Coppia in tuta...addio eros
di da www.riza.it

Se nella coppia lui e lei si abbandonano a comode routine, aprono le porte alla trascuratezza e rischiano di mettere in crisi il loro rapporto; perché accade e come evitarlo

 
La donna che sta sempre in tuta e con i capelli in disordine, e l'uomo sempre in pantofole e con un vestiario trasandato: sono le due immagini simbolo di un'intimità di coppia che ha varcato i confini del relax domestico, per approdare a quelli della trascuratezza.
Un passaggio graduale, a volte quasi impercettibile e tuttavia assai concreto, che può riguardare uno o entrambi i partner e che esprime una trasformazione involutiva della coppia e del singolo all'interno di quella coppia.
La trascuratezza infatti può manifestarsi in modo per lo più estetico ma non solo. In ogni caso avvelenando l' eros...
 
La donna che, quando è in casa, non si trucca mai o che indossa sempre la stessa "tutona" che nega le sue forme, e che non valorizza neanche un po' la propria femminilità, non raramente trascura anche altri aspetti essenziali (il senso del bello, il dedicarsi ad attività creative e ricreative, un atteggiamento poetico o romantico, il tempo per la sessualità) in nome di una funzionalità a tutto campo che privilegia - non sempre, peraltro - l'ordine, la cucina e la pulizia.

L'uomo che dedica poco tempo all'igiene personale, che si fa la barba solo quando "serve", che non si interessa dei vestiti che indossa, spesso rivela anche una sciatteria esistenziale: si occupa poco delle questioni domestico-familiari, non esce mai dalle solite abitudini, non è mai brillante, non intraprende e non propone nulla di nuovo alla partner e sembra sempre un po' assente, immerso nel proprio brodo fatto di lavoro e di routine.
Un eventuale punto in comune, per tutti e due, è un evidente aumento di peso associato alla mancanza di una benché minima preoccupazione estetica o salutistica.

Certamente nella donna la cosa è più "spettacolare", perché a lei è maggiormente attribuita per tradizione la cura del corpo e dell'aspetto (cosmesi, indumenti, accessori) ma, anche l'uomo sciatto, per chi lo vive da vicino, ha una sua forza d'impatto, ovviamente negativa.
E diventa ancor più visibile quando contrasta con il modo in cui ci si presenta invece al mondo esterno - non tanto quello degli amici quanto piuttosto quello del lavoro - che resta magari impeccabile, oppure con il modo curato, sensuale e intraprendente in cui ci si presentava al partner nel primi tempi dell'innamoramento e della convivenza. Quel che è certo, in entrambi i casi, è il risultato finale: un'azione distruttiva sull' eros e sul desiderio sessuale.

Sembra che nella storia della coppia, di questa coppia, ci sia un momento preciso in cui almeno uno dei due si sente "sicuro dell'altro" e pensa di non dover più fare nulla per piacergli attivamente, perché ormai il suo amore e l'attrazione che egli prova sono "acquisiti", scontati. E da questo momento considera sia la casa che il tempo che si trascorre insieme come "luoghi di rilascio", in cui lasciarsi andare.
E in effetti ci si lascia andare: alla deriva, estetica e mentale. Si confonde la naturalezza con la sciatteria, l'intimità con la negazione dell'attenzione all'altro. Ma essere se stessi significa far vedere solo la propria parte più stanca e trasandata? Ed è giusto dare il meglio di sé, le migliori energie e le armi di seduzione (profumo, vestiti, charme, brillantezza, senso dell'umorismo, sensualità) solo al di fuori della coppia "consolidata"?

Premesso che è fondamentale sentire la coppia come spazio in cui potersi mostrare liberamente nei quotidiani momenti di riposo, di stanchezza e di malattia, non va dimenticato che la cura non contrasta con la comodità e con la vera espressione di sé, anzi spesso aiuta a viverle in modo migliore. Inoltre va tenuto presente che il partner all'inizio ci ha voluti "anche" per l'aspetto e per il tono generale che mostravamo.
Trascurarsi davanti a lui significa mandargli un messaggio chiaro, anche se magari intimamente non è così: «Non mi interessa più quello che pensi di me, non è con te che tiro fuori la parte migliore di me».
E il partner, che nel mondo riceve stimoli continui (dalle riviste, dai colleghi di lavoro, dai media, dagli amici, da Internet) può cominciare a vacillare. Se è vero che una storia d'amore non si basa sul confronto con gli altri, non va bene neanche un atteggiamento di totale rinuncia.

L' eros è un'energia sacra e va nutrita con la parte migliore di sé e delle proprie energie.
Trascurare se stessi in coppia significa trascurare la coppia. E a quel punto non ci si deve stupire se arriva una crisi che si poteva tranquillamente evitare.
 
tute.png