L'assessore Belleri nelle scuole per spiegare la differenziata
di Rosa Casari

La scorsa settimana l'assessore all'Ambiente di Concesio č andato nelle scuole medie ed elementari per spiegare il corretto funzionamento della raccolta differenziata dei rifiuti, lasciando anche dei cestini coi quali fare pratica di smaltimento

 
Differenziare i rifiuti non è così difficile, e per imparare da subito è giusto parlarne con i giovani d’oggi, che saranno gli adulti di domani.
 
Perciò l'assessore all’Ecologia e Ambiente del Comune di Concesio si è mosso, in sinergia con un funzionario di Aprica (gestore del servizio integrato di igiene urbana), andando direttamente nelle scuole il 29 e 30 ottobre scorsi per spiegare il corretto conferimento dei rifiuti.
 
Agli incontri hanno partecipato circa 800 studenti tra elementari e medie, dimostratisi interessati e molto partecipi sul tema, sopratutto con tante e e diverse domande su dove buttare i vari rifiuti.
 
"Inoltre - sottolinea l'assessore Giampietro Belleri -, presso l'ufficio tecnico comunale è stato predisposto un manifesto riportante le "istruzioni" e i cestini nei quali conferire le diverse tipologie di rifiuti che possono essere prodotti in ambiente scolastico, distribuiti per ogni classe a perenne monito, oltre che nei corridoi dove sono state allestite delle 'mini-isole' con cestini colorati ai sensi delle linee-guida europee sui rifiuti".
 
Un'iniziativa che segue l'introduzione dei cassonetti grigi (indifferenziato) e marrone (umido/organico) dotati di calotta, il sistema di controllo degli accessi studiato per aumentare la percentuale di raccolta differenziata, stazionaria ormai da diversi anni a poco meno del 50%.
 
"E’ importante spiegare anche ai bambini e ragazzi - aggiunge l'assessore Belleri - qual è lo scopo e come effettuare correttamente la raccolta differenziata, facendo loro capire che basta un minimo sforzo per fare qualcosa di grande per tutti.
 
Infatti, grazie ai manifesti e alle mini-isole all’uopo predisposti, anche loro potranno immedesimarsi nel mondo degli adulti, elargendo anche istruzioni e consigli ai genitori, tutt’ora alle prese con la novità della calotta".
 
I rifiuti, quando non vengono differenziati, finiscono infatti nel termovalorizzatore per essere inceneriti. Pertanto, differenziare e conferire correttamente i rifiuti significa permettere che quello che noi scartiamo possa invece essere recuperato come "materia prima" per una nuova lavorazione, evitando così sprechi evitabili di nuove materie prime.
 
"E’ ovvio che non basterà l’impegno dei ragazzi - chiude Giampietro Belleri -, ma servirà anche il senso di responsabilità del personale scolastico, affinché anche all’interno dei plessi si arrivi a un comportamento corretto, in linea con la strategia adottata dall'amministrazione comunale. Ringrazio personalmente anche la dirigente scolastica dr.ssa Puccio e tutto il personale docente e non docente in servizio negli istituti di Concesio per l'opportunità coffertaci e la disponibilità e sensibilità dimostrate".