Nave, arrivano gli speed check
di Redazione

Verranno posati lungo il tratto di Provinciale che da Nave raggiunge la Mitria. Una decisione che registra anche qualche dissenso


Da una parte chi paventa gli altissimi rischi dovuti ai veicoli lanciati a velocità folli fra le case, dall’altra chi preferirebbe di gran lunga la prevenzione e l’educazione dei cittadini al rischio di incorrere in pesantissime sanzioni per pochi chilometri orari di velocità in più, magari quando non c’è in giro nessuno.

La decisione comunque è stata presa e contenti o scontenti che siano, i cittadini di Nave, gli speed check se li ritroveranno in casa.
Bene attenzione dovranno fare però tutti gli automobilisti che utilizzano la 237 del Caffaro, magari per raggiungere la città o la valle Sabbia.

Del resto i dati in possesso dell’Amministrazione comunale, oltre alle firme di numerosi cittadini che chiedevano l’introduzione di forme di dissuasione alla velocità, sono quelli raccolti alcuno mesi fa dalla Polizia locale, che hanno messo nero su bianco statistiche preoccupanti: una ventina di chilometri orari in più (il limite è dei 50) nelle ore diurne, e si tratterebbe di “medie”, anche 80-90 chilometri orari di notte.

Ecco dunque che già lo scorso anno era stata inviata una richiesta alla prefettura, perché includesse il tratto che va dall'incrocio semaforico fino ai Casello della Mitria, all'interno di un recente decreto prefettizio. Un provvedimento che elenca quelle strade sulle quali, essendo impossibile fermare i veicoli senza causare intralcio o pericolo, prevede la possibilità di utilizzare sistemi “remoti” di rilevazione della velocità.
In municipio, con un investimento di 23mila euro sul bilancio dell’Unione dei Comuni, hanno già acquistato 5 speed check.

All’interno verrà montato il «telelaser trucam» che è in grado di funzionare anche a notevole distanza e pure di notte.
Si dice anche che non ci sia bisogno di nessuna pattuglia sul posto: sarebbe insomma sufficiente il semplice fotogramma scattato dalla velocissima macchina per inguaiare il trasgressore.

Gli utenti della strada sono avvisati.

140816Provinciale.jpg