Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno
di Gianpiero Rossi

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni


Dunque ho intenzione di specificare questo: mangia quello che ti piace in questo tempo di celebrazione.
Se confini l’abbondanza ai 3-4 pranzi o cene tra Natale e capodanno, punta a tutti gli altri pasti quotidiani per recuperare, ma non per saltare col digiuno. Sono più importanti le tante cene successive che non le poche celebrative.

Come funziona questo in sintonia con l'essere sani? Ha a che fare non con ciò che si mangia, ma come si mangia. Sto parlando di mangiare consapevole. E’ qualcosa da praticare sempre, ma soprattutto quando il cibo delle feste abbonda sulle tavole.
Che ci credi o no, prestando attenzione ad alcuni facili accorgimenti alimentari di consapevolezza può aiutarti a godere la cucina Natalizia ancora di più.
Dai priorità ai cibi che veramente ami - le cose deliziose che sono speciali per questo periodo dell'anno e che adori. Mangiali quanto prima, ma godendoteli.

Prenditi davvero il tempo di assaporare quello che stai mangiando
.
Non affrettarti da buttarle giù in fretta. Più sono cibi importanti e carichi di calorie, falli durare con calma mentre li assapori. Se hai intenzione di avere quel panettone, specie se con qualche crema o la salsa al brandy sopra, vacci piano nel vero senso …della parola, cioè piano con i sensi.

Se te li godi mentre li mangi non avrai bisogno di esagerare con questo appagamento di qualità e sarai in pace con te stessa anche dopo che li avrai mangiati. Non ti rovini la festa e quelle successive.
Di fronte ad un buffet o abbondanza di cibo, non appesantirti sa subito riempiendo il piatto dall'inizio del tavolo. Prima di servirti, guarda tutto ciò che è a disposizione. Decidi le tre cose che ti vuoi godere di più e proseguire dritta per essi. Comincia da questi. Non c'è nessun obbligo che dice che devi mangiare tutto ciò che è preparato, anche se dalle mani generose di chi ha cucinato per te. Non è il momento di compiacere altri, se non te stessa.

Se è possibile, evita lo spiluccamento inconsapevole del cibo.
Ciò significa che una volta che hai scelto cosa mangiare per il pasto successivo, passa lontano dal cibo il tempo che rimane. Quando il cibo è a portata di mano è così facile continuare a mangiare di là della vera soddisfazione, che dura pochissimi minuti per poi trasformarsi in senso di colpa.
Questo vale tanto per il “finger food” o quella ciotola di patatine rimasta in giro o sacchetto di arachidi aperto. Se lo vuoi avere – pensarci e fallo rientrare in uno spuntino ogni tre ore tra un pasto e l’altro e non di meno. Se ci pensi puoi anche decidere cosa scegliere di meglio, come la frutta.

Allena i tuoi occhi a riconoscere una porzione giusta.

Ogni volta che ti stai servendo, utilizza mentalmente il "piatto ideale" come guida, un quarto di proteine, un quarto di carboidrati e con la metà di verdure. E con una cena più leggera del pranzo. Con tale regola quotidiana, puoi abbondare quelle tre cene o pranzi tra Natale e capodanno e compensare nelle ore successive.
Mi fa sempre sorridere quando vedo la frenesia al supermercato alla vigilia di Natale. Persone che comprano come se non ci sarà domani, come se i negozi stanno per chiudere definitivamente. In realtà, i negozi sono chiusi per un giorno, e i centri commerciali addirittura sempre aperti.

La stessa teoria vale per chi fa il pieno il giorno di Natale
.
Ricorda che il cibo si vedrà di nuovo! Non c’è sottratto. Se in casa addirittura avanzerà per quando ne avrai ancora voglia.
Più difficile in un ristorante che poi lascerai. In questo caso assapora lentamente la rara qualità servita, proprio come se fosse l’ultima, mentre nello stesso tempo gli altri avranno deglutito il doppio, magari senza gustarselo perché distratti…

Puoi approfondire l’argomento scaricando il Pdf gratuito degli 11 trucchi salva peso & no-dieta per superare indenni le gozzoviglie di fine anno
Ti auguro un felice e sano Natale.

Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica
Lumezzane - tel. 030 82 64 09
Body Mind Center, Salò - tel. 0365 21 318
gprossi@intelligenza.it
www.magrapersempre.it


Cibo.jpg