Skin ADV
Giovedì 04 Giugno 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



21 Novembre 2018, 11.05

Salute

Decreto vaccini, ecco cosa ne pensa il Moige

di red.
Farmacovigilanza attiva, fine dell’obbligo e coinvolgimento delle famiglie. Queste le richieste del Movimento Italiano Genitori al nuovo Parlamento

L’eliminazione della obbligatorietà e l’inserimento del concetto di ''raccomandazione"; la creazione, con esperti esterni ed indipendenti, di un sistema di farmacovigilanza autenticamente "attivo"; confronto aperto e permanente con le associazioni di genitori; apertura delle farmacie alla profilassi vaccinale al fine di facilitare le famiglie nella vaccinazione.
Sono queste alcune delle richieste presentate ieri in Commissione Sanità del Senato in occasione dell’audizione sul decreto Vaccini.

“Crediamo, da sempre, che la libertà sia il punto di partenza da tenere presente per una strategia vaccinale efficace, unita ad una completa informazione che comunichi efficacemente e correttamente le opportunità ed i rischi dell’atto vaccinale.
Inoltre, ricordiamo che la fiducia è il presupposto del rapporto medico-paziente, come lo è tra istituzioni e cittadini”, ha dichiarato Antonio Affinita, direttore generale del Moige.

Nel ddl si ribadisce la costituzione dell’anagrafe vaccinale, ma si nota l’assenza grave, di un sistema di farmacovigilanza attivo. Spesso si effettuano soltanto le segnalazioni “passive”, arrivate spontaneamente da operatori sanitari e dai genitori e non raccolte attivamente controllando specifici gruppi di vaccinati; Aifa riferisce che il 70% di queste segnalazioni proviene da una sola regione (il Veneto) che sappiamo essere dotato da anni da un sistema di farmacovigilanza rodato. Ci si chiede quante segnalazioni sarebbero arrivate se anche tutte le altre regioni avessero utilizzato strumenti del Veneto.
Si capisce, a maggior ragione, che è necessario avviare una raccolta dati “attiva”, su tutto il territorio nazionale.

Peraltro da una farmacovigilanza attiva effettuata per un anno nella regione Puglia dalle sue autorità sanitarie si conferma questa necessità.
Infatti in un importante studio di sorveglianza attiva-passiva degli eventi avversi dopo la vaccinazione MPRV nel periodo compreso fra il 15-5-17 e il 15-5-18, emergono dati interessanti.
Con farmacovigilanza attiva gli eventi avversi gravi hanno un’incidenza del 40,69 su mille (vuol dire il 4 su 100). Con farmacovigilanza passiva eventi avversi gravi 0,12 su mille (1 su su 10.000).  Le segnalazioni gravi raccolte con lo studio superano di 339 volte quelle ricevute spontaneamente.

Crediamo sia semplicemente irresponsabile obbligare ampie fasce di popolazione a  un trattamento farmacologico-vaccinale senza preoccuparsi di osservarne attivamente gli effetti.

Con l’attuale sistema di farmacovigilanza passivo, decisamente inaffidabile, risulta difficile stabilire correttamente il rapporto costo-beneficio di un atto farmacologico vaccinale e quindi rassicurare i genitori preoccupati sugli effetti e sulle conseguenze.

Per questo auspichiamo:

1. l’eliminazione della obbligatorietà e l’inserimento del concetto di ''raccomandazione", per un numero di vaccini che venga stabilito ogni tre anni dal consiglio superiore di sanità, alla luce di considerazioni di rischi sia epidemiologici sia vaccinali, e di politica sanitaria'';

2. la creazione, con esperti esterni ed indipendenti, di un sistema di farmacovigilanza autenticamente "attivo" relativamente a tutte le profilassi vaccinali;

3. l’Impegno del Ministero della salute di indire ogni tre anni una conferenza nazionale sulle vaccinazioni, aperta a tutto il mondo medico, mirante al confronto ed analisi della profilassi vaccinale al fine di verificare criticità ed opportunità;

4. il confronto aperto e permanente, fino ad ora mai avvenuto, tra Ministero della salute ed associazioni di genitori, sia per azioni di confronto e consulto sia per prevedere azioni nazionali di informazione ai genitori;

5. l'apertura delle farmacie alla profilassi vaccinale al fine di facilitare le famiglie nella vaccinazione.

“Riteniamo quindi che la sfida per le politiche vaccinali efficaci si possa vincere solo in questo modo, ispirandosi al “modello Veneto” e con il coinvolgimento attivo e centrale delle famiglie, che liberamente informate, possano comprendere e decidere di conseguenza”, ha dichiarato Antonio Affinita, direttore generale del Moige, ai senatori della Commissione Sanità del Senato.

Fonte: comunicato stampa

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/11/2013 09:16:00
Le radici dell'immobilismo italiano Nel 1864 il parlamento italiano sembrava molto più interessato alla questione del Veneto e di Roma piuttosto che alla finanza pubblica

06/02/2015 13:47:00
A Gardone una raccolta firme Grillina

Su richiesta del Movimento 5 Stelle, presso gli uffici comunali di Gardone, sarà possibile sostenere una raccolta firme 



08/03/2020 08:12:00
Ecco il Decreto Vi proponiamo in allegato la forma definitiva del Decreto che stabilisce comportamenti sociali e pubblici da adottare in Lombardia e nelle altre 14 province e nel resto del Paese

11/06/2013 09:00:00
Ecobonus con sorpresa Nel Consiglio dei Ministri di venerdì 31 maggio è stato dato il via libera all'atteso Decreto legge sulla proroga dei c.d. "eco-bonus"

24/06/2012 09:00:00
SISTRI, un'altra proroga Il Decreto Legge Sviluppo ha determinato la sospensione del SISTRI, stop fino a giugno 2013.



Notizie da Politica e territorio
03/06/2020

Rilancio della montagna bresciana

Visit Brescia promuove tre incontri online per ciascuna delle Valli Bresciane per elaborare piani di rilancio “su misura” per promuovere il territorio e attrarre turisti

28/05/2020

I sette di Montagna che avanza

“Montagna che Avanza è il gruppo, prendersi cura è il motto!” così si presentano su Instagram, social su cui è molto vivo il progetto

18/05/2020

Fase 2 bis in pillole

Da questo lunedì 18 maggio riprendono in tutta Italia gran parte delle attività commerciali aperte al pubblico. In Lombardia permangono alcune restrizioni. Tornano anche le messe coi fedeli.

17/05/2020

«Uno sguardo sul territorio»

Dal Civile alla Poliambulanza, passando per AiutiAMOBrescia. Facciamo il punto coi protagonisti. E’ la proposta “Made in Caino” con uno sguardo sull’itera provincia. Questo lunedì sera in diretta su Youtube

09/05/2020

Ok a manutenzione e cura dei capanni da caccia

Una nota della Prefettura di Brescia conferma che fra le attività consentite nella Fase 2 rientrano anche quelle di pulizia delle aree degli appostamenti da caccia

09/05/2020

Sì agli sport individuali

La nuova ordinanza di Regione Lombardia consente fino al 17 maggio di praticare gli sport individuali all'aperto e all’interno di centri sportivi

04/05/2020

Fase 2 in pillole

Cosa cambia da questo lunedì 4 fino a domenica 17 maggio? Fra Dpcm e ordinanze di Regione Lombardia ecco un piccolo sunto delle disposizioni

01/05/2020

Buona Festa del Lavoro

Dal Prefetto di Brescia, Attilio Visconti, gli auguri ai rappresentanti del mondo sindacale e ai lavoratori bresciani per la ricorrenza del Primo Maggio in questo periodo di pandemia


01/05/2020

«Se vai dai nonni», da Regione decalogo per visita agli anziani

A partire da lunedì 4 maggio si potranno effettuare visite ai parenti. Per quanto riguardo la visita ai propri nonni, Regione Lombardia ha pubblicato una sorta di decalogo perchè avvengano in sicurezza

30/04/2020

Comunità montane, richieste per la Fase 2

Anche gli enti comprensoriali della montagna bresciana hanno affidato all'Uncem le richieste da presentare al governo per la ripartenza

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier