiere da imparare. Allo stesso tempo però conoscere vuol dire  anche sapere chi siamo come adulti ed essere in grado di riconoscere le parti interne cresciute e quelle che sono rimaste infantili. Quelle solide e quelle fragili.

2. Competenze relazionali, sono le nostre capacità di intrattenere e sviluppare con gli altri e in modo particolare con i figli, rapporti soddisfacenti, maturi e autorevoli, costruttivi e soddisfacenti per noi e per loro.

3. Capacità affettiva è l’essere in grado di dare ed esprimere affetto, cioè saper manifestare le proprie emozioni.
Perché educare significa saper esprimere il proprio mondo emotivo-affettivo, ovvero permettere e permettersi senza timore i sentimenti anche quelli difficili.

4. Comprensione vuol dire saper capire l’altro, non solo per quello che dice ma anche quello che vive e prova ma non riferisce a parole.
Significa sentire empaticamente ciò che il proprio figlio sente.
Vuol dire immedesimarsi, essere nella sua pelle e accettare fino in fondo i suoi pensieri e il suo modo di essere, anche se abbiamo un’altra visione della vita e la nostra esperienza.

5. Comunicazione è il saper parlare al bambino e all’adolescente con un linguaggio appropriato e adatto al suo universo.
Ma poiché si comunica sia a parole che a gesti, a livello verbale e non verbale, saper comunicare vuol dire conoscere bene questi codici.
Poi la comunicazione è anche saper ascoltare fino in fondo, dedicare cioè attenzione, presenza, partecipazione. In una parola vuol dire “esserci”.

Giuseppe Maiolo
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/03/2014 09:01
San Giuseppe: quale festa del padre? Si fa riferimento al padre putativo di Gesù, per ricordare le funzioni del padre, anche se prevale il sospetto che gli aspetti commerciali abbiano fatto perdere la valenza simbolica di questa figura

29/04/2015 08:22
Le parole nella separazione Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

02/03/2014 09:34
Prostituirsi per gioco? A leggere di giovani adolescenti che a Ventimiglia si prostituiscono per "gioco", colpiscono diverse cose

04/08/2021 07:16
Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversit e in particolare quelle riguardanti la sessualit

03/03/2012 10:00
Due incontri per avvicinare genitori e figli Un miniciclo dal titolo "Problemi educativi tra genitori e figli, strategie di cambiamento" stato promosso da Coordinamento genitori e Comune nelle serate del 6 e 13 marzo



Notizie da Genitori e Figli
13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il "Gioco del calamaro" la serie TV coreana che sta spopolando


14/09/2021

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile


04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversit e in particolare quelle riguardanti la sessualit

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da pi parti e da tempo, ormai, si dice che nell'educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese


19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C' da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

10/07/2021

In vacanza da soli. Adolescenti alla ricerca dell'autonomia

L'estate gi iniziata e le vacanze pure. Per la generazione del lockdown, oltre alla sensazione di una libert riconquistata data dall'allentamento delle restrizioni, c' anche un appuntamento importante per la crescita: la vacanza da soli

05/07/2021

Sfide e sport estremi, cosa ci sta dietro questi comportamenti

La notizia del ragazzo trovato morto la settimana scorsa alla stazione di Merano impressiona e sconvolge

26/06/2021

L'estate della ripresa e i progetti per il benessere familiare

Dopo il lungo tempo dell'allarme, sembra arrivare un po' di leggerezza. Ci prepariamo ad una nuova estate che speriamo serva a noi e ai figli per recuperare benessere psicologico e ridurre gli effetti dello stress

18/06/2021

Trovare risposte urgenti al disagio giovanile

"Sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti" scriveva cos Seid Visin, il ragazzo 20enne di Nocera Inferiore che si suicidato pochi giorni fa

15/06/2021

Le parole di odio in rete. Una forma di violenza da conoscere e arginare

"Vai a lavorare cretino!" e "Sei un escremento di rinoceronte" sono solo alcuni dei messaggi offensivi che il professor Roberto Burioni, virologo di fama, ha ricevuto nelle settimane scorse sui social

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier