Green pass: che cos'è, come funziona
di Redazione

Il Green pass, o «Certificazione verde Covid-19», sarà obbligatorio a partire da venerdì 6 agosto per accedere a numerosi eventi ed attività al chiuso. Facciamo chiarezza


Era già richiesto per partecipare alle cerimonie, accedere alle residenze sanitarie assistenziali e per spostarsi in entrata e in uscita dalle zone rosse o arancioni, ma a partire da venerdì 6 agosto diventerà parte integrante della vita di tutti i giorni.

Parliamo del Green pass, l’ormai nota “Certificazione verde Covid-19”.

Che cos’è. Il Green pass è una Certificazione in formato digitale e stampabile, emessa dalla piattaforma nazionale del Ministero della Salute, che contiene un QR Code per verificarne autenticità e validità.

A cosa serve. Da questo venerdì, 6 agosto, servirà - oltre che nei casi già citati - per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò e concorsi pubblici.

Il Green pass è inoltre valido come “EU Digital Covid Certificate” e rende più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell'Unione Europea e dell’area Schengen.

Chi ne ha diritto. Il Green pass può essere emesso per chi è stato vaccinato contro il Covid (Il pass ha una validità di nove mesi; è possibile ottenerlo anche con una sola dose di vaccino: in questo caso è valido dal 15esimo giorno dalla prima e fino alla seconda somministrazione), o ha ottenuto un risultato negativo al test molecolare/antigenico o è guarito dall’infezione.

L’emissione della Certificazione viene notificata dal Ministero della Salute via posta elettronica o SMS, e da quel momento è scaricabile con l’apposito codice accedendo alle piattaforme digitali dedicate.

Come ottenerlo. Per accedere al Green pass le principali possibilità sono il sito dedicato dgc.gov.it, il fascicolo sanitario elettronico e le app Immuni e IO.

È anche possibile rivolgersi al numero di pubblica utilità del Ministero della Salute (1500), al call center di Immuni (800.91.24.921) e all’assistenza di PagoPa per le segnalazioni che arrivano dall’app IO.

E se ho i requisiti ma non ho ricevuto il codice per scaricare il Green pass? E’ possibile recuperare il proprio Authcode subito e in autonomia attraverso la nuova applicazione attiva dal 30 luglio. Basta inserire il codice fiscale, le ultime 8 cifre della tessera sanitaria e la data dell'evento che ha generato la certificazione verde (data dell'ultima vaccinazione o del prelievo del tampone o, per le certificazioni di guarigione, la data del primo tampone molecolare positivo). Una volta ottenuto l'Authcode sarà possibile scaricare la certificazione.

Chi non dispone di strumenti digitali, infine, potrà rivolgersi al proprio medico di medicina generale, al pediatra di libera scelta o in farmacia.

Fonte: www.dgc.gov.it/web

210802-GreenPass.jpg