Skin ADV
Lunedì 08 Marzo 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




22 Dicembre 2020, 15.00

Blog - Genitori e figli

Natale in lockdown con i figli, tempo da condividere

di Giuseppe Maiolo
“Sarà un Natale diverso” è la frase che risuona di più in questi giorni. Lo abbiamo capito da un po’ a prescindere dalle indicazioni governative. Ma questo ritornello credo ci serva per prepararci alla ricorrenza da vivere quest’anno come una preziosa occasione relazionale e educativa

Bloccati in casa, avremo bisogno non solo di stare vicini tra di noi e distanti dagli altri per combattere il contagio, ma soprattutto trovare momenti di reale condivisione familiare per contrastare sconforto, apatia e ridurre l’uso compulsivo dei dispositivi digitali.

Un’occasione che può servire per contenere quel fenomeno deleterio per le relazioni chiamato phubbing, cioè isolamento sul proprio smartphone che esclude chi in realtà sta vicino o di fronte. Un comportamento ormai diffuso tra grandi e piccini, che il distanziamento sociale può aumentare. Lo sforzo in queste prossime feste potrebbe essere quello di coinvolgere di più i figli in attività comuni e farli collaborare in casa più di quanto accada di solito.

Il “fare insieme” in cucina, ad esempio, è un’occasione preziosa dal punto di vista educativo. Preparare un pranzo, un dolce o altro è assai utile perché fa fare ai bambini attività manuale e, alla fine, è esperienza gratificante. Dà reale soddisfazione e ricompensa  il vedere che quello che ho preparato piace e fa sperimentare il senso buono dell’autoefficacia, quello che secondo lo psicologo Bandura porta a dire “E’ mio il merito!”.

Cucinare insieme punta sulla collaborazione e la partecipazione che, tra l’altro è un buon modo per combattere la concorrenza spietata della tecnologia. Soprattutto però l’apprendimento cooperativo non esclude l’osservanza delle regole, anzi ne chiede la condivisione e ne sottolinea l’importanza. La realizzazione di una ricetta culinaria è un percorso specifico che prevede passaggi e azioni sperimentate da rispettare anche se sono ammesse varianti creative.  Se poi il genitore attribuisce davvero compiti specifici e supervisiona l’attività del bambino con comprensione e non con “buonismo”, la cucina diventa il luogo dove si possono sperimentare responsabilità e impegno come pure capacità di fare scelte, anche minime ma ugualmente importanti, come il poter decidere gli ingredienti aggiungere sulla pizza o la forma da dare a un dolce prima della cottura.

Imparare facendo però deve essere più un gioco divertente che una prestazione. Ancor meno una competizione. E tra le cose che più valgono di questa esperienza vi è il recupero del valore del tempo. In particolare quello dell’attesa perché oggi non sappiamo più aspettare, e i piccoli imparano presto che basta premere un pulsante per far comparire e scomparire la realtà virtuale. L’arte di cucinare invece richiede tempo, quello della preparazione e quello dell’attesa della cottura. Così la cucina, luogo per eccellenza di trasformazioni, è il posto in cui si può cogliere il valore che hanno la pazienza e la resistenza nell’apprendimento e nel cambiamento. Grazie ad esse ci è possibile godere il piacere delle conquiste e dei risultati ottenuti oppure accettare l’insuccesso e ricominciare daccapo.

Collaborazione e condivisione sono allora proposte da promuovere in queste festività blindate. Magari con i figli più grandi si potrà provare a condividere anche la tecnologia. Sarebbe l’occasione per non sentirla e non farla sentire ai figli come una nemica solo da combattere. Utilizzare insieme dispositivi e giochi, condividere momenti di attività comune con lo stesso smartphone o lo stesso tablet è possibile e serve per creare alleanze nuove e a ridurre la distanza tra le generazioni.

Ormai ci sono una quantità di giochi che possono essere fatti sullo stesso schermo. Basta cercare l’applicazione più adatta per sperimentare con i figli vicinanza e reale condivisione sia dello strumento che del divertimento, che è ben diversa da quei “like” automatici e compulsivi che ci siamo abituati a mettere ovunque senza una reale partecipazione

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/11/2018 08:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/02/2020 11:00
Per un'educazione digitale Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


24/09/2019 08:41
Dimenticare un bambino in auto. Perché? Ti sconvolge non poco la notizia di un bambino dimenticato in auto da un genitore, come è accaduto di recente a Catania


01/07/2020 08:15
L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza


07/10/2019 16:32
Mamme tigri e figli stressati La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.



Notizie da Genitori e Figli
11/02/2020

Per un'educazione digitale

Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell'Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero pi di 6 milioni...


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

20/06/2015

Tempo di esami

Tempo di bilanci per gli studenti, ovvero tempo di esami. E con questi ansia e stress. Perché gli esami, si sa, sono una messa alla prova, una verifica per poter passare da un livello ad un altro

06/05/2015

Mala Educaciòn

Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

29/04/2015

Le parole nella separazione

Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

21/04/2015

L'elogio del dubbio 2

È ripartito anche  quest’anno il ciclo di incontri di Educativa Familiare denominato GENITORI IN FORMAzione. Il primo incontro di questo percorso si è tenuto martedì scorso a Villanuova sul Clisi e il secondo avrà luogo a Barghe questa sera


23/03/2015

Il legame fraterno

La relazione che lega i fratelli può essere semplice e allo stesso tempo complessa, ma costituisce il primo rapporto affettivo che potremmo definire orizzontale perché si sviluppa tra pari


10/03/2015

Cyberbullismo

Alcuni giorni fa la RAI ha trasmesso un video mostrando un episodio di bullismo: una ragazza di 17 anni che con inaudita violenza aggredisce un’altra ragazza di 12 anni

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier