Un centenario triumplino ospite d'onore a Collio
di Vanessa Maggi

Stasera alle 19, all'interno della festa alpina, il paese dell'Alta Valle accoglierŗ Pietro Paterlini, nato l'11 febbraio 1913, reduce della battaglia del 26 gennaio 1943 di Nikolajewka e da anni residente nel comune milanese di Pioltello

 
Sarà un giorno speciale quello ch si appresta a vivere questa sera Collio, ultimo paese della Valtrompia dove giungerà il centenario Pietro Paterlini, reduce dalla battaglia di Nikolajewka.
 
Una visita che avviene nel corso della festa della locale sezione degi alpini, con l'arrivo dal paese milanese di Pioltello di chi l'11 febbraio 1913 nacque da Pietro Paterlini e Rosa Zanardelli e che il 26 gennaio 1943 faceva parte della battaglia che vide il 6¬į battaglione degli Alpini aprirsi una via verso la salvezza dall'infame campagna di Russia.
 
Cento anni nei quali Pietro Paterlini venne anche deportato in Germania, prima di tornare nella sua Valle ed emigrare nella Bassa bresciana per svolgere il mestiere di mungitore in varie cascine della zona.
 
Poi, la vita l'ha portato verso Pioltello (Milano), dove s'è costruito una famiglia, non scordando mai le sue origini triumpline e quell'amato Collio che gli ha dato i natali un secolo fa.
 
Una visita speciale di chi ancora, nonostante la veneranda età sa raccontare con grande lucidità la propria storia, così come potrà fare stasera dalle ore 19 nel parco che si trova accanto al trampolino.
 
Ospite d'onore di una festa che proseguirà anche sabato 10 agosto all'insegna di appuntamenti sportivi (alle 14 la gara di minibike) e musicali (alle 21 la serata dedicata ai giovani).
pietro_paterlini.jpg