Skin ADV
Sabato 27 Febbraio 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 


 


25 Maggio 2014, 09.20

Quaderni di Cinema

«Corpo celeste» martedì sera su Rai5

di Nicola Cargnoni
Meravigliose “meraviglie”: si chiude il Festival di Cannes e l’attrice italiana Alice Rohrwacher, al suo secondo film, vince il Grand Prix speciale della giuria con «Le meraviglie». • Qui la recensione

Tre anni dopo «Corpo celeste», splendido film d’esordio, la regista Alice Rohrwacher (sorella della bravissima attrice Alba) torna nelle sale, presentando il nuovo lavoro, «Le meraviglie», in concorso a Cannes.
Sperando di poterlo vedere e recensire a breve, per il momento posso riportare i commenti di chi lo ha visto e mi ha riferito di un film molto ironico, con un impianto semplice e che regge bene, ma che nella seconda parte si lascia andare a spunti molto visionari e immaginifici.
Fortemente autobiografico, ritrae la vita agreste di una famiglia di apicoltori: il padre di Alice e Alba è infatti un apicoltore tedesco, sposatosi con una donna italiana e insediatosi tra Toscana e Umbria.

Ma Alice non è nuova al festival di Cannes.
La sua opera prima, infatti, era stata accolta molto bene alla Quinzaine des réalisateurs nel 2011 e aveva piacevolmente sorpreso la critica e il pubblico.
«Corpo celeste» è un film delicato, molto poetico, che vede come protagonista una ragazzina, Marta, che dopo essere cresciuta in Svizzera, torna a Reggio Calabria; immersa nella terribile realtà urbana calabrese, si deve preparare alla Cresima.
Quello di Marta è un viaggio dantesco, durante il quale deve affrontare una società chiusa, molto ignorante, guidata da dettami religiosi, ma a loro volta intrappolati nel circolo vizioso della tradizione, più che della fede, con un parroco che è più politico che uomo di chiesa.
Personaggi vividi e terribili, donne radicalmente cattive, situazioni ed episodi frustranti sono i “lampi” che illuminano il percorso che Marta fa verso la Cresima.

L’abilità della regista è di saper dirigere l’intero cast, formato per lo più da attori non professionisti. Le soggettive, spesso ad “altezza bambino”, permettono allo spettatore di entrare in sintonia con Marta, vedendo il mondo con gli occhi della ragazzina. Le scene interne, spesso girate in ambienti disadorni e freddi (specchio di una solitudine malcelata), si alternano con il caotico arredo urbano di una società confusa nel traffico, così come nell’interpretazione della morale religiosa.

L’incontro con un prete folle porterà Marta a una vera e propria redenzione epifanica finale, dove la sovversione delle regole, la ribellione allo status quo sociale e la fuga verso la libertà (stavolta l’orizzonte limitato di un cantiere e non il mare come dei «400 colpi») richiamano alla memoria tanto cinema francese a noi caro, da Jean Vigo a François Truffaut.

Questo film-gioiello sarà proposto da Rai5, martedì 27 maggio alle 21.15.

Di seguito il promo:


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/04/2014 09:37
NYMPH()MANIAC: la noia del sesso In anteprima, la recensione di un capolavoro di 4 ore, diviso in due parti, con cui il regista danese Lars Von Trier realizza un affresco di vita.
Nei cinema dal 3 aprile con la prima parte e dal 24 aprile con la seconda

01/06/2014 09:51
Welcome to New York, le tenebre di Abel Ferrara Il nuovo e cupo film di Abel Ferrara, un viaggio negli abissi delle deviazioni umane, è stato presentato a Cannes e distribuito in contemporanea mondiale e direttamente online sulle maggiori piattaforme digitali da giovedì 22 maggio

17/09/2014 06:33
«Belluscone» e «La zuppa del demonio», l’Italia del piccolo-grande cinema Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalità che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

11/09/2014 07:45
«L'arte della felicità» è l'esordio di Alessandro Rak Dopo la lunga pausa estiva torna l'apprezzatissima rubrica 'Quaderni di Cinema', di Nicola (nimi) Cargnoni, con la recensione di un bellissimo film d'animazione del 2013 che sta uscendo in DVD


27/02/2014 09:32
Molière in bicicletta: il teatro al cinema Una deliziosa commedia francese che si risolve in un congegnato meccanismo ben riuscito



Notizie da Quaderni di cinema
11/06/2015

La guerra infuria al cinema

Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

01/06/2015

Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema

Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

28/05/2015

Matteo Garrone e il suo Racconto dei Racconti

Ispirandosi a una raccolta di fiabe del XVII secolo, il regista romano si impegna in un lavoro che ha il merito della novità nel panorama cinematografico italiano


26/05/2015

Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino

Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

11/05/2015

«Forza maggiore» e le valanghe che ci travolgono

Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben Östlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

07/05/2015

I bambini di Veltroni ne sanno abbastanza, ma non più degli adulti

Dopo l’esordio col film su Berlinguer, Veltroni sposta lo sguardo dal passato al futuro in un tentativo che risulta piuttosto buonista

04/05/2015

«Child 44»: spazio al thriller melodrammatico

Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

30/04/2015

«Samba», il ballo tra integrazione e amore

La coppia Toledano-Nakache torna nelle sale con un film riuscito a metà

17/04/2015

Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti

In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

13/04/2015

La vergine giurata

La «Vergine giurata» di Laura Bispuri è l’ottimo esordio della giovane regista. Paesaggi e silenzi si alternano in un meraviglioso affresco che ha, al centro, un personaggio enigmatico e nuovo per il nostro cinema

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier